Aperture serali al Museo Marino Marini. Di nuovo visitabile dal 17 giugno


Il Museo Marino Marini riapre al pubblico dal 17 giugno. Previsti nuovi giorni e orari di visita, con aperture serali.

Il Museo Marino Marini riapre le sue porte ai visitatori da mercoledì 17 giugno con nuovi giorni e orari di apertura: la sede museale di arte contemporanea sarà infatti visitabile tutti i mercoledì e i giovedì dalle 18.30 alle 22.30 e la domenica dalle 10 alle 19.

Grazie alle aperture serali infrasettimanali si potranno ammirare le opere esposte e percorrere gli spazi museali con suggestivi effetti di luce. La domenica sarà dedicata in particolare ai bambini e alle famiglie con un apposito programma.

Il museo custodisce 183 opere di Marino Marini, tra disegni, litografie, dipinti, sculture, tutte esposte sui quattro livelli del museo, e ospita al suo interno la Cappella Rucellai. Quest’ultima riapre nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste, dalla sanificazione degli spazi alla distanza interpersonale.

“La pandemia ha innescato nuove abitudini e imposto diverse modalità di fruizione degli spazi. Il Museo Marino Marini ha risposto a queste sfide aprendosi al pubblico in modo nuovo e coinvolgente: con le aperture serali offriremo inedite esperienze di visita e siamo al lavoro per definire un ricco programma di attività attraverso il quale instaurare un dialogo con i visitatori per invitarli a riflettere insieme sui cambiamenti di oggi e di domani” ha dichiarato Patrizia Asproni, Presidente del Museo Marino Marini.

Per tutte le informazioni: www.museomarinomarini.it

 

 

Aperture serali al Museo Marino Marini. Di nuovo visitabile dal 17 giugno
Aperture serali al Museo Marino Marini. Di nuovo visitabile dal 17 giugno


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER