Pietre colorate molto vaghe e belle: a Mantova opere d'arte realizzate con la tecnica del commesso


Il Castello di San Giorgio a Mantova ospita fino al 31 marzo 2019 la mostra che espone opere d’arte realizzate con pietre colorate.

Presso il Castello di San Giorgio di Mantova, facente parte del Complesso Museale Palazzo Ducale della città, è visitabile fino al 31 marzo 2019 la mostra "Pietre colorate molto vaghe e belle. Arte senza tempo dal Museo dell’Opificio delle Pietre Dure". 

Sono esposte opere realizzate con la tecnica artistica denominata "commesso", attraverso la quale vengono create immagini, sulla base di un modello pittorico, assemblando piccole sezioni di pietre colorate, quali porfidi, diaspri, agate, lapislazzuli. Si può ammirare il dipinto "L’Allegoria della Terra" realizzato da Giuseppe Zocchi nel 1750 e la sua trasposizione in pietra realizzata nel 1752 dalla Manifattura Granducale su commissione dell’imperatore Francesco Stefano di Lorena, oggi conservata al Complesso della Hofburg a Vienna.

Per la prima volta è esposta inoltre al pubblico la trasposizione moderna dell’Allegoria della Terra in commesso in pietre dure, realizzata dal Laboratorio del Settore Mosaico e commesso in pietre dure dell’Opificio delle Pietre Dure: un’eccezione nell’attività consueta dell’Opificio, che oggigiorno si occupa di restauro delle opere d’arte.

Sono in mostra alcuni fogli appartenenti al patrimonio grafico della Manifattura Granducale, istituita da Ferdinando I de’ Medici nel 1588: una raccolta conservata nel Gabinetto Disegni e Stampe del Museo dell’Opificio.

Pietre colorate molto vaghe e belle. Arte senza tempo dal Museo dell’Opificio delle Pietre Dure è a cura di Sandra Rossi, Peter Assmann e Anna Patera, con la collaborazione scientifica di Riccardo Gennaioli, e rientra nelle iniziative organizzate per l’Anno europeo del Patrimonio Culturale 2018.

Per info: www.mantovaducale.beniculturali.it

Orari: Da martedì a domenica dalle 8.15 alle 19.15. Chiuso il lunedì.

Biglietti: Intero 12 euro, ridotto 7,50 euro.

Immagine: Manifattura granducale (su modello di Giuseppe Zocchi), Allegoria della terra (1750;  commesso di pietre dure; Vienna, Hofburg)

 

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraPietre colorate molto vaghe e belle. Arte senza tempo dal Museo dell'Opificio delle Pietre Dure
CittàMantova
SedeCastello di San Giorgio
DateDal 20/10/2018 al 31/03/2019
TemiSettecento

Pietre colorate molto vaghe e belle: a Mantova opere d'arte realizzate con la tecnica del commesso
Pietre colorate molto vaghe e belle: a Mantova opere d'arte realizzate con la tecnica del commesso


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Quest'anno è Artemisia Gentileschi la protagonista dell'esposizione natalizia del Museo Diocesano di Milano
Quest'anno è Artemisia Gentileschi la protagonista dell'esposizione natalizia del Museo Diocesano di Milano
Venezia, Antonia Di Giulio e Ralph Gibson protagonisti della mostra “1988-2018”
Venezia, Antonia Di Giulio e Ralph Gibson protagonisti della mostra “1988-2018”
A ottobre arriverà a Palazzo Reale di Milano Toulouse-Lautrec. ll mondo fuggevole
A ottobre arriverà a Palazzo Reale di Milano Toulouse-Lautrec. ll mondo fuggevole
Il mondo ispanico di Jesse A. Fernández in mostra a Palermo
Il mondo ispanico di Jesse A. Fernández in mostra a Palermo
Il Victoria & Albert Museum celebra Mary Quant, l'inventrice della minigonna
Il Victoria & Albert Museum celebra Mary Quant, l'inventrice della minigonna
A Carrara la personale del fotografo Enrico Amici, dedicata all'identità e alle trasformazioni del territorio
A Carrara la personale del fotografo Enrico Amici, dedicata all'identità e alle trasformazioni del territorio