Nei boschi della Val di Non gigantografie sospese... tra gli alberi


Fino al 5 settembre 2021 è in corso nei boschi di Malosco la mostra Racconti sospesi: gigantografie degli abitanti della Val di Non sospese tra gli alberi.

Fino al 5 settembre 2021 nei boschi di Malosco in Val di Non, tra i punti più verdi e incontaminati di questo angolo di Trentino, è in corso la mostra Racconti sospesi. Il percorso espositivo open air si compone di una serie di ritratti realizzati da Christian Tasso nel corso di un mese di residenza in Val di Non. I lavori del fotografo e documentarista sono frutto dei suoi incontri con gli abitanti: ha scattato loro infatti su pellicola una serie di intensi ritratti, in cui anche gli elementi naturali hanno spesso un ruolo di primo piano. Stampati in formato gigante sono stati appesi tra i fusti e i rami di conifere e altre piante, tracciando un percorso per immagini di grande impatto visivo. Sospese tra gli alberi, le quindici opere materializzano una straordinaria armonia e sintonia con la natura circostante e donano all’atmosfera del bosco una spazialità duplicata.

I ritratti si inseriscono in uno spazio inusuale senza quasi soluzione continuità tra il verde delle stampe e quello degli alberi, evocando una triangolazione molto forte tra il paesaggio boschivo, il territorio e le persone ritratte, accomunate da un grande amore per la montagna. “L’installazione è un atto simbolico”, ha dichiarato il fotografo, “in molte situazioni non si capisce dove finisce il bosco e inizia la fotografia, che sembra fluttuare nell’aria in mezzo agli alberi, creando un effetto molto suggestivo che porta subito agli occhi dello spettatore il messaggio di fusione tra gli esseri umani e la natura”.

L’elemento comune che caratterizza tutte le persone ritratte da Tasso è quello di uno stile di vita incentrato su uno stretto contatto con la natura e lo spunto che l’installazione intende offrire, anche grazie al senso di libertà trasmesso da uno spazio espositivo aperto e senza confini, è quello di far riflettere sull’importanza di preservare il legame con la natura, ma anche con il territorio in cui si vive.

Noto per la sensibilità ai temi del sociale, il fotografo è partito proprio da questi legami e ha passato molto tempo con contadini, uomini e donne di montagna e giovani pastori della Val di Non, dove si è creato di recente il fenomeno del “ritorno”: sono molte le persone che dopo aver vissuto lontano dalla valle, con esperienze di studio e lavoro in grandi città italiane e straniere, sono tornate nei loro luoghi d’origine per riattivare un’interazione profonda con il territorio, spesso anche con il recupero di attività connesse alla tradizione.

 

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraRacconti Sospesi
CittàVal di Non
Sedeboschi di Malosco
DateDal 05/08/2021 al 05/09/2021
ArtistiChristian Tasso
TemiVal di Non, boschi di Malosco, Christian Tasso, Racconti Sospesi

Nei boschi della Val di Non gigantografie sospese... tra gli alberi
Nei boschi della Val di Non gigantografie sospese... tra gli alberi


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma