Terapia e benessere al museo per bambini: sarà a Verona il primo polo sperimentale


Il Children’s Museum di Verona potrebbe diventare primo polo sperimentale per un museo come luogo di terapia e benessere per bambini e famiglie.

Il Children’s Museum di Verona potrebbe diventare il primo polo sperimentale dell’età evolutiva e del benessere della famiglia: il museo con International Inner Wheel Club Verona Bee Lab e Studio Incipit – Family Care si fa promotore della raccolta fondi Children’s Museum! Mind the Gap! che intende avviare un progetto perché il museo sia luogo di terapia per bambini e adolescenti e centro per il benessere della famiglia in collegamento con tutto il territorio, soprattutto con le scuole. Il museo può infatti essere punto di riferimento e di supporto per le famiglie che nella situazione pandemica si trovano in difficoltà economica e psicologica

Il progetto si suddivide in quattro tappe: creare un comitato pedagogico trasversale, che coinvolga professionisti del settore museale, socio-sanitario ed educativo-preventivo, l’amministrazione pubblica e le autorità sanitarie locali, con l’obiettivo di sviluppare il protocollo per rendere la visita al museo più inclusiva e idonea allo svolgimento di terapie per bambini e adolescenti; sperimentare la terapia al museo mediante cicli di incontri tenuti da terapisti per un anno, individuali o in piccoli gruppi, rivolti alle famiglie: un percorso psicologico rivolto alle mamme di bimbi con bisogni speciali per la condivisione di pensieri, dubbi e paure riguardo al loro pensarsi nel mondo del lavoro, esperienze psicomotorie e di integrazione sensoriale, musicoterapia, logopedia, mindfulness; creazione della prima guida alla giocoterapia al museo per i genitori che visiteranno la sede museale con i propri figli; promozione e sensibilizzazione verso la popolazione e verso il mondo dei musei italiani del tema cruciale dell’inclusione e dell’importanza della prevenzione e riabilitazione dei bambini attraverso il gioco.

Il progetto si rivolge a bambini da 0 a 12 anni, adolescenti, famiglie con bambini e adolescenti, scuole. 

Al fine di far partire il progetto, il museo ha avviato un crowdfunding a cui tutti possono contribuire: la quota minima prevista è di 20mila euro. Finora sono stati raggiunti 605,00 euro. Per partecipare al crowdfunding è semplice: basta fare una donazione partendo da 15 euro e a ogni donazione corrisponde per regalo da parte del museo, dall’activity book che contiene tante schede gioco creative a biglietti ingresso omaggio, fino allo sconto del 15% sullo shop e abbonamenti al museo. 

Per maggiori info: http://www.cmverona.it/mindthegap

Ph.Credit  Children’s Museum Verona

Terapia e benessere al museo per bambini: sarà a Verona il primo polo sperimentale
Terapia e benessere al museo per bambini: sarà a Verona il primo polo sperimentale


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma