Tette al vento al Musée d'Orsay: le Femen protestano contro il dress-code del museo


Protesta del movimento Femen contro il Musée d’Orsay che la scorsa settimana ha chiesto a una ragazza di coprirsi il décolleté.

Una ventina di attiviste del movimento Femen ha protestato a seno nudo, come da loro tipico modus operandi, all’interno del Musée d’Orsay a Parigi: le donne si sono sistemate in piedi all’interno della galleria centrale e, col braccio destro alzato, hanno scandito lo slogan l’obscenité est dans vos yeux (“l’oscenità è nei vostri occhi”). Sui loro corpi hanno scritto frasi come “ceci n’est pas obscène” (“questo non è osceno”) o “obscène à cause de vous” (“osceno a causa vostra”.

La protesta è stata inscenata domenica pomeriggio, in risposta a un fatto accaduto la scorsa settimana al museo, quando una visitatrice, una studentessa di lettere di ventidue anni, è stata bloccata all’ingresso a causa della scollatura giudicata troppo vistosa: gli addetti della società che detiene la concessione della biglietteria del Musée d’Orsay le avevano chiesto di coprirsi per entrare, e la ragazza aveva scritto una lettera di protesta. Il museo aveva poi diramato una nota per scusarsi dell’incidente, e ha contattato privatamente la giovane.

Tette al vento al Musée d'Orsay: le Femen protestano contro il dress-code del museo
Tette al vento al Musée d'Orsay: le Femen protestano contro il dress-code del museo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER