Pablo Echaurren protagonista a Siena con una personale alla Biblioteca Briganti


PaginEchaurren è la mostra aperta dal 9 dicembre 2019 al 5 marzo 2020 che, inserita nell’articolato argomento del ’libro d’artista’, di recente approfondito nelle iniziative della Biblioteca e Fototeca Briganti a Siena, racchiude una selezione di vari lavori dell’artista romano Pablo Echaurren (Roma, 1951), dalla personalità poliedrica e anticonformista, divenuto per molti un imprescindibile modello generazionale. Definito dalla critica un “genio eclettico”, Echaurren si caratterizza attraverso pittura, illustrazione, graphic novel, collage, ceramica, stoffe, gioielli, video, musica, scrittura di libri, in un concetto di arte sentita come “virale”. Sono oltre quaranta gli elaborati su carta presentati in mostra, scelti in un arco temporale che va dagli anni Settanta ad oggi.

La rassegna, ospitata nei locali della Biblioteca Briganti (all’interno del complesso di Santa Maria della Scala) si apre con i lavori del giovanissimo Pablo, affermatosi con una micropittura ad acquerello, eseguita entro piccoli riquadri, disposti sequenzialmente, affiancati da originali collage, e non ultima, da una selezione della sua vasta produzione come illustratore, di copertine per riviste storiche e collane editoriali (sua la celebre copertina di Porci con le ali del 1976), di racconti d’autore a fumetti, fino ai recenti libri-libri. Se fra i primi sostenitori dell’esordiente Pablo Echeurren figurano l’artista Gianfranco Baruchello e il gallerista Arturo Schwarz, fra i primi studiosi che hanno segnalato il valore del suo operato, troviamo oltre ad Emilio Villa, Henry Martin, Achille Bonito Oliva, anche Giuliano Briganti, all’epoca docente di Storia dell’arte presso l’Università di Siena. Questi lascerà alcuni scritti sul promettente artista, di cui ricordiamo Segnalati Bolaffi 1973 e una recenzione su La Repubblica, del 27 febbraio 1976. In seguito molti altri ne scriveranno, fra i quali Renato Barilli, Maurizio Calvesi, Paola Pallottino e Vincenzo Mollica.

Pablo Echaurren intorno al 1970 ha già messo a punto una propria cifra stilistica, realizzando i primi “quadratini”, acquerelli e smalti di piccole dimensioni. Tra il 1973 e il 1975 espone a Basilea, Philadelphia, Zurigo, Berlino, New York, Bruxelles e nel 1975 alla Biennale di Parigi. Nel 1976 utilizza la formula dei “quadratini” per l’immagine di copertina dei volumi della casa editrice Savelli di cui Porci con le ali resta una sorta di icona generazionale.

In breve decide che è giunto il momento di abbandonare il ruolo di “artista” e partecipa all’esperienza dei cosiddetti “indiani metropolitani”, la corrente ironica e creativa del movimento di contestazione sorto nel 1977. Oggi il materiale di Echaurren connesso con l’esperienza degli “indiani” è raccolto presso la Beinecke Library dell’Univeristà di Yale.

Dagli anni Ottanta la sua produzione si distingue sempre più per una contaminazione di alto e basso, di arte pura e arte applicata.

Le ultime mostre personali sono state tutte allestite in spazi pubblici e museali: Chiostro del Bramante (Roma 2004), Magazzini del Sale (Siena 2008), Auditorium Parco della musica (Roma 2006 e 2009), MACRO (Roma 2011), Palazzo Cipolla-Museo Fondazione Roma (Roma 2010-2011), MAR (Ravenna 2011), Fondazione Querini Stampalia (Venezia 2013), Estorick Collection (Londra 2014), Galleria Nazionale d’arte moderna e contemporanea (Roma 2015-2016), Museo Nacional de Bellas Artes MNBA (Santiago de Chile 2016), Museo de Arte Contemporáneo MAC (Santiago de Chile 2016), Scala Contarini del Bovolo (Venezia 2017), Museo in Trastevere (Roma 2017), Palazzo Platamone (Catania 2017), MART (Rovereto 2019).

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del complesso di Santa Maria della Scala.

Nell’immagine: Pablo Echaurren, Il mondo alla rovescia (1991), acrilico su carta, 100x100 cm. Collezione privata

Pablo Echaurren protagonista a Siena con una personale alla Biblioteca Briganti
Pablo Echaurren protagonista a Siena con una personale alla Biblioteca Briganti


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma