Mahmood gira il nuovo video al Museo Egizio e balla a petto nudo nella Galleria dei Re


Mahmood, il popolare cantante vincitore dell’edizione 2019 del Festival di Sanremo, ha scelto il Museo Egizio di Torino come ambientazione per una parte del suo nuovo video. Dorado (questo il titolo del singolo, realizzato assieme a Sfera Ebbasta e Feid) avrà dunque un videoclip che vede il cantante italo-egiziano ballare a petto nudo tra le statue della Galleria dei Re: per l’artista (il suo vero nome è Alessandro Mahmoud) è una sorta di omaggio alle sue origini.

Entusiasta il direttore del Museo Egizio, Christian Greco. “Sono davvero lieto”, ha dichiarato, “che un luogo dedicato a una cultura millenaria, qual è il Museo Egizio, possa rappresentare una fonte d’ispirazione per le forme espressive contemporanee, divenendo uno spazio capace di stimolare la creatività di giovani artisti”. 

“L’accostamento fra la nostra collezione e la musica di Mahmood”, ha concluso il direttore, “esprime appieno il senso di universalità che caratterizza i vari linguaggi della cultura, portatori di messaggi in grado di raggiungere e arricchire chiunque”. 

 

Mahmood gira il nuovo video al Museo Egizio e balla a petto nudo nella Galleria dei Re
Mahmood gira il nuovo video al Museo Egizio e balla a petto nudo nella Galleria dei Re


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER