Peace, una grande installazione alla Galleria Nazionale di Roma contro la guerra


Alla Galleria Nazionale di Roma una grande scritta PEACE per dire no alla guerra: è un’installazione di pallet bianchi realizzata da Martí Guixé.

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma esprime il suo no alla guerra con una grande installazione, una grande scritta a caratteri cubitali posta ai piedi della scalinata: PEACE. Si tratta di un’installazione di pallet bianchi progettata da Martí Guixé.

Sul sito ufficiale della sede museale la direttrice Cristiana Collu ha scritto: "Si vis pacem, para pacem. Se vuoi la pace prepara la pace, costruisci la pace.

Non basta infatti essere contro la guerra o semplicemente desiderare la pace, che non è una parentesi, anche se a guardare la storia può sembrare così. E la pace non è assenza di guerra: ma è una virtù, uno stato d’animo, una disposizione alla benevolenza, alla fiducia, alla giustizia secondo le parole di Spinoza.

E noi possiamo fare molto ogni giorno per cambiare i presupposti che fino ad oggi hanno scatenato le guerre: non più dunque ’si vis pacem, para bellum’ – se vuoi la pace prepara la guerra – che ha da sempre legittimato un sistema di deterrenza o dissuasione, che a sua volta non ha fatto altro che alimentare la paura e la guerra come unico mezzo per arrivare alla pace, negandone tutti i principi.

Non è oramai evidente che questo metodo non funziona?".

Peace, una grande installazione alla Galleria Nazionale di Roma contro la guerra
Peace, una grande installazione alla Galleria Nazionale di Roma contro la guerra


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Napoli, finalmente il Comune crea un bus per il Museo di Capodimonte
Napoli, finalmente il Comune crea un bus per il Museo di Capodimonte
Fiamma di Rudolf Levy, pittore ebreo deportato ad Auschwitz, entra nelle collezioni degli Uffizi
Fiamma di Rudolf Levy, pittore ebreo deportato ad Auschwitz, entra nelle collezioni degli Uffizi
Il MiBACT racconta i musei in linguaggio LIS
Il MiBACT racconta i musei in linguaggio LIS
Opera, balletto, arte e scienza: la Fondazione Bracco porta online i suoi contenuti
Opera, balletto, arte e scienza: la Fondazione Bracco porta online i suoi contenuti
A Pesaro nascerà un museo dedicato a Dario Fo e Franca Rame
A Pesaro nascerà un museo dedicato a Dario Fo e Franca Rame
Posata la prima pietra del primo museo al mondo dedicato all'Hip Hop: aprirà nel Bronx nel 2024
Posata la prima pietra del primo museo al mondo dedicato all'Hip Hop: aprirà nel Bronx nel 2024