Prorogata fino al 3 febbraio 2019 l'esposizione La stanza di Mantegna


Dato il grande successo di pubblico, la mostra “La stanza di Mantegna” allestita presso Palazzo Barberini a Roma è stata prorogata fino al 3 febbraio 2019.

Dato il grande successo di pubblico che la mostra La stanza di Mantegna. Capolavori dal Museo Jacquemart-André di Parigi ha ottenuto, l’esposizione allestita presso le Gallerie Nazionali di Arte Antica - Palazzo Barberini a Roma è stata prorogata fino al 3 febbraio 2019.

Fulcro della rassegna curata da Michele Di Monte è l’Ecce Homo di Andrea Mantegna, affiancato alla Madonna con il Bambino tra i santi Gerolamo e Ludovico di Tolosa attribuita a Mantegna, alla Madonna col Bambino di Cima da Conegliano, al raro ritratto su pergamena di Giorgio Schiavone, al disegno di scuola mantegnesca raffigurante Ercole e Anteo e al bronzetto di Andrea Briosco, detto il Riccio.

Le sei opere in mostra provengono dalla prestigiosa collezione del celebre Edouard André (Parigi, 1833-1894) e di sua moglie Nélie Jacquemart (Parigi, 1841-1912) che poi lasciarono in eredità allo Stato francese.

A questo link potete leggere la nostra recensione. 

Per info: www.barberinicorsini.org

Immagine: Andrea Mantegna, Ecce homo (1500; tempera e oro su tela, 54 x 42 cm; Parigi, Musée Jacquemart-André)

 

Prorogata fino al 3 febbraio 2019 l'esposizione La stanza di Mantegna
Prorogata fino al 3 febbraio 2019 l'esposizione La stanza di Mantegna


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER