Claudine Drai torna a Venezia con un progetto inedito che coinvolge Wim Wenders


Dopo il 2017, l’artista francese Claudine Drai torna a Venezia in occasione della 59° Biennale d’Arte con un progetto inedito che coinvolge Wim Wenders. 

Dopo il successo della mostra Le lien des mondes nel 2017, l’artista francese Claudine Drai (Parigi, 1951) torna a Venezia in concomitanza della 59° Biennale d’Arte con un progetto inedito che coinvolge Wim Wenders con un film dedicato all’artista in proiezione al Teatrino di Palazzo Grassi e ACP - Art Capital Partners Palazzo Franchetti, negli spazi del secondo piano nobile, che oggi accoglie anche la Biblioteca Morandiana.

Come nel 2017, quando il progetto espositivo si fondava sull’interazione tra arte contemporanea, poesia, arte culinaria e alta moda riunendo lo chef stellato Guy Martin, lo stilista Hubert Barrère e lo scrittore Olivier Kaeppelin al fianco dell’artista, anche in questo occasione la mostra si presenta ricca di contaminazioni tra diversi mondi.

In concomitanza con la mostra allestita nella sede di ACP - Art Capital Partners - Palazzo Franchetti, a Venezia, dal 22 aprile al 15 maggio 2022, presso il Teatrino di Palazzo Grassi verrà presentata per la prima volta al pubblico Présence, un’installazione realizzata dal regista tedesco Wim Wenders che esplora l’universo artistico di Claudine Drai (22 aprile proiezione ore 17 e 23 aprile con due proiezioni di 35 minuti alle ore 17 e alle ore 18.30, ingresso fino ad esaurimento posti).

L’installazione girata in 3D tra il 2020 e il 2021 intende esplorare l’universo artistico di Claudine Drai attraverso un racconto visivo evocativo. Wim Wenders è rimasto ipnotizzato e commosso dal lavoro di Claudine Drai quando l’ha incontrata per la prima volta. Ha percepito la sua arte distintamente diversa da qualsiasi cosa avesse mai visto, allo stesso tempo così emotiva ed evocativa. Il regista ha così sentito il desiderio di saperne di più sul misterioso regno spirituale fatto principalmente di carta; dall’altra parte Claudine Drai ha sentito di potersi fidare di Wim Wenders con il suo mondo fragile e poetico. Nei loro successivi colloqui e incontri hanno deciso di avventurarsi insieme andando al di là di una semplice visione, dando vita a una creazione comune, diversa da qualsiasi categoria cinematografica e priva di regole o forme d’arte esistenti.

La mostra realizzata da ACP - Art Capital Partners in collaborazione con la galleria Clavé Fine Art, intende essere un primo sguardo nel mondo di Claudine Drai.

Foto ©️ Wim Wenders

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraPrésence
CittàVenezia
SedeACP - Palazzo Franchetti
DateDal 22/04/2022 al 15/05/2022
ArtistiWim Wenders, Claudine Drai
TemiArte contemporanea, Venezia

Claudine Drai torna a Venezia con un progetto inedito che coinvolge Wim Wenders
Claudine Drai torna a Venezia con un progetto inedito che coinvolge Wim Wenders


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Al Labirinto della Masone una grande mostra sull'aeropittura futurista con cento opere
Al Labirinto della Masone una grande mostra sull'aeropittura futurista con cento opere
OGR Torino, una mostra ripercorre il tema arte e natura dall'Arte povera a oggi
OGR Torino, una mostra ripercorre il tema arte e natura dall'Arte povera a oggi
Al via a Lugano la prima retrospettiva svizzera di Luigi Pericle
Al via a Lugano la prima retrospettiva svizzera di Luigi Pericle
Il Vesuvio nella storia dell'arte da De Nittis a Burri e Warhol, tra fascino e paura. In mostra a Napoli
Il Vesuvio nella storia dell'arte da De Nittis a Burri e Warhol, tra fascino e paura. In mostra a Napoli
A Villa Bardini la prima mostra italiana dedicata alla danzatrice rivoluzionaria Isadora Duncan
A Villa Bardini la prima mostra italiana dedicata alla danzatrice rivoluzionaria Isadora Duncan
Bologna, Dario Picariello espone tre grandi installazioni come ponte tra passato e presente
Bologna, Dario Picariello espone tre grandi installazioni come ponte tra passato e presente