Mudec, dieci donne che hanno cambiato la storia della fotografia


Sui canali social del Mudec la miniserie 10 x 10, dieci mini-video documentari che raccontano dieci grandi protagoniste della storia della fotografia.

Ogni sabato alle ore 10 sui canali del Mudec - Museo delle Culture prosegue fino al 20 febbraio 2021 la miniserie 10 x 10, dieci mini-video documentari che raccontano dieci grandi protagoniste della storia della fotografia. Un appuntamento che dal 19 dicembre 2020 accompagna il pubbico per dieci settimane alla scoperta della vita e dell’opera di celebri fotografe, quali Cindy Sherma, Eve Arnold, Inge Morath, Lisetta Carmi, Tina Modotti. 

A cura di Nicolas Ballario, la miniserie video racconta la fotografia d’autore. Dieci grandi fotografe che hanno caratterizzato tutto il Novecento fino ad arrivare, con alcune di esse, al nostro secolo; personalità molto diverse tra loro, ma scelte perché presentano tutte un tratto distintivo comune: sono state artiste pioniere che si sono imposte con il loro obiettivo fotografico in un mondo e in un tempo in cui l’accesso per le donne era osteggiato, se non addirittura proibito, ma che con la loro arte e ’militanza’ hanno aperto la strada a intere generazioni di fotografe. Dal fotogiornalismo al reportage, dal cinema alla moda, dall’architettura alla politica, dal design ai sistemi dell’arte, i documentari, per la regia di Fabrizio Spucches, racconteranno la vita e la carriera di Dorothea Lange, Cindy Sherman, Gerda Taro, Inge Morath, Margaret Bourke-White, Eve Arnold, Lisetta Carmi, Imogen Cunningham, Marirosa Toscani e infine Tina Modotti, quest’ultima ospitata prossimamente al Mudec con una antologica a lei dedicata.

 Sabato 23 gennaio, in occasione della sesta puntata, Nicolas Ballario accompagnerà il pubblico alla scoperta di Imogen Cunningham, pioniera della fotografia nata a Portland nel 1883. Appena diciottenne comprò la sua prima macchina fotografica per cominciare a scattare. Si appassiona alla fotografia della natura: i suoi scatti ritraggono piante, paesaggi e fiori. Nel 1909 si trasferì a Dresda per studiare chimica (era l’unica donna del suo corso). Pubblicò uno studio dove venne descritta una tecnica volta a velocizzare la stampa: tutto ciò che impara all’università lo utilizzò per la fotografia. A Seattle aprì un suo studio fotografico. Negli ultimi anni di vita fondò l’Imogen Cunningham Trust, un istituto che ha il compito di conservare e valorizzare il suo patrimonio artistico.

Oltre alla biografia, agli aneddoti e agli aspetti particolari che hanno contraddistinto la vita spesso avventurosa delle dieci fotografe, Ballario mostra anche tante immagini e presenta contributi esterni di giornalisti, critici e artisti ad arricchire le dieci storie.

A partire dal 22 febbraio nascerà da questa miniserie un podcast: le audiostorie saranno disponibili sulle piattaforme Spotify e Apple Podcast. 

Il Mudec inaugura infatti dal 2021 un nuovo appuntamento culturale sui suoi canali social, prediligendo un racconto tutto da ascoltare, dove e quando si vuole. Si parte da gennaio: i video-documentari continueranno la loro missione divulgativa in forma di audio-documentari attraverso i podcast. Dieci nuove narrazioni di grandi artiste che hanno fatto la storia del nostro tempo per un viaggio tutto al femminile

Di seguito i successivi appuntamenti: 

23 gennaio: Imogen Cunningham
30 gennaio: Inge Morath
6 febbraio: Lisetta Carmi
13 febbraio: Margaret Bourke-White
20 febbraio: Tina Modotti

Nell’immagine, Imogen Cunningham, Autoritratto con camera (fine anni Venti). © Imogen Cunningham Trust

Mudec, dieci donne che hanno cambiato la storia della fotografia
Mudec, dieci donne che hanno cambiato la storia della fotografia


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma