La Pista 500 si arricchisce di una nuova opera dell'artista danese Nina Beier


La Pinacoteca Agnelli arricchisce la collezione sulla Pista 500 con una nuova installazione. Si tratta di The Guardians dell’artista danese Nina Beier. 

A un mese dall’inaugurazione del suo nuovo corso, la Pinacoteca Agnelli presenta una nuova installazione sulla Pista 500. Si tratta di The Guardians, opera dell’artista danese Nina Beier (1975).

L’opera si è aggiunta alle installazioni già presenti sulla Pista 500 di Valie Export, Sylvie Fleury, Shilpa Gupta, Louise Lawler, Mark Leckey, Cally Spooner. Nel polmone verde a 28 metri di altezza popolato da più di 40mila piante di oltre trecento specie autoctone, installazioni artistiche e ambientali dialogano con l’architettura, il paesaggio e i simboli di un luogo emblematico di Torino. Alcune opere si misurano con l’eredità del Lingotto per presentare le implicazioni sociali, culturali e politiche della sua trasformazione; altre avviano una riflessione sul monumento, confrontandosi con la tradizione della storia dell’arte e con i simboli ancora presenti negli spazi pubblici delle nostre città. Alcuni dei lavori esposti complicano infine gli immaginari tradizionalmente maschili legati alla fabbrica e all’automobile, portando prospettive plurali in un luogo storicamente connotato da iconografie e narrazioni fatte da uomini.

Commissionata e prodotta da Pinacoteca Agnelli per la Pista 500, l’installazione The Guardians propone cinque leoni monumentali, spogliati della loro funzione di ornamento architettonico, che sembrano riposare, tornando alla loro condizione selvatica. L’opera suggerisce la possibilità che i guardiani leonini possano lasciare i loro posti designati e invadere nuovi spazi.

Dialogando con l’archeologia industriale dell’ex fabbrica Fiat del Lingotto, Nina Beier propone dunque una riflessione sulla vita dei monumenti dopo la perdita della loro funzione originaria. Nel branco di leoni ideato da Beier, iconografie tradizionali del potere incontrano caratteristiche formali prese in prestito da ambiti disparati, che vanno dai film Disney ai cani Foo cinesi, svelando la logica collettiva che sta dietro alla produzione delle merci e la stratificazione di immaginari che custodiscono.

La programmazione di Pinacoteca Agnelli, curata da Sarah Cosulich e Lucrezia Calabrò Visconti, si estende fuori dagli spazi del museo, con una nuova opera commissionata appositamente per gli spazi della Pista500.

La Pista500 è visitabile dal martedì alla domenica, dalle 11 alle 21.

Foto di Mybosswas

La Pista 500 si arricchisce di una nuova opera dell'artista danese Nina Beier
La Pista 500 si arricchisce di una nuova opera dell'artista danese Nina Beier


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Quattro direttori per quattro musei e parchi archeologici: online il bando del MiC
Quattro direttori per quattro musei e parchi archeologici: online il bando del MiC
Quattro comici raccontano i capolavori della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma
Quattro comici raccontano i capolavori della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma
Venezia, aperte al pubblico le sale private di Palazzo Reale, dopo quasi un secolo di oblio
Venezia, aperte al pubblico le sale private di Palazzo Reale, dopo quasi un secolo di oblio
La Cappella degli Scrovegni in gigapixel per scoprirne i dettagli
La Cappella degli Scrovegni in gigapixel per scoprirne i dettagli
Pasticceria milanese crea panettoni con in regalo libro su Raffaello e ingressi al museo
Pasticceria milanese crea panettoni con in regalo libro su Raffaello e ingressi al museo
Il Kunsthistorisches Museum di Vienna riapre il 30 maggio. E il costo d'ingresso lo decidono i visitatori
Il Kunsthistorisches Museum di Vienna riapre il 30 maggio. E il costo d'ingresso lo decidono i visitatori