Le morbide sculture di carta di Janine von Thüngen in mostra a Palazzo Branciforte


Nell’ambito di Palermo delle Donne, Palazzo Branciforte ospita la personale di Janine von Thüngen con le sue sculture di carta washi.

A Palazzo Branciforte a Palermo inaugura oggi, 24 maggio 2019, alle ore 19, la personale di Janine von Thüngen, Tempo Trasposto.

Curata da Stefania Morici e Clara Monroy di Giampilieri, la rassegna espone sculture di carta: un materiale delicato, che potrebbe bruciare e distruggersi, che sottolinea la precarietà della vita e l’ineluttabilità del tempo.

"Il corpo delle opere è fatto di un impasto particolare di cellulosa morbida mischiata a colla e indurenti. L’impasto viene pressato tra due forme di silicone, impronte ricavate delle antiche mura di catacombe romane. Attraverso una lenta essiccazione, l’impasto si indurisce per rivelare degli spessi fogli di carta molto materici che sembrano librarsi nello spazio. Minuziosamente, con una pazienza da certosina, strato su strato vengono applicati strappi della preziosissima carta giapponese Washi, pregiata, forte, resistente, e al contempo candida, morbida, trasparente ed elegante e, non contenendo lignina, non ingiallirà mai nel tempo” ha spiegato l’artista.

“Sculture dinosauri” collocate all’interno dell’antico Monte di Pietà, l’ex banco dei pegni ancora visibile nel palazzo.
Per le sculture presenti in mostra, Janine von Thüngen ha strappato un chilometro e mezzo di carta Washi in migliaia di minuscoli pezzettini. Il tempo necessario per essiccare le sculture è lungo, ma il tempo per sovrapporre migliaia di strati di carta Washi uno sull’altro, è molto più lungo, soprattutto per la necessità di renderlo omogeneo. “Una volta finito, tutto questo tempo potrebbe bruciare facilmente in un attimo, ed essendo carta, il processo sarebbe irreversibile“ ha aggiunto l’artista. ”Non rimarrebbe nulla. Ci dimenticheremmo della sua stessa esistenza, anche perché è bianca. Eterea. Forse le parole devono ancora arrivare alla carta? Immagino che ogni strato di Washi, leggerissima, delicata e trasparente conterrà in futuro una o più segni o parole, frivole o eterne”.

Nel grande atrio di accesso al palazzo è stata collocata invece la scultura in bronzo Doppia eternità (2018), creata con la stessa matrice in silicone delle opere su carta.

"Ancora una volta, Fondazione Sicilia è lieta di ospitare una mostra di arte contemporanea che sicuramente farà riflettere. Le opere di Janine von Thüngen affrontano temi assolutamente attuali, come il fluire del tempo, ma anche il rapporto con la natura e la condizione delle donne. Un percorso che non mancherà di suscitare riflessioni e dibattiti”  ha affermato il presidente, Raffaele Bonsignore.

La mostra rientra in Palermo delle Donne, progetto che intende promuovere un corretto stile di vita e mettere in evidenza il ruolo della donna nella società.

Per info: www.palermodelledonne.it

Orari: Dalle 9.30 alle 18.30

Biglietto: 7 euro. La mostra fa parte del percorso di visita di Palazzo Branciforte.

Immagine: Janine von Thüngen, Grande nastro (2018)

Le morbide sculture di carta di Janine von Thüngen in mostra a Palazzo Branciforte
Le morbide sculture di carta di Janine von Thüngen in mostra a Palazzo Branciforte


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER