Al Museo del Novecento di Milano una grande retrospettiva su Remo Bianco


Fino al 6 ottobre 2019, il Museo del Novecento di Milano ospita la mostra ’Remo Bianco. Le impronte della memoria’.

È in corso al Museo del Novecento di Milano, fino al 6 ottobre, una mostra retrospettiva su Remo Bianco (Milano, 1922 - 1988), intitolata Remo Bianco. Le impronte della memoria, a cura di Lorella Giudici con la collaborazione della Fondazione Remo Bianco, che ripercorre le fasi di vita e di lavoro dell’artista attraverso le oltre settanta opere esposte che esplorano il tema della memoria in un ricco e sorprendente percorso.

Cresciuto e formato nella Milano del boom economico, in un’atmosfera intellettualmente e culturalmente produttiva, Remo Bianco percorre una vita da “ricercatore solitario”, come si era autodefinito, sempre pronto ad approfondire nuove tematiche e affrontare percorsi artistici originali ed audaci. Per quattro decenni l’artista ha sperimentato, moltiplicando i discorsi espressivi e reinterpretando in maniera del tutto personale i linguaggi e i materiali più moderni.

Dalle Impronte, realizzate tra la fine degli anni Quaranta e l’inizio dei Cinquanta con l’intento di recuperare “le cose più umili che di solito vanno perdute”, ai Sacchettini – Testimonianze, oggetti di poco valore assemblati e appesi come quadri tradizionali. Dello stesso periodo sono anche le prime opere tridimensionali, i 3D, in materiale plastico trasparente o vetro e, successivamente, su legno, lamiera e plexiglas colorato.

I Tableaux dorés, che costituiscono uno dei cicli più noti dell’artista, chiudono gli anni Cinquanta, anni in cui vedono la luce anche i primi lavori della serie dei Collages, che ci porta agli anni Ottanta passando per le opere racchiuse nella definizione di Arte sovrastrutturale degli anni Sessanta. Completano il percorso i Quadri parlanti, tele in alcuni casi non lavorate in cotone bianco o nero, in altre impressionate con fotografie, sul cui retro sono posizionati degli amplificatori che, all’avvicinarsi dello spettatore, si attivano emettendo suoni o frasi registrate dall’artista.

Integra l’esposizione un’interessante documentazione d’archivio con cataloghi, manifesti, articoli e fotografie d’epoca.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del museo.

Al Museo del Novecento di Milano una grande retrospettiva su Remo Bianco
Al Museo del Novecento di Milano una grande retrospettiva su Remo Bianco


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER