Venezia, gli artisti accendono le vetrine di piazza San Marco


Si chiama 'Vetrine accese' il progetto della Fondazione Bevilacqua La Masa che a Venezia porta gli artisti ad... accendere le vetrine di piazza San Marco.

L’Istituzione Fondazione Bevilacqua La Masa apre il nuovo anno dando visibilità agli attuali assegnatari degli Atelier di Palazzo Carminati e del Chiostro dei SS Cosma e Damiano. A partire da mercoledì 27 gennaio 2021, nelle quattro vetrine della Galleria di piazza San Marco, affacciate in Seconda Calle de l’Ascension, sono state allestite alcune opere pensate dagli artisti appositamente per questi particolari spazi. L’evento si intitola Vetrine accese e durerà per alcuni mesi.

Ogni anno l’Istituzione Fondazione Bevilacqua La Masa assegna quindici atelier, animando lo storico programma di residenze iniziato nel 1901. “La sua mission”, sottolinea la Fondazione, “consiste nel promuovere, aiutare, formare, con gli strumenti e il supporto adeguati, i giovani artisti. ’Vetrine accese’  nasce all’interno di questi obiettivi, offrendo visibilità alla creatività contemporanea, ancora in una fase di emergenza e di speranzosa attesa della prossima riapertura della Galleria”.

Per circa tre mesi, gli artisti si alterneranno, a gruppi di quattro, impegnando ciascuno una vetrina: i lavori potranno essere apprezzati con una visione a volte occasionale e fortuita, altre solitaria e attenta. Gli interventi spazieranno dalla fotografia al video, dalla pittura alla stampa.

Venezia, gli artisti accendono le vetrine di piazza San Marco
Venezia, gli artisti accendono le vetrine di piazza San Marco


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma