Anversa, dopo 11 anni di lavori riapre il KMSKA, il Museo Reale di Belle Arti


Dopo 11 anni di lavori, ad Anversa riapre il KMSKA, il Museo Reale di Belle Arti, con un edificio completamente rinnovato, diviso in due parti distinte e unite dall’ala che ospita la maggior raccolta mondiale di opere di James Ensor. Ecco le principali novità. 

Ad Anversa riapre il 24 settembre 2022, dopo undici anni di lavori di restauro e rinnovamento, il Museo Reale di Belle Arti (KMSKA - Koninklijk Museum voor Schone Kunsten Antwerpen), uno dei musei più importanti delle Fiandre e del Belgio tutto. Un edificio importante, una collezione di livello mondiale, allestimenti dinamici e una programmazione audace: questi gli ingredienti del nuovo museo. I lavori, che hanno anche creato un 40% di spazi aggiuntivi, sono stati progettati dallo studio KAAN Architecten che ha voluto creare due mondi in un unico edificio, con un lavoro che è valso al nuovo museo diversi riconoscimenti anche nel suo periodo di chiusura.

“L’apertura di KMSKA”, ha dichiarato Jan Jambon, Ministro Presidente delle Fiandre, “è il momento clou culturale del 2022. I musei sono importanti in una società. Non sono solo la memoria vivente delle generazioni passate, ma sono anche luoghi che rispondono agli sviluppi della società. I musei sono fari di fiducia e speranza. In questi tempi incerti, hanno un ruolo sempre più importante da svolgere. Il KMSKA ospita la più grande collezione d’arte delle Fiandre. Finalmente, dopo un lungo tour mondiale, i nostri maestri fiamminghi sono tornati a casa!”.

Il governo fiammingo ha investito oltre 100 milioni di euro nel restauro e nell’ampliamento del KMSKA, per rinnovare e riprogettare 21.000 metri quadri di spazio museale. Ma continuerà a investire: “Il KMSKA”, afferma Luk Lemmens, presidente del museo, “è estremamente soddisfatto di questa nuova infrastruttura che offre molte opportunità. In futuro, tuttavia, continueremo ad affrontare notevoli sfide finanziarie. Negli ultimi anni abbiamo spesso considerato il modello di business insieme al consiglio di amministrazione. Abbiamo ambizioni internazionali. E le ambizioni costano. Il governo è in una posizione difficile e lo capiamo. Posizionandoci come veri imprenditori culturali, abbiamo trovato molto sostegno da parte delle imprese. KMSKA è la prima istituzione culturale nelle Fiandre a ottenere un risultato così buono in questo campo".

Con 8.400 pezzi, la collezione del KMSKA è la più grande e preziosa delle Fiandre. La collezione è il risultato dei gusti eclettici di collezionisti e registi di epoche diverse. L’opera più antica risale all’inizio del XIV secolo. Sebbene il KMSKA possieda opere d’arte principalmente dal Belgio e dai Paesi Bassi meridionali, ha anche un buon numero di capolavori internazionali di qualità eccezionale. Carmen Willems, direttore generale, afferma: “Abbiamo deciso di presentare la collezione in due periodi principali. Mostriamo l’antico i maestri nella parte storica, i moderni nel nuovo volume. Nel punto cardine si trova l’artista James Ensor. Abbiamo la più grande collezione di Ensor al mondo. Gli sarà assegnata un’intera ala”. Il KMSKA, aggiunge Lemmens, “è ancora troppo spesso associato solo ad antichi maestri. Grazie allo spazio guadagnato, la nostra fantastica collezione di arte moderna ottiene il posto che merita. Inoltre, ora possiamo esporre opere di James Ensor e dell’artista anversano Rik Wouters. Possediamo anche la più grande collezione di Wouters in tutto il mondo”.

Il nuovo museo vuole essere un luogo di incontro in cui tutti si sentano i benvenuti. Anche l’ingresso del nuovo museo è stato letteralmente abbassata al piano terra, dove p stato creato un ulteriore ingresso. Il museo, inoltre, è fortemente impegnato nell’inclusione e nella partecipazione. Tutti gli aspetti del suo funzionamento e della sua programmazione mostrano che questo elemento è stato considerato a fondo. “Puoi vederlo in tutto”, afferma Willems, “che si tratti dei testi della sala o delle etichette degli oggetti, dei partner con cui lavora KMSKA, della scelta degli Artisti in residenza o della composizione del team. Durante il suo sonno di bellezza, il museo ha gradualmente acquisito un nuovo DNA. Ne siamo orgogliosi perché un tale processo non avviene da solo. È stato un equilibrio delicato e impegnativo. Sono state fatte scelte audaci. Avevamo alcuni punti focali importanti nel nostro approccio: vogliamo invitare i visitatori a guardare in modo diverso e vedere di più. Lo facciamo, tra le altre cose, mostrando opere d’arte in modo non convenzionale”.

Obiettivo dichiarato del nuovo museo è quello di sperimentare, oltre che di acquisire conoscenza. Il KMSKA vuole dare a ogni visitatore una sensazione che risuona ben oltre le mura del museo. “Per me è importante che un museo sia impegnato nell’esperienza”, sottolinea Lemmens. “In questo senso, il team KMSKA ha svolto un lavoro incredibile. Vorrei quindi invitare tutti a immergersi nel meraviglioso mondo del KMSKA”.

Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts

Il nuovo KMSKA

KAAN Architecten ha realizzato nuovi volumi bianchi nel cuore del museo storico. Ciò fornisce ai visitatori due musei in uno. Questa divisione prosegue nel modo in cui il museo espone le opere d’arte. Entrando ci si trova subito di fronte a una scelta: antichi o moderni? Nelle gallerie storiche si può vedere l’arte creata prima del 1880, nelle sale bianche ci si può godere l’arte creata dopo il 1880. Il collegamento tra i due spazi è l’ala Ensor, che ospita la più grande collezione di James Ensor al mondo. Inoltre, il KMSKA è adesso impegnato per integrare la collezione con pezzi rilevanti di altre istituzioni e collezionisti privati. Per esempio, dal Museum Boijmans Van Beuningen – che ha chiuso per ristrutturazione – sono arrivati otto capolavori in prestito per un periodo di cinque anni. Ci sono poi opere di arte contemporanea integrate selettivamente nelle gallerie, come i lavori di Luc Tuymans, Marlene Dumas e Berlinde De Bruyckere.

Presentare sette secoli di arte in condizioni ottimali: questo è stato il punto di partenza del rinnovamento del KMSKA. Il piano generale graduale ha tenuto conto sia del passato che del futuro. Il concetto architettonico di KAAN Architecten accompagna così il visitatore in un viaggio avventuroso attraverso due mondi in un museo, due musei contrastanti e dialoganti. Un restauro che ha voluto mostrare il massimo rispetto per l’architettura secolare e allo stesso tempo rispondere alle esigenze della collezione museale contemporanea. Tra le novità anche lo spazio De Tien, che mescola antico e contemporaneo affiancando alle opere dei maestri del passato installazioni contemporanee ispirate alle prime per offrire un modo diverso di guardare al museo.

Durante il restauro del KMSKA, anche i pavimenti a mosaico sono stati rinnovati. Purtroppo non è stato possibile salvare il pavimento in cima alle scale, poco prima dell’ingresso del museo. Si è pertanto optato per un’alternativa ambiziosa: un tappeto di benvenuto in pietra, che a oggi è anche il più grande mosaico artistico del Belgio.

Continua poi l’impegno del museo sul fronte del restauro. Il KMSKA è infatti uno dei pochi musei fiamminghi con un proprio studio di restauro. È stato fondato nell’aprile 1999, e quando il museo ha chiuso nel 2011, lo studio di restauro si è trasferito in uno spazio fuori Anversa. Qui lo studio ha funzionato come mai prima. Centotrentatré dipinti e sculture hanno ricevuto un trattamento di conservazione. Particolare attenzione è stata dedicata ai lavori su carta e alle cornici. Lo studio di restauro tornerà al museo quando riaprirà e sarà accessibile al pubblico, e permetterà ai visitatori di vedere i restauratori al lavoro.

L’avvio del percorso che ha portato al nuovo museo è cominciato nel 2003, quando il Dipartimento della Cultura, della Gioventù e dei Media del governo fiammingo ha bandito una gara d’appalto per il rinnovamento del museo. Il dipartimento ha coordinato tutte le gare e le aggiudicazioni durante l’intera ristrutturazione. Nel frattempo il museo ha cercato attivamente la collaborazione con gli imprenditori: il partner principale, Delen Private Banking, ha garantito pieno sostegno e ha aperto la strada agli altri. Seguirono DCA, Maison Vervloet 1905, Porto di Anversa-Bruges, BMW e molti altri. Gli oltre 60 membri del nuovissimo business club del museo, il “Club Fouquet”, non hanno fatto mancare il loro sostegno. Il KMSKA mantiene inoltre viva la tradizione delle donazioni e può continuare a contare sull’importante sostegno dei suoi supporter. Senza donazioni, la collezione del Museo Reale di Belle Arti di Anversa non sarebbe mai diventata così imponente come lo è oggi. Le opere d’arte pervenute attraverso donazioni e lasciti rappresentano ben il 40% della collezione del museo. Non solo aziende e privati, ma anche vari fondi contribuiscono all’immagine e al fascino del museo: grazie al generoso sostegno del Fondo Baillet Latour e della Lotteria Nazionale, tra gli altri, si sono potuti conservare importanti capolavori della collezione. Ciò consente ai visitatori di vedere queste opere restaurate in ottime condizioni.

Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Nathalie Pauwels
Il nuovo KMSKA di Anversa
Il nuovo KMSKA di Anversa. Foto di Karin Borghouts

Attenzione al passato coloniale

Durante la sua chiusura, il KMSKA ha esaminato la sua storia coloniale in collaborazione con vari esperti. In particolare, sono stati esaminati i finanziamenti per l’edificio, la collezione e lo “zoo umano” allestito durante l’Esposizione Universale del 1894. Il KMSKA non è stato costruito utilizzando fondi coloniali, ma grazie ai finanziamenti della città di Anversa e del governo belga. L’edificio fu completato nel 1890. A quel tempo, il Congo non stava ancora generando grandi profitti per Leopoldo II. Tuttavia, molti dei mecenati del museo erano attivi nel commercio coloniale. Delle 1.742 opere donate al museo, 57 (3,3%) furono probabilmente finanziate con denaro coloniale.

L’expo del 1894 è stata organizzata da un comitato appositamente istituito, che aveva stretti legami con gli affari e le autorità cittadine di Anversa. Lo “zoo umano” faceva parte del Padiglione del Congo. Questo è stato istituito all’interno dell’amministrazione leopoldina del Libero Stato del Congo. Pertanto, il KMSKA non ebbe alcun ruolo in quell’iniziativa. Tuttavia, il museo si dichiara “profondamente dispiaciuto per questo oscuro episodio. Riconosciamo anche che è indissolubilmente legato alla storia del museo. Stiamo lavorando a un seminario nel 2024, 130 anni dopo l’Esposizione Universale, per dare un posto a questa storia”. Infine, il museo ha anche mappato la trama coloniale dietro alcuni pezzi della collezione, come una scultura in avorio di Josuë Dupon o un busto di Leopoldo II di Thomas Vinçotte, che si trova nel deposito. “Vogliamo sviluppare ulteriormente tali storie”, conclude il KMSKA, “all’interno delle nostre future offerte pubbliche”.


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE