Quali sono i riferimenti artistici dei film di Pasolini? Una mostra focus alla Magnani-Rocca


La Fondazione Magnani-Rocca presenta una mostra focus dedicata ai riferimenti artistici dei film di Pier Paolo Pasolini.

In occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, avvenuta il 5 marzo 1922 a Bologna, la Fondazione Magnani-Rocca, nella Villa di Mamiano di Traversetolo (Parma), presenta dall’11 settembre al 12 dicembre 2021 una mostra focus che intende evidenziare l’aperto dialogo del poeta e regista con la letteratura, il cinema, le arti figurative. La ricerca di questo dialogo fu al centro anche dell’interesse culturale di Luigi Magnani, fondatore della Magnani-Rocca, che visse a Roma nello stesso periodo di Pasolini e che ne possedeva le pubblicazioni. Una particolare attenzione sarà data ai riferimenti artistici ed estetici nei film di Pasolini.

Pier Paolo Pasolini. Fotogrammi di pittura, questo il titolo dell’esposizone a cura di Stefano Roffi e Mauro Carrera, si ispira al fatto che Pasolini, pittore anche lui per tutta la vita, indicava sempre i modelli pittorici come riferimenti per il proprio linguaggio cinematografico, più per stile che per iconografia, spesso costruendo le inquadrature come scene dipinte. 

In mostra esposti sontuosi costumi realizzati per i film, prestati dallo CSAC di Parma, e indossati da celebri attrici, come Silvana Mangano, locandine originali dei film, rare fotografie d’epoca e la galleria fotografica delle opere d’arte che Pasolini ebbe come riferimento, in accostamento alle scene tratte dai film.

In particolare nel suo primo film Accattone (1961) emerge l’influenza del celebre studioso e critico d’arte Roberto Longhi, del quale Pasolini fu allievo all’Università di Bologna, e delle sue lezioni sul Romanico, su Masaccio e su Caravaggio. Anche nel suo secondo film Mamma Roma (1962), l’immagine finale del ragazzo, morente e legato nell’infermeria della prigione, riprende il Cristo morto di Andrea Mantegna.

Ne La ricotta, episodio da RoGoPaG (1963), Pasolini ricostruisce a tableau vivant, due opere di manieristi toscani: la monumentale Deposizione di Cristo di Rosso Fiorentino (1521) e l’imponente pala, di soggetto analogo, del Pontormo. Numerosi sono i riferimenti pittorici anche ne Il Vangelo secondo Matteo (1964) e Teorema (1968), in particolare Piero della Francesca e Francis Bacon; e ancora, ne Il Decameron (1971) il regista dichiara il suo debito verso Giotto e Velázquez, ma la grande arte è presente nella concezione estetica di tutti i film di Pasolini, fino all’ultimo Salò o le 120 giornate di Sodoma. L’estremo tableau vivant è la morte caravaggesca del regista a Ostia il 2 novembre 1975. 

La mostra ha il patrocinio e la collaborazione del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia (PN) e del Centro Studi - Archivio Pier Paolo Pasolini presso la Fondazione Cineteca di Bologna. La collaborazione con la Fondazione AAMOD renderà possibile la visione in mostra del documentario Pasolini cultura e società (1967) di Carlo Di Carlo.

Per info: www.magnanirocca.it    

Orari: dal martedì al venerdì dalle 10 alle 18; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19. Chiuso il lunedì. 

Immagine: Pier Paolo Pasolini (Roma, 1971). Foto di Sandro Becchetti. 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraPier Paolo Pasolini. Fotogrammi di pittura
CittàMamiano di Traversetolo
SedeFondazione Magnani-Rocca
DateDal 11/09/2021 al 12/12/2021
ArtistiPier Paolo Pasolini
CuratoriStefano Roffi, Mauro Carrera
TemiPier Paolo Pasolini, Fondazione Magnani-Rocca, Maminao di Traversetolo

Quali sono i riferimenti artistici dei film di Pasolini? Una mostra focus alla Magnani-Rocca
Quali sono i riferimenti artistici dei film di Pasolini? Una mostra focus alla Magnani-Rocca


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma