Favolosi fallimenti: come avere uno spunto creativo da un errore. I laboratori digitali di Palazzo Grassi


Palazzo Grassi – Punta della Dogana propone un nuovo ciclo di laboratori digitali per tutti. Al via dal 7 maggio 2020.

Palazzo Grassi – Punta della Dogana propone un nuovo ciclo di laboratori digitali: #PalazzoGrassiAtYours. Ideati in collaborazione con diversi ospiti, gli #OpenLab digitali, sono rivolti a tutti, senza limiti d’età, per sperimentare il quotidiano con creatività e per sviluppare un’attitudine poetica.

Al via giovedì 7 maggio con il primo appuntamento in compagnia dell’artista, designer e curatore olandese, Erik Kessels. In collaborazione con MiCamera, ha elaborato per il pubblico digitale di Palazzo Grassi Favolosi Fallimenti, un workshop basato sul riconoscimento dell’errore come potenziale spunto creativo che, con semplici indicazioni, mostrerà come trarre dallo sbaglio nuove preziose opportunità.

Dopo Kessels, saranno invitati il fotografo Marco Cappelletti e l’illustratore Emiliano Ponzi. Ogni settimana saranno proposti nuovi workshop sui canali Instagram e Facebook e sul sito di Palazzo Grassi – Punta della Dogana. Il pubblico potrà condividere i propri eleborati utilizzando gli hashtag #palazzograssiatyours e #openlab.

Un’iniziativa con cui la sede espositiva intende garantire piena accessibilità e apertura per rimanere vicino al suo pubblico.

Per info: www.palazzograssi.it

Nell’immagine, Favolosi Fallimenti di Erik Kessels in collaborazione con MiCamera

 

 

  

Favolosi fallimenti: come avere uno spunto creativo da un errore. I laboratori digitali di Palazzo Grassi
Favolosi fallimenti: come avere uno spunto creativo da un errore. I laboratori digitali di Palazzo Grassi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER