Il Pushkin vuole acquistare la probabile prima versione di Venere e Amore di Tiziano


Il Museo Pushkin di Mosca potrebbe acquistare un’opera di Tiziano che alcuni studi indicano come la prima versione della Venere e Adone del Prado.

Il Museo Pushkin di Mosca potrebbe acquistare un’opera di Tiziano: si tratta della Venere e Adone di proprietà del collezionista russo Vladimir Logvinenko e recentemente esposta alla mostra sul Rinascimento veneto presso lo stesso museo. Studi recenti condotti dala responsabile dei dipinti italiani al Pushkin, Victoria Markova, e avallati da alccuni critici, vorrebbero che il dipinto in questione sarebbe la versione originale del dipinto omologo conservato al Prado: pare che sotto la superficie sia stata riscontrata la presenza di un disegno preliminare, come emerso da analisi effettuate al Prado.

Finora l’opera era ritenuta una copia. Il Museo Pushkin è dunque interessato all’acquisto, ma le cifre potrebbero essere molto elevate: si parla di una stima che oscilla tra i 10 e i 20 milioni di dollari se l’autenticità fosse confermata. In tal caso potrebbe rendersi utile il ricorso ad azioni di crowdfunding.

“Malgrado i tempi difficili”, ha dichiarato a The Art Neswpaper la direttrice del museo, Marina Loshak, “il museo percepisce sempre l’amore e il supporto dei visitatori, degli amici del museo e dei donatori. Non ci aspettiamo che il fundraising si realizzi velocemente. Sarà un processo lungo che richiederà grande lavoro e attenzione”. 

 

 

Il Pushkin vuole acquistare la probabile prima versione di Venere e Amore di Tiziano
Il Pushkin vuole acquistare la probabile prima versione di Venere e Amore di Tiziano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER