Laura Lima alla Fondazione Prada di Milano chiude il progetto Slight Agitation


Arriva alla battuta finale il progetto Slight Agitation di Fondazione Prada che ha visto alternarsi negli spazi della Cisterna quattro artisti con installazioni site-specific: la conclusione è affidata a una mostra intitolata Slight Agitation 4/4: Laura Lima e che, negli spazi della Cisterna, dal 15 giugno al 22 ottobre 2018, espone l’installazione dell’artista brasiliana Laura Lima (Brasile, 1971), selezionata insieme a Tobias Putrih (Slovenia, 1972), Pamela Rosenkranz (Svizzera, 1979) e il collettivo austriaco Gelitin dal Thought Council di Fondazione Prada.

Con il progetto Horse Takes King (“Cavallo mangia re”), Laura Lima presenta un esperimento eccentrico nel quale cerca di alterare i sensi che determinano la nostra percezione, installando negli spazi della Cisterna tre grandi sculture che costituiscono altrettante espressioni di un sistema tassonomico all’apparenza assurdo.

Il titolo dell’intervento è un chiaro riferimento al gioco degli scacchi, capace di creare uno spazio illusorio in cui gli spettatori possono muoversi liberamente pur non essendo a conoscenza di un contesto più ampio che spiegherebbe l’intento dell’artista. Le opere in mostra, Bird (2016), Pendulum (2018) e Telescope (2018), invitano l’osservatore a elaborare ciò che in termini astronomici è definito “sizigia”, una configurazione in linea retta di tre corpi celesti in un sistema gravitazionale.

Nella sala centrale della Cisterna è installato Pendulum (2018), un meccanismo che riproduce il movimento del pendolo di Foucault e alla cui estremità è fissato un dipinto. Il pubblico è invitato fare delle ipotesi sull’origine della tela.

Nello spazio a sinistra c’è Telescope (2018), un’installazione verticale che ospita una classe di astronomia. Al primo livello si svolgeranno ogni giorno alle 12.30 e alle 17 due seminari di astronomia della durata di mezz’ora, ideati dagli scienziati di L’Officina del Planetario, associazione che si occupa della programmazione del Civico Planetario di Milano. Al livello superiore, è installato a un’altezza di circa 10 metri un telescopio rivolto verso il cielo, fruibile dal pubblico sotto la guida di un astronomo.

L’ambiente di destra della Cisterna ospita Bird (2016), realizzato in collaborazione con l’artista brasiliano Zé Carlos Garcia. La scultura rappresenta un enorme animale che sembra essere caduto dal cielo e piombato nello spazio espositivo per puro caso.

La combinazione di queste tre opere negli ambienti espositivi mette in discussione la natura del coinvolgimento dei visitatori in uno spazio e in un luogo stimolandone la percezione: l’artista esplora i confini tra immaginario e reale per sottolineare la componente poetica e assurda intrinseca a ciò che è reale solo in apparenza.

Per tutte le informazioni potete telefonare al numero +39 02 5666 2611 oppure mandare una mail a INFO@FONDAZIONEPRADA.ORG. Il sito della Fondazione Prada è www.fondazioneprada.org

Immagine: Laura Lima, Bird, 2016. “Slight Agitation 4/4: Laura Lima”. Photo Mattia Balsamini. Courtesy Fondazione Prada

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraSlight Agitation 4/4: Laura Lima
CittàMilano
SedeFondazione Prada
DateDal 15/06/2018 al 22/10/2018
ArtistiPamela Rosenkranz, Laura Lima, Tobias Putrih, Gelitin
TemiArte contemporanea

Laura Lima alla Fondazione Prada di Milano chiude il progetto Slight Agitation
Laura Lima alla Fondazione Prada di Milano chiude il progetto Slight Agitation


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il MANN di Napoli sigla accordo con Ermitage per la grande mostra su Canova: arriveranno anche le Tre Grazie
Il MANN di Napoli sigla accordo con Ermitage per la grande mostra su Canova: arriveranno anche le Tre Grazie
Post Zang Tumb Tuuum: una mostra sull'arte italiana tra le due Guerre Mondiali
Post Zang Tumb Tuuum: una mostra sull'arte italiana tra le due Guerre Mondiali
Milano: gli scatti in Africa di Marco Gualazzini nella mostra “Resilient”
Milano: gli scatti in Africa di Marco Gualazzini nella mostra “Resilient”
Napoli: la mostra dedicata ad Escher è stata prorogata
Napoli: la mostra dedicata ad Escher è stata prorogata
Da oggi la Tavola Bifronte di Antonello da Messina è esposta al Castello Ursino di Catania per la mostra di Sgarbi
Da oggi la Tavola Bifronte di Antonello da Messina è esposta al Castello Ursino di Catania per la mostra di Sgarbi
Cuno Amiet: postimpressionista svizzero tra Gauguin, Kirchner e Matisse in mostra
Cuno Amiet: postimpressionista svizzero tra Gauguin, Kirchner e Matisse in mostra