Nasce UmbriaBOX, un sito per entrare nei musei dell'Umbria e scoprire i loro capolavori


Lanciato il progetto UmbriaBOX: un sito per scoprire i musei di dodici borghi dell’Umbria attraverso tour virtuali a 360 gradi, video divulgativi e contenuti didattici. In continuo aggiornamento.

Nasce un sito per entrare nei musei di dodici borghi dell’Umbria e scoprire i loro capolavori attraverso tour virtuali a 360°, video divulgativi e contenuti didattici: si chiama UmbriaBOX ed è un progetto promosso dai comuni che aderiscono alla rete Terre e Musei dell’Umbria, che comprende le città di Amelia, Bettona, Bevagna, Cannara, Cascia, Deruta, Marsciano, Montefalco e Umbertide, e dai comuni di Trevi, Montone e Spello. Il progetto, realizzato con il contributo della Regione Umbria, è stato seguito dalla società cooperativa Sistema Museo ne che ha curato la progettazione, il coordinamento, la realizzazione e la comunicazione. Il sito è già online, raggiungibile all’indirizzo www.umbriabox.it.

Con UmbriaBOX è possibile entrare virtualmente all’interno di pinacoteche e strutture museali, avere informazioni e scoprire curiosità e segreti relativi ai capolavori che vi sono conservati, conoscere la storia dei dodici borghi insieme al loro patrimonio artistico. Dai mosaici e dalle statue di epoca romana fino ai meravigliosi gruppi scultori di età medievale, dalle opere di artisti come Benozzo Gozzoli, Perugino, Luca Signorelli, Corrado Giaquinto fino alle creazioni in ceramica realizzate a mano nel corso dei secoli: tutto visitabile attraverso lo schermo del telefono, del tablet o del computer, con video e immagini ad altissima risoluzione, che consentono all’utente di “camminare” virtualmente fra le sale dei musei. Non solo: il sito comprende anche una sezione, UmbriaDocumenta, dedicata alla didattica museale per adulti e bambini. Attraverso dei video tutorial realizzati all’interno dei musei umbri, l’utente può infatti scoprire i segreti delle più importanti tecniche artistiche, come la tempera, l’affresco o il mosaico, e seguire le indicazioni degli operatori per realizzare le proprie opere a casa.

L’idea alla base del progetto è quella di far conoscere a un pubblico vasto e diffuso in ogni parte del mondo questi dodici borghi dell’Umbria che nascondono grandi tesori artistici. Uno strumento di promozione territoriale dotato di ampie possibilità, insomma. Il portale, inoltre, nelle prossime settimane si arricchirà di nuovi video a carattere turistico e della versione in inglese di tutti i contenuti.

Il progetto è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa virtuale alla presenza di Antonella Pinna, dirigente del servizio valorizzazione risorse culturali, musei, archivi e biblioteche della Regione Umbria, che ha contribuito alla realizzazione del progetto, del sindaco di Spello Moreno Landrini, comune capofila del progetto UmbriaBOX, del sindaco di Deruta Michele Toniaccini, comune capofila della rete Terre e Musei dell’Umbria, di sindaci e amministratori degli altri comuni aderenti al progetto e di Simona Menci, vice presidente della società cooperativa Sistema Museo. Sono intervenuti: Bernardino Sperandio e Dalila Stemperini, sindaco e vicesindaco di Trevi, Sara Pierucci, assessore alla cultura di Umbertide, Federica Proietti, assessore alla cultura di Amelia, Rita Galardini, vicesindaco di Bevagna, Mario De Carolis, sindaco di Cascia, Fabrizio Gareggia, sindaco di Cannara, Roberta Rosini, vicesindaco di Montone, Andrea Pilati, vicesindaco di Marsciano, e Daniela Settimi, vicesindaco di Montefalco. Irene Falcinelli, assessore alla cultura del comune di Spello, ha ribadito l’importanza della sinergia fra enti, per valorizzare il patrimonio storico artistico dei borghi dell’Umbria, e del progetto UmbriaBOX, anche in ottica della ripresa del turismo in presenza. Per il sindaco di Spello Moreno Landrini un simile progetto è fondamentale per la promozione di un territorio così ricco di tesori e di qualità umane da porre al servizio dei visitatori. Michele Toniaccini, sindaco di Deruta, ha aggiunto che la cooperazione e la collaborazione alla base del progetto UMBRIABOX dimostrano come sia possibile promuovere in rete il brand Umbria mettendo in risalto le specificità di ognuno. Per la Regione Umbria è intervenuta Antonella Pinna che ha ricordato il forte sostegno dell’ente nel campo culturale, affermando l’importanza di lavorare in rete e di utilizzare tutti gli strumenti necessari per valorizzare il patrimonio regionale, anche a livello virtuale e comunicativo. Achille Roselletti Junior, responsabile del progetto per Sistema Museo, ha aggiunto che il portale è stato pensato per essere uno strumento da implementare e aggiornare continuamente con l’aggiunta di nuovi contenuti di altissima qualità, in modo da offrire uno strumento utile e coinvolgente all’utente e al tempo stesso far luce sullo straordinario patrimonio dei dodici borghi che hanno aderito.

Nell’immagine: la Pinacoteca di Amelia

Nasce UmbriaBOX, un sito per entrare nei musei dell'Umbria e scoprire i loro capolavori
Nasce UmbriaBOX, un sito per entrare nei musei dell'Umbria e scoprire i loro capolavori


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma