A Genova sta per nascere il nuovo Museo della cittÓ. Ecco il progetto definitivo


Presentato il progetto definitivo del nuovo Museo della Storia della Città di Genova. Avrà sede nella Loggia di Banchi.

Genova avrà un nuovo Museo della Storia della Città: presentato alla metà di dicembre, il progetto definitivo della nuova sede museale intende dare vita a un centro di valorizzazione del patrimonio culturale genovese. Avrà sede nella Loggia di Banchi e intende essere punto di riferimento culturale e identitario della città. 

Racconterà la storia di Genova dalle sue origini a oggi: in un allestimento che intende essere innovativo, dinamico, multimediale e scenografico, saranno evidenziati i temi che più caratterizzano la città, nonché la sua evoluzione storica e urbanistica. Ideato come una porta d’accesso al capoluogo ligure, sarà uno spazio pensato anche per indirizzare il visitatore alla scoperta del patrimonio artistico custosito nei musei genovesi, degli antichi palazzi del Cinquecento, del ricco e complesso tessuto storico urbano. 

Non punterà solo sulla sua collezione, ma anche sulla narrazione e sulla capacità di coinvolgere diversi pubblici: sarà infatti un museo rivolto a tutti, uno spazio di scambi e incontri, una piazza urbana interna, fondato su un dialogo continuo tra città e museo

“Le nostre origini, la storia e la tradizione, la cultura e i costumi: tutto questo in un unico luogo fisico” ha dichiarato il sindaco Marco Bucci. “È l’obiettivo del Museo della Storia della Città, un posto dove i turisti potranno scoprire chi siamo e i genovesi potranno riscoprire di chi siamo figli: chi eravamo nel passato per capire chi vogliamo essere nel futuro. La riscoperta del nostro orgoglio, lo spirito di appartenenza alla comunità sono valori che in questi anni abbiamo toccato con mano, anche a causa di eventi che non avremmo mai voluto vivere, ma che hanno dimostrato la vera essenza di noi genovesi. Dopo aver apprezzato nuovamente la bandiera di San Giorgio come simbolo che ci unisce, tra poco avremo anche la possibilità di rivivere secoli di storia gloriosa. Un sentito ringraziamento alla Fondazione Compagnia di San Paolo che ci ha voluto seguire in questo importante e prezioso progetto”.

“Si tratta di una nuova concezione narrativa e museale, in stretto rapporto tra fisico e digitale e in grado in grado di esprimere una forte identità” ha aggiunto l’assessore alle Politiche culturali Barbara Grosso. “Il Museo della Storia della Città sarà un luogo iconico di autorappresentazione urbana, e al suo interno si potrà respirare la magnificenza di un passato ricco di gloria, operosità e spirito di iniziativa. Elementi di una genovesità caratterizzata da un ampio sviluppo territoriale e da un forte slancio verso il nuovo”. 

Il progetto prevede un costo complessivo di circa 2.700.000 euro e sarà suddiviso in tre lotti: i primi due, che verranno appaltati prossimamente tramite gara, riguardano la progettazione e l’allestimento, il terzo riguarderà invece il completamento del museo. La Fondazione Compagnia di San Paolo sostiene progettazione esecutiva ed opere dell’intervento, con un importo complessivo di 1.600.000 euro, previsto nell’ambito del Protocollo Quadro 2019-2020 con il Comune di Genova.

“La nostra Fondazione opera per valorizzare le identità culturali e creative di ogni territorio e per renderlo più fruibile e attrattivo nei confronti del turismo. Il Museo della Storia di Genova e l’importante recupero della Loggia della Mercanzia rappresentano un’opportunità di crescita sia per la città sia per le persone che la abitano e che lo sceglieranno come spazio in cui far nascere nuove occasioni di conoscenza, di lavoro e di sviluppo. È con questa convinzione” ha dichiarato Alberto Anfossi, segretario generale della Fondazione Compagnia di San Paolo “che abbiamo accettato di affiancarci alla città di Genova nella realizzazione di un bene comune, un museo che ne racconti la storia perché anche le prossime generazioni possano beneficiare di questa ricchezza, perché pensiamo possa essere un elemento identitario per i cittadini e di attrattività per i visitatori perché, infine, riteniamo sia un’occasione per mostrare come la ridestinazione e il recupero di un bene possano creare le condizioni per offrire una visione sostenibile della cultura, da un punto di vista economico e sociale”.

Firmato dallo studio milanese Migliore+Servetto Architects in collaborazione con lo studio genovese Go-Up Architects, il progetto per la nuova Loggia creerà uno spazio inclusivo e ospitale, dove sarà possibile scoprire e riscoprire la forte identità della città, tra tradizione e innovazione. 

Il visitatore percorrerà la grande scalinata interna che lo condurrà in un duplice percorso museale: verso il piano terra, dove si sviluppa il museo dedicato alla storia di Genova, e verso l’alto, in un luogo di scambio e approfondimento che offre uno sguardo sul presente e il futuro del territorio genovese. Sull’ampia volta si sviluppa una proiezione immersiva visibile sia dall’esterno che dall’interno dell’edificio per valorizzare la vocazione inclusiva di questo museo che si apre alla città.  

Ph.Credit Comune di Genova

 

A Genova sta per nascere il nuovo Museo della cittÓ. Ecco il progetto definitivo
A Genova sta per nascere il nuovo Museo della cittÓ. Ecco il progetto definitivo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma