Quali sono i riferimenti artistici dei film di Pasolini? Una mostra focus alla Magnani-Rocca


La Fondazione Magnani-Rocca presenta una mostra focus dedicata ai riferimenti artistici dei film di Pier Paolo Pasolini.

In occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, avvenuta il 5 marzo 1922 a Bologna, la Fondazione Magnani-Rocca, nella Villa di Mamiano di Traversetolo (Parma), presenta dall’11 settembre al 12 dicembre 2021 una mostra focus che intende evidenziare l’aperto dialogo del poeta e regista con la letteratura, il cinema, le arti figurative. La ricerca di questo dialogo fu al centro anche dell’interesse culturale di Luigi Magnani, fondatore della Magnani-Rocca, che visse a Roma nello stesso periodo di Pasolini e che ne possedeva le pubblicazioni. Una particolare attenzione sarà data ai riferimenti artistici ed estetici nei film di Pasolini.

Pier Paolo Pasolini. Fotogrammi di pittura, questo il titolo dell’esposizone a cura di Stefano Roffi e Mauro Carrera, si ispira al fatto che Pasolini, pittore anche lui per tutta la vita, indicava sempre i modelli pittorici come riferimenti per il proprio linguaggio cinematografico, più per stile che per iconografia, spesso costruendo le inquadrature come scene dipinte. 

In mostra esposti sontuosi costumi realizzati per i film, prestati dallo CSAC di Parma, e indossati da celebri attrici, come Silvana Mangano, locandine originali dei film, rare fotografie d’epoca e la galleria fotografica delle opere d’arte che Pasolini ebbe come riferimento, in accostamento alle scene tratte dai film.

In particolare nel suo primo film Accattone (1961) emerge l’influenza del celebre studioso e critico d’arte Roberto Longhi, del quale Pasolini fu allievo all’Università di Bologna, e delle sue lezioni sul Romanico, su Masaccio e su Caravaggio. Anche nel suo secondo film Mamma Roma (1962), l’immagine finale del ragazzo, morente e legato nell’infermeria della prigione, riprende il Cristo morto di Andrea Mantegna.

Ne La ricotta, episodio da RoGoPaG (1963), Pasolini ricostruisce a tableau vivant, due opere di manieristi toscani: la monumentale Deposizione di Cristo di Rosso Fiorentino (1521) e l’imponente pala, di soggetto analogo, del Pontormo. Numerosi sono i riferimenti pittorici anche ne Il Vangelo secondo Matteo (1964) e Teorema (1968), in particolare Piero della Francesca e Francis Bacon; e ancora, ne Il Decameron (1971) il regista dichiara il suo debito verso Giotto e Velázquez, ma la grande arte è presente nella concezione estetica di tutti i film di Pasolini, fino all’ultimo Salò o le 120 giornate di Sodoma. L’estremo tableau vivant è la morte caravaggesca del regista a Ostia il 2 novembre 1975. 

La mostra ha il patrocinio e la collaborazione del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia (PN) e del Centro Studi - Archivio Pier Paolo Pasolini presso la Fondazione Cineteca di Bologna. La collaborazione con la Fondazione AAMOD renderà possibile la visione in mostra del documentario Pasolini cultura e società (1967) di Carlo Di Carlo.

Per info: www.magnanirocca.it    

Orari: dal martedì al venerdì dalle 10 alle 18; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19. Chiuso il lunedì. 

Immagine: Pier Paolo Pasolini (Roma, 1971). Foto di Sandro Becchetti. 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraPier Paolo Pasolini. Fotogrammi di pittura
CittàMamiano di Traversetolo
SedeFondazione Magnani-Rocca
DateDal 11/09/2021 al 12/12/2021
ArtistiPier Paolo Pasolini
CuratoriStefano Roffi, Mauro Carrera
TemiPier Paolo Pasolini, Fondazione Magnani-Rocca, Maminao di Traversetolo

Quali sono i riferimenti artistici dei film di Pasolini? Una mostra focus alla Magnani-Rocca
Quali sono i riferimenti artistici dei film di Pasolini? Una mostra focus alla Magnani-Rocca


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


La Galleria Borghese dedica una monografica a Luigi Valadier, ebanista e orafo della Roma del Settecento
La Galleria Borghese dedica una monografica a Luigi Valadier, ebanista e orafo della Roma del Settecento
A Pistoia, sguardi sull'arte del secondo Novecento
A Pistoia, sguardi sull'arte del secondo Novecento
A Milano una mostra dedicata a Irving Penn, grande fotografo americano
A Milano una mostra dedicata a Irving Penn, grande fotografo americano
Insomnia Cookies: a Palermo una collettiva sull'amore (etero e omosessuale), da Ontani a Lüthi
Insomnia Cookies: a Palermo una collettiva sull'amore (etero e omosessuale), da Ontani a Lüthi
A Roma torna la mostra collettiva dedicata a David Bowie nei locali di SpazioCima
A Roma torna la mostra collettiva dedicata a David Bowie nei locali di SpazioCima
A Gorizia una mostra sui kimono della prima metà del XX secolo
A Gorizia una mostra sui kimono della prima metà del XX secolo