Scoperti due disegni di Van Gogh. Saranno esposti in Olanda


Scoperti due nuovi disegni di van Gogh: la conferma dal Van Gogh Museum di Amsterdam. Saranno esposti in Olanda.

Sono stati scoperti due nuovi disegni di Vincent van Gogh (Zundert, 1853 – Auvers-sur-Oise, 1890), entrambi databili al 1886 e raffiguranti due vedute della collina di Montmartre a Parigi. La conferma della scoperta, che giunge dunque sei anni dopo l’ultima acquisizione del catalogo di van Gogh, è arrivata dagli esperti del Van Gogh Museum di Amsterdam. Per giungere alla conferma definitiva è stato condotto uno studio sul soggetto, sullo stile, sui materiali e sulla provenienza delle due opere.

La novità in realtà riguarda una sola delle due vedute, la Collina di Montmartre con cava di pietra, databile al marzo 1886: l’altro, la Collina di Montmartre, già noto ma in precedenza non attribuito al genio olandese a causa dell’assenza di materiale per operare dei confronti, ha visto un cambio di assegnazione sulla scorta della nuova scoperta. I due disegni andranno ora in mostra al museo Singer Laren della città di Laren, in Olanda, nell’ambito della rassegna Impressionism & Beyond. A wonderful Journey, che espone opere della raccolta della Van Vlissingen Art Foundation, proprietaria della Collina di Montmartre con cava di pietra.

Vincent van Gogh, La collina di Montmartre con cava di pietra
Vincent van Gogh, La collina di Montmartre (1886; carboncino su carta; Zeist, Van Vlissingen Art Foundation)

“I due disegni”, assicura Teio Meedendorp, Senior Researcher al Van Gogh Museum, “sono stati creati con tutta evidenza dalla stessa mano e stilisticamente richiamano i bozzetti di Van Gogh dei primi mesi del 1886, realizzati prima ad Anversa e poi a Parigi, nello studio di Cormon. Anche i materiali adoperati sono identici, e i soggetti possono essere collegati ai dipinti realizzati da van Gogh a Montmartre nella primavera e all’inizio dell’estate di quell’anno. Questi disegni dimostrano una fase nel processo di apprendimento di van Gogh: a Parigi, l’artista riscoprì se stesso, ma qui stava ancora seguendo un cammino artistico tradizionale”. Gli esperti hanno inoltre affermato che il disegno della Van Vlissingen Art Foundation (che lo ha acquisito nel 2014) un tempo apparteneva alla raccolta di Vincent e Theo van Gogh. Sarebbe stato poi ceduto dalla vedova di Theo, Johanna van Gogh-Bonger, al mercante d’arte J.H. de Bois nel 1911. Il disegno fu quindi venduto nel 1917, e dopo quest’anno se ne sono perse le tracce.

“È una notizia fantastica che due disegni possono essere definitivamente assegnati al catalogo di van Gogh”: questo il commento di Axel Rüger, direttore del Van Gogh Museum di Amsterdam.

Nell’immagine sotto: Vincent van Gogh, La collina di Montmartre (1886; carboncino su carta, 31,8 x 47,8 cm; Amsterdam, Van Gogh Museum)

Scoperti due disegni di Van Gogh. Saranno esposti in Olanda
Scoperti due disegni di Van Gogh. Saranno esposti in Olanda


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER