Prorogata alle Gallerie dell'Accademia di Venezia la mostra Baselitz-Academy


Prorogata fino al 6 ottobre 2019 la mostra dedicata a Georg Baselitz alle Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Prorogata fino al 6 ottobre 2019 la mostra Baselitz-Academy presso le Gallerie dell’Accademia di Venezia. Ad annunciarlo il direttore della sede museale veneziana, Giulio Manieri Elia.

L’esposizione, a cura di Kosme de Barañano, analizza il lavoro dell’artista tedesco in rapporto alla tradizione storico-artistica italiana e all’eredità dell’accademia. Inoltre evidenzia l’interesse di Baselitz per i maestri antichi e la sua influenza sulla pittura contemporanea, includendo le sue iconiche inversioni di soggetto che decostruiscono la tradizione della ritrattistica.

Il percorso espositivo suddiviso in sezioni presenta dipinti, disegni e sculture dell’artista e pone in evidenza temi come i disegni ispirati a Pontormo, i ritratti capovolti e i dipinti di nudi di grandi dimensioni. Alcuni di questi ultimi non sono mai stati esposti finora.

La mostra è promossa dalle Gallerie dell’Accademia ed è sostenuta da Gagosian; rientra negli eventi collaterali della Biennale di Venezia.

Per info: www.gallerieaccademia.it

Orari: Da martedì a domenica dalle 8.15 alle 19.15; lunedì dalle 8.15 alle 14. 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraBaselitz-Academy
CittàVenezia
DateDal 08/05/2019 al 06/10/2019

Prorogata alle Gallerie dell'Accademia di Venezia la mostra Baselitz-Academy
Prorogata alle Gallerie dell'Accademia di Venezia la mostra Baselitz-Academy


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma