Tessuti preziosi dal mondo ebraico: dall'antichitÓ all'imprenditoria tessile moderna


L’Aula Magliabechiana degli Uffizi presenta in una mostra il rapporto tra i tessuti preziosi e il mondo ebraico: dall’antichità fino all’imprenditoria tessile moderna.

L’Aula Magliabechiana delle Gallerie degli Uffizi ospiterà dal 27 giugno al 27 ottobre 2019 la mostra Tutti i colori dell’Italia ebraica. Tessuti preziosi e stoffe dall’antica Gerusalemme al prêt-à-porter moderno

La rassegna, a cura di Dora Liscia Bemporad e Olga Melasecchi, intende affrontare i molteplici aspetti del rapporto tra il mondo ebraico e i tessuti, sia per uso religioso che profano fino alla moda e all’imprenditoria del Novecento.

Le otto sezioni della mostra presenteranno stoffe che risalgono ai tempi del sommo sacerdote Aronne fino ad arrivare a tessuti utilizzati nella moda del Novecento e nell’imprenditoria tessile moderna. Attraverso questi manufatti saranno affrontati temi come il ruolo della scrittura come motivo decoratico, l’utilizzo dei tessuti per gli addobbi delle sinagoghe, il ricamo e infine il tessuto come forma di affermazione sociale del ceto più abbiente delle comunità ebraiche.

Significativa sarà inoltre la sezione dedicata all’emancipazione degli ebrei nell’Ottocento: essi furono artisti e collezionisti di rilievo e favorirono gli studi relativi ai tessuti.

Per info: www.uffizi.it

Orari: Da martedì a domenica dalle 8.15 alle 18.50. Chiuso il lunedì.

Biglietti: La mostra è inclusa nel biglietto degli Uffizi.

 

Tessuti preziosi dal mondo ebraico: dall'antichitÓ all'imprenditoria tessile moderna
Tessuti preziosi dal mondo ebraico: dall'antichitÓ all'imprenditoria tessile moderna


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER