Dopo Gio Ponti, il MAXXI dedica una mostra ad Aldo Rossi, grande architetto


A Roma, il MAXXI dedica una grande mostra ad Aldo Rossi, uno dei più importanti architetti del Novecento.

Dopo la mostra dedicata a Gio Ponti, è il grande architetto Aldo Rossi (Milano, 1931 - 1997) il protagonista di una grande retrospettiva al MAXXI che analizza lo straordinario contributo teorico e pratico di un “architetto anomalo”, nella ricostruzione di Berlino come nel dibattito a Barcellona, ma colloca i suoi studi all’interno di una tradizione più ampia della cultura analitica nazionale e in relazione alle tematiche più urgenti della contemporaneità urbana.

Il progetto culturale, i progetti architettonici, allestimenti e progetti domestici sono i tre principali fili conduttori di una storia complessa e sfaccettata in cui emergono molti aspetti: formazione, insegnamento e ricerca, costruzione di una rete internazionale, disegno come indagine autonoma, critica e lascito. In mostra materiali provenienti, oltre che dall’archivio del MAXXI Architettura, da archivi e collezioni di tutto il mondo: i celebri disegni, i progetti, gli scritti e una spettacolare sequenza di modelli, una sorta di città immaginaria, groviglio di idee, immagini, luoghi, identità e memoria.

La mostra Aldo Rossi. L’architetto e le città è in programma dal 10 marzo al 17 ottobre.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del MAXXI.

Dopo Gio Ponti, il MAXXI dedica una mostra ad Aldo Rossi, grande architetto
Dopo Gio Ponti, il MAXXI dedica una mostra ad Aldo Rossi, grande architetto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma