Al Labirinto della Masone un nuovo percorso a tappe per scoprire la sua storia


Il Labirinto della Masone, il più grande labirinto del mondo, riapre con un nuovo percorso a tappe per far scoprire la sua storia e quella del suo creatore.

Il Labirinto della Masone riapre al pubblico lunedì 18 maggio e presenta un nuovo percorso a tappe che racconterà la storia del labirinto più grande del mondo, voluto da Franco Maria Ricci. Dopo la chiusura forzata per emergenza sanitaria, il labirinto e la collezione d’arte saranno di nuovo accessibili, con ingressi contingentati grazie a un nuovo sistema di prenotazione online.  

Attraverso nuovi pannelli posti tra i viali di bambù, i visitatori potranno conoscere la storia dei labirinti, partendo dal mito di Creta per giungere ai nostri giorni, passando per dal Medioevo e dal Rinascimento. Un analogo percorso a tappe narrerà anche la storia del Labirinto della Masone e del sogno del suo creatore: dalle sue ispirazioni, i labirinti di specchi scoperti nell’infanzia e l’incontro con il “labirintografo” Jorge Luis Borges, alla realizzazione del progetto.

Testi e immagini faranno inoltre scoprire i vari aspetti della carriera di Ricci: dal colpo di fulmine con il Manuale Tipografico di Bodoni agli esordi come designer negli anni Sessanta, fino alla decisione di divenire editore, evidenziandone i momenti, le collaborazioni e le amicizie importanti, tra cui Calvino, Eco, Barthes, Paz, e molti altri grandi protagonisti dell’arte, della cultura e della moda, ed esplorando i legami tra la sua produzione editoriale e la sua eclettica collezione d’arte.

Altri allestimenti temporanei saranno inseriti invece nelle sale della collezione d’arte: in particolare, un approfondimento sull’arte e la creatività dei primi del Novecento, attorno ad alcune testimonianze originali di Galileo Chini, come le formelle provenienti da Salsomaggiore, e I fiori di carta di Mao Tse Tung, l’esposizione dei ritratti monocromi del dittatore cinese che furono oggetto di una celebre pubblicazione d’arte di Franco Maria Ricci.

Nei mesi di maggio e di giugno, tutti i visitatori entreranno con biglietto scontato. È consigliato l’acquisto online dei biglietti sul sito del Labirinto, per scegliere data e ora di visita. Sarà possibile inoltre acquistare un abbonamento annuale al Labirinto, al costo di 50 euro, che permette di accedere alla struttura per un anno dal momento dell’acquisto (saranno inclusi parco, collezione permanente e mostre temporanee).

Per info: www.labirintodifrancomariaricci.it

Orari: Dalle 10.30 alle 19 con ultimo ingresso alle 18. 

Ph.Credit Massimo Listri

Al Labirinto della Masone un nuovo percorso a tappe per scoprire la sua storia
Al Labirinto della Masone un nuovo percorso a tappe per scoprire la sua storia


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il Pushkin vuole acquistare la probabile prima versione di Venere e Amore di Tiziano
Il Pushkin vuole acquistare la probabile prima versione di Venere e Amore di Tiziano
Firenze, il Museo del Bargello riapre e presenta la nuova Sala degli Avori, tutta riallestita
Firenze, il Museo del Bargello riapre e presenta la nuova Sala degli Avori, tutta riallestita
Le Vite di Vasari diventano un audioracconto per i bambini, gratuito
Le Vite di Vasari diventano un audioracconto per i bambini, gratuito
Le Gallerie d'Italia riaprono al pubblico le loro tre sedi. Prorogata la mostra Canova | Thorvaldsen
Le Gallerie d'Italia riaprono al pubblico le loro tre sedi. Prorogata la mostra Canova | Thorvaldsen
Vile gesto contro il Museo dell'Ebraismo di Ferrara: recapitata lettera con insulti antisemiti
Vile gesto contro il Museo dell'Ebraismo di Ferrara: recapitata lettera con insulti antisemiti
Alberto Angela aveva ragione: al Mann c'è l'olio d'oliva più antico della storia
Alberto Angela aveva ragione: al Mann c'è l'olio d'oliva più antico della storia