I capolavori della Pinacoteca di Brera in altissima definizione, dal Bacio di Hayez all'Adorazione del Correggio


La Pinacoteca di Brera in collaborazione con Haltadefinizione rendono possibile una visione ravvicinata dei capolavori con immagini in altissima definizione.

I capolavori più importanti della Pinacoteca di Brera in altissima definizione: il museo con Haltadefinizione hanno reso possibile ammirare, tra le altre, opere come Lo sposalizio della Vergine di Raffaello, Il bacio di Hayez e l’Adorazione dei Magi di Correggio, da una visione ravvicinata. Una sezione speciale del sito del museo è dedicata proprio a questa nuova funzionalità, accessibile a tutti.

Un’iniziativa che garantisce l’accesso “virtuale” alle opere e fornisce strumenti innovativi per le attivita` di didattica a distanza delle scuole.

“In questo momento in cui nessuno può godere del capolavoro di Raffaello di persona, renderlo accessibile in alta risoluzione, permettere a tutti di esplorarlo, è un’ espressione perfetta del potere dell’arte e dei valori della Pinacoteca” ha dichiarato il direttore della Pinacoteca di Brera e della Biblioteca Nazionale Braidense, James Bradburne

Mediante i visori multimediali è possibile entrare nei dipinti per soffermarsi su ciò talvolta il solo sguardo non riesce ad apprezzare. L’altissima risoluzione delle immagini permette un approccio totalmente nuovo ai dipinti: è possibile individuare i più piccoli dettagli, percepire gli aspetti tecnici, le sottigliezze dei pigmenti, le tracce del disegno. 

L’iniziativa è stata realizzata grazie al supporto di Haltadefinizione, tech-company specializzata nella digitalizzazione di beni culturali e in attività di promozione e divulgazione, che ha messo a disposizione la propria Image Bank in altissima definizione insieme alla piattaforma digitale per la distribuzione dei contenuti.

“Le immagini in altissima definizione (o Gigapixel)” ha affermato Luca Ponzio, founder di Haltadefinizione “sono una straordinaria occasione per favorire l’approccio digitale e immersivo alle collezioni museali. L’esplorazione dell’immagine di un’opera d’arte in rete, in tempo reale e con possibilitaà di ingrandimento fino a 40x, apre a nuove stimolanti opportunità creative sia per la valorizzazione sia per la conservazione e lo studio. Come funziona il processo di creazione di una fotografia Gigapixel? Macchine speciali realizzano centinaia, a volte migliaia, di macro fotografie dei dettagli di un’opera e poi le mettono insieme, come fosse un mosaico, per comporre un’unica grande immagine”.

Immagine: Francesco Hayez, Il Bacio (1859; olio su tela, 112 x 88 cm; Milano, Pinacoteca di Brera)

 

 

 

 

 

I capolavori della Pinacoteca di Brera in altissima definizione, dal Bacio di Hayez all'Adorazione del Correggio
I capolavori della Pinacoteca di Brera in altissima definizione, dal Bacio di Hayez all'Adorazione del Correggio


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


La Quadriennale di Roma sempre più social: ecco le sue iniziative online
La Quadriennale di Roma sempre più social: ecco le sue iniziative online
Nasce la nuova app gratuita del Parco Archeologico di Paestum
Nasce la nuova app gratuita del Parco Archeologico di Paestum
Il Rijksmuseum di Amsterdam lancia un escape game per diventare... investigatori nel museo
Il Rijksmuseum di Amsterdam lancia un escape game per diventare... investigatori nel museo
Le piazze d'Italia, oggi come nei dipinti di de Chirico
Le piazze d'Italia, oggi come nei dipinti di de Chirico
Uffizi, donata al museo la collezione di disegni del futurista Bino Sanminiatelli
Uffizi, donata al museo la collezione di disegni del futurista Bino Sanminiatelli
Gli Uffizi presentano un nuovo acquisto e aprono a Lucca Comics. Schmidt: “dobbiamo essere pop”
Gli Uffizi presentano un nuovo acquisto e aprono a Lucca Comics. Schmidt: “dobbiamo essere pop”