Sarzana è pop: in città la mostra su Andy Warhol


A Sarzana la mostra 'Andy Warhol. Sarzana è pop', con 200 opere del grande artista statunitense.

È in programma dal 24 novembre 2017 al 5 marzo 2018 la mostra Andy Warhol. Sarzana è pop alla Fortezza Firmafede di Sarzana (La Spezia): oltre duecento le opere di Andy Warhol (Pittsburgh, 1928 - New York, 1987), tutte conservate in collezione privata, con alcuni pezzi inediti e mai esposti al pubblico italiano. Nella mostra sarzanese presenti anche cimeli, a partire dal Commodore 64 Amiga che la società regalò ad Andy Warhol e col quale l’artista elaborò alcuni ritratti (tra i quali quello, celeberrimo di Debbie Harry).

L’esposizione, curata da Eugenio Falcioni e Matteo Bellenghi, vede esposte serigrafie, illustrazioni, oggetti, riviste oltre a una serie delle famose polaroid dell’artista statunitense. “Con la mostra di Andy Warhol e le sue 200 opere esposte”, dichiara il sindaco di Sarzana, Alessio Cavarra, “Sarzana compie quello scatto in avanti che ci consente di entrare nel circuito delle città italiane capaci di ospitare grandi mostre d’arte, un obiettivo che ci eravamo prefissati e che oggi abbiamo orgogliosamente raggiunto”.

La mostra è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 19, il sabato apertura fino alle 23. Per informazioni è possibile consultare il sito www.eacs.it o il sito dedicato www.andywarholsarzana.it/. I biglietti: intero 10 euro, ridotto per over 65, gruppi di almeno 20 persone, invalidi e diversamente abili 10 euro, studenti da 6 a 14 anni 6 euro, biglietto famiglia tre persone 25 euro, biglietto famiglia quattro persone 30 euro.

Sarzana è pop: in città la mostra su Andy Warhol
Sarzana è pop: in città la mostra su Andy Warhol


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER