Il Museo di Paestum apre i depositi tutti i giorni: per la prima volta un deposito è parte del percorso del museo


Il Museo del Parco di Paestum diventa il primo a includere i depositi nel percorso di visita stabile del museo.

Dopo l’assaggio del mese di novembre durante i giorni della XXI Borsa del Turismo Archeologico, il museo del Parco Archeologico di Paestum ha deciso di aprire i suoi depositi tutti i giorni, per tutto il 2019, a tutti i visitatori. Dal 23 dicembre 2018 e per tutto il 2019, ogni pomeriggio, dalle 15:00 alle 18:00, il museo si arricchisce infatti di un nuovo percorso di visita che passa attraverso i depositi e che, in forma stabile, entra a far parte dell’offerta culturale del Parco. In Italia, è la prima volta che i depositi diventano parte integrante, in maniera duratura, del percorso del museo.

Lo sottolinea anche il direttore Gabriel Zuchtriegel: “il progetto è rivoluzionario per due aspetti. Primo, per la prima volta i depositi del museo diventano una parte stabile del percorso, così come sono, cioè senza ritocchi e trucchi. Chi entra vedrà il deposito in tutta la sua bellezza naturale. In altre parole: il museo diventa trasparente, apre il dietro le quinte a tutti i visitatori. Secondo, chi guida i visitatori sono i nostri assistenti alla fruizione e vigilanza, cioè quegli operatori dei musei statali spesso dipinti come ‘custodi’ annoiati che invece a Paestum partecipano attivamente alla valorizzazione del patrimonio. Questo mi rende orgoglioso, perché dimostra che nella pubblica amministrazione si possono fare cose innovative motivando e coinvolgendo i dipendenti, smentendo tutta una serie di stereotipi”.

“Visitare i depositi, scoprire cosa accade dietro le quinte di un museo, significa vivere la fantastica esperienza di entrare negli ingranaggi di una macchina culturale complessa e affascinante, ed esplorare i suoi molti segreti”, afferma Cinzia Dal Maso, presidente del centro studi Archeostorie, che partecipa al progetto. “A Paestum questo significherà anche dialogare con chi lavora quotidianamente in museo e capire perciò quel che vi accade non in astratto, ma dalla viva voce dei protagonisti. Sono veramente grata al direttore Gabriel Zuchtriegel per aver coinvolto Archeostorie in questo progetto importante e necessario: offrire la possibilità di toccare con mano il lavoro dei professionisti dei beni culturali significa far apprezzare sempre più il loro lavoro ma anche i monumenti stessi”.

Le visite ai depositi saranno in italiano, inglese, tedesco, francese e spagnolo e si svolgeranno tutti i pomeriggi, tranne il lunedì, alle 15:00, 16:00, 17:00 e 18:00. Il costo del biglietto è di 1 euro, da aggiungere al biglietto di ingresso al Parco, al biglietto annuale Paestum Mia e alla card Adotta un Blocco. I bambini fino a 6 anni non pagano. Per le scuole, su prenotazione, possibilità di visita anche la mattina. Per info è possibile scrivere una mail a pae.promozione@beniculturali.it, telefonare allo 0828811023 o visitare il sito del Parco di Paestum.

Il Museo di Paestum apre i depositi tutti i giorni: per la prima volta un deposito è parte del percorso del museo
Il Museo di Paestum apre i depositi tutti i giorni: per la prima volta un deposito è parte del percorso del museo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER