Vile gesto contro il Museo dell'Ebraismo di Ferrara: recapitata lettera con insulti antisemiti


Gesto ignobile contro il Museo dell’Ebraismo di Ferrara: recapitata una lettera con insulti antisemiti e la foto di un campo di sterminio.

Non c’è limite all’ignoranza: il Museo dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara ha trovato nella propria cassetta, al rientro dalle ferie, una lettera con insulti antisemiti e una foto di un campo di sterminio. La lettera è affrancata ma priva di timbri, dunque è stata portata a mano al museo tra il 22 dicembre e il 6 gennaio, periodo in cui il museo era completamente chiuso, anche per il personale. La Digos sta indagando sulla vicenda: saranno esaminate le telecamere di sorveglianza per risalire agli autori del gesto ignobile.

“Abbiamo immediatamente sporto denuncia alle autorità competenti e abbiamo massima fiducia nell’attività investigativa tuttora in corso”, si legge in una nota del MEIS. “Continueremo a perseguire la missione culturale ed educativa del museo senza farci impressionare o intimidire da tali atti”. Ferma condanna anche dal sindaco di Ferrara, Alan Fabbri (Lega): “Piena solidarietà al Museo nazionale dell’ebraismo italiano e della Shoah di Ferrara, bersaglio di offese e minacce. Non sarà la violenza a prevalere, ma la costanza e l’impegno di chi lavora ogni giorno per conservare e tramandare la memoria di ciò che è stato. Grazie quindi al direttore Amedeo Spagnoletto e a tutto il personale del Meis per la preziosa missione che portano avanti, grazie alla Digos per il lavoro investigativo sulle tracce dei responsabili e a tutte le forze dell’ordine impegnate nei servizi di protezione e sicurezza. Siamo al loro fianco. Il Meis è un patrimonio nazionale che non a caso ha sede a Ferrara. La storia della nostra città, infatti, si intreccia fortemente alla cultura ebraica, e ne è arricchita. Ed è impegno della nostra Amministrazione tutelare, promuovere e valorizzare questo patrimonio. I deliri antisemiti contenuti nella lettera, di qualsiasi matrice siano, non possono essere né tollerati né sottovalutati e devono avere pesanti conseguenze per i responsabili. È ora di mettere definitivamente fine a episodi di questo tipo”.

Parole di disprezzo nei confronti del gesto anche da parte del presidente della regione, Stefano Bonaccini (Pd), e dell’assessore alla cultura, Mauro Felicori. “Sdegno. È quello che proviamo, prima di tutto come persone. E poi come rappresentanti delle Istituzioni. Di fronte a gesti come questi è importante stringerci a chi, in questo caso il Museo dell’Ebraismo e della Shoah di Ferrara, è fatto bersaglio di farneticazioni inqualificabili. L’antisemitismo è stato un dramma immane, una ferita per l’intera umanità, e bisogna essere fermi nel non sottovalutare e nel condannare gesti che si rifanno ad una delle pagine più buie della storia. Bisogna dire basta all’odio e a chi alimenta un clima di rabbia, di chiusura, di scontro. Il Museo dell’Ebraismo e della Shoah di Ferrara arricchisce, con le proprie testimonianze e la memoria della Shoah, il patrimonio storico della nostra regione, costituendone anche una importante parte identitaria. La cultura è un potente antidoto anche per smaltire le scorie del secolo scorso. Noi ci crediamo, le istituzioni sono impegnate su questo obiettivo comune. E non ci sarà spazio per l’odio e per l’intolleranza”.

È poi arrivata anche la dura condanna del ministro dei beni culturali Dario Franceschini: “Ferma e risoluta condanna del gesto antisemita indirizzato al Museo dell’ebraismo italiano e della Shoah di Ferrara. Un atto vile e spregevole, che colpisce un’istituzione culturale voluta per ricordare le sofferenze, le persecuzioni e le atrocità subite dalla comunità ebraica italiana a causa delle infami leggi razziali”.

Nella foto: la sede del MEIS di Ferrara.

Vile gesto contro il Museo dell'Ebraismo di Ferrara: recapitata lettera con insulti antisemiti
Vile gesto contro il Museo dell'Ebraismo di Ferrara: recapitata lettera con insulti antisemiti


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Le mostre 2020 del Centro Pecci di Prato. Missione: essere luogo di ricerca aperto al dialogo
Le mostre 2020 del Centro Pecci di Prato. Missione: essere luogo di ricerca aperto al dialogo
Torino, riaprono il Giardino Ducale e il Boschetto dei Musei Reali. Previsto un ricco programma di eventi estivi
Torino, riaprono il Giardino Ducale e il Boschetto dei Musei Reali. Previsto un ricco programma di eventi estivi
Parigi, il Museo del Palais de Tokyo apre le porte ai nudisti per un tour speciale
Parigi, il Museo del Palais de Tokyo apre le porte ai nudisti per un tour speciale
Il Museo Archeologico di Bologna apre l'Agorà ispirandosi alle piazze dell'antica Grecia
Il Museo Archeologico di Bologna apre l'Agorà ispirandosi alle piazze dell'antica Grecia
La Valle dei Templi lancia ValleCard: ingressi gratuiti tutto l'anno per coppie e famiglie
La Valle dei Templi lancia ValleCard: ingressi gratuiti tutto l'anno per coppie e famiglie
Palazzo Merulana riapre virtualmente le sue porte con #casamerulana
Palazzo Merulana riapre virtualmente le sue porte con #casamerulana