Le opere di tre artiste entrano nella collezione permanente del MACTE di Termoli


Il primo museo di arte contemporanea del Molise, il MACTE di Termoli, si arricchisce di tre nuove opere di tre artiste. 

Il MACTE di Termoli, primo museo di arte contemporanea del Molise, si arricchisce nella sua collezione permanente di tre nuove opere di tre artiste: Bruna Esposito, Sara Enrico e Caterina Silva

Oro colato di Bruna Esposito (Roma, 1960) è stata esposta per la prima volta nelle sale del museo in occasione della 62° edizione dello storico Premio Termoli e l’opera aveva vinto la Sezione Arti Visive edizione 2020-2021. Questo il contesto che ha portato alla sua acquisizione. L’artista insieme alla poetessa Paola d’Agnese ha compiuto una performance nello spazio del museo che ha coinvolto il pubblico e che è ora disponibile come video registrazione.

RGB (skin) di Sara Enrico (Biella, 1979) è entrata nelle collezioni del MACTE grazie alla sinergia con il bando Cantica 21 del Ministero della Cultura e il Ministero degli Affari Esteri. L’opera si compone di due grandi sculture con un’anima di gommapiuma, rivestite da un tessuto tecnico che adattandosi alle forme traduce la tela in nuova tridimensionalità. L’artista ha realizzato l’opera partendo dalla tela grezza e digitalizzandone l’immagine in movimento sul piatto di uno scanner, indagando così le potenzialità della superficie e le relazioni tra corpo, abito e spazio.

Moira / Mɔjra / Mɔɪ.rə di Caterina Silva (Roma, 1983) è stata realizzata grazie a MACTE Digital, nuovo progetto del museo per uno spazio espositivo digitale in cui artisti e artiste presentano opere inedite. Si tratta di un’indagine sul linguaggio, che cerca di condurre gli spettatori in territori in cui è ancora possibile restituire alla parola la capacità di descrivere e trasformare il mondo. Moira cambia continuamente forma: da testo a screensaver ad animazione virtuale. L’opera vive nell’archivio di MACTE Digital sul sito del museo.

Per info: www.fondazionemacte.com

Immagine: Sara Enrico, RGB (skin) (2021; stampa in sublimazione su poliestere, gommapiuma, 130 × 140 × 54 cm ciascun pezzo; Termoli, MACTE). Foto di Cristina Leoncini 

Le opere di tre artiste entrano nella collezione permanente del MACTE di Termoli
Le opere di tre artiste entrano nella collezione permanente del MACTE di Termoli


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Online il nuovo sito della Collezione Peggy Guggenheim
Online il nuovo sito della Collezione Peggy Guggenheim
Art Delivery, il palinsesto online dei Musei Civici di Treviso
Art Delivery, il palinsesto online dei Musei Civici di Treviso
Bari, un nuovo allestimento e una nuova sala per la Pinacoteca Metropolitana
Bari, un nuovo allestimento e una nuova sala per la Pinacoteca Metropolitana
I musei non possono aprire, ma i loro negozi sì: e il Mudec apre il suo Mudec Design Store
I musei non possono aprire, ma i loro negozi sì: e il Mudec apre il suo Mudec Design Store
I musei del territorio lanciano petizione a Franceschini: “Il MiBACT aiuti anche i musei non statali”
I musei del territorio lanciano petizione a Franceschini: “Il MiBACT aiuti anche i musei non statali”
Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli lancia il suo videogioco... in napoletano!
Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli lancia il suo videogioco... in napoletano!