Tracce. Dialoghi ad arte nel Museo della Moda e del Costume a Palazzo Pitti


Dal 19 dicembre i visitatori del Museo della Moda e del Costume potranno ammirare una nuova mostra-allestimento in cui l’arte dialoga con la moda.

Da oggi, 19 dicembre, nel Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti sarà visibile una nuova mostra-allestimento dal titolo "Tracce. Dialoghi ad arte nel Museo della Moda e del Costume".

Questa intende sottolineare le corrispondenze tra le creazioni di stilisti-artisti e artisti-couturiers degli anni Trenta del Novecento fino ai tempi odierni.

Saranno esposte 107 opere, tra cui abiti, accessori, dipinti e sculture che dialogheranno in maniera armonica: gli specchi inoltre creeranno un suggestivo effetto di ampliamento degli spazi, di replica delle linee e dei colori degli abiti, nonché di amplificazione delle luci.
Si noterà una ricercata corrispondenza di segni e decori tra gli abiti stessi e i dipinti e le sculture presenti.

Durante la presentazione della mostra, è stato reso noto il nuovo deposito degli abiti e del tessile della vasta collezione del Museo della Moda e del Costume.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt ha affermato che “i nuovi depositi, realizzati con il contributo finanziario del Centro Fiorentino per la Moda Italiana, di Pitti Immagine e della Fondazione Pitti Discovery, dal punto di vista tecnologico sono assolutamente all’altezza di quelli degli altri grandi musei della moda al mondo. E sono un’ennesima prova che la tutela e la diffusione della cultura traggono immenso beneficio dall’aprirsi dei musei ad altre realtà: la collaborazione delle Gallerie degli Uffizi con l’ambiente produttivo delle aziende toscane, e di queste in particolare, ha portato novità e idee in città, ma anche risultati pratici evidenti, tra i quali i nuovi depositi. Ciascuna entità trae spinta dall’altra, in un dialogo fattivo e utile per tutti, così come nella mostra Tracce ogni oggetto viene valorizzato dal confronto intelligente – e spesso inaspettato – con  le altre opere”.

Andrea Cavicchi, Presidente del Centro di Firenze della Moda Italiana e della Fondazione Pitti Immagine Discovery, ha aggiunto: “La presentazione del nuovo deposito per la custodia delle collezioni di moda è un passaggio fondamentale nel percorso di collaborazione tra CFMI, Pitti Immagine e Fondazione Pitti Discovery, con le Gallerie degli Uffizi. In questi due anni di lavoro insieme, oltre ad aver realizzato la mostra monografica di Karl Lagerfeld e il Museo effimero della Moda, curata da Olivier Saillard, abbiamo lavorato alla creazione di una struttura permanente per la conservazione e la valorizzazione della Moda contemporanea”.

“Tracce. Dialoghi ad arte nel Museo della Moda e del Costume” è curata da Caterina Chiarelli, Simonella Condemi e Tommaso Lagattola in collaborazione con la Galleria di arte moderna di Palazzo Pitti. È inoltre corredata da un percorso virtuale accessibile dalla sezione IperVisioni del sito web delle Gallerie degli Uffizi.

Per maggiori dettagli: www.uffizi.it

Orari: Da martedì a domenica dalle 8.15 alle 18.50. Chiuso il lunedì.

Biglietti: Intero 13 euro, ridotto 6,50 euro (dai 18 ai 25 anni), gratuito per minori di 18 anni, portatori di handicap ed un accompagnatore, giornalisti, docenti e studenti di Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze della formazione, Diploma di Laurea di lettere e filosofia con indirizzi di laurea archeologico o storico-artistico, Diploma di Laurea o corsi corrispondenti negli Stati membri dell’Unione Europea, insegnanti italiani con contratto a tempo determinato e indeterminato in servizio presso una scuola pubblica o paritaria del Paese.

 

Tracce. Dialoghi ad arte nel Museo della Moda e del Costume a Palazzo Pitti
Tracce. Dialoghi ad arte nel Museo della Moda e del Costume a Palazzo Pitti


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER