Roma, il giovane Luca Lo Pinto è il nuovo direttore del MACRO. Succede a Giorgio de Finis


Finisce l’era di Giorgio de Finis, il direttore che aveva rivoluzionato il MACRO di Roma dando vita al progetto MACRO Asilo: la parentesi, durata due anni (de Finis era stato infatti presentato a dicembre 2017 e a dicembre 2019 terminerà il suo mandato: a questo link l’intervista che gli avevamo fatto) si è conclusa con il bando che ha nominato il nuovo direttore artistico, individuato nella figura di Luca Lo Pinto.

Classe 1981, Luca Lo Pinto si divide tra Roma e Vienna, dove fa parte del team curatoriale della Kunsthalle. È inoltre fondatore della rivista e casa editrice Nero. Ha curato diverse mostre tra Italia e Austria (spicca, in particolare, la XVI Quadriennale d’Arte al Palazzo delle Esposizioni, tenutasi nel 2017), e al MACRO inaugurerà il progetto Museo per l’immaginazione preventiva. Il progetto, spiegano dall’Azienda Speciale Palaexpo, l’ente di Roma Capitale che gestisce il MACRO, contribuirà a “una ancora maggior coinvolgimento di pubblici diversificati e contemporaneamente assicurare un alto livello di qualità dell’offerta”, con l’obiettivo di “valorizzare l’apertura, la pluralità, le pratiche discorsive, valorizzando la figura del visitatore quale attivo proponente di contenuti, incoraggiando la presenza di studenti e promuovendo la ricerca e la sperimentazione artistica nazionale e internazionale con particolare importanza data alla collaborazione con le Accademie e gli Istituti di cultura presenti a Roma. Grande importanza sarà data a forme di collaborazione con la Soprintendenza Capitolina nell’obiettivo di valorizzare la collezione, la biblioteca, gli archivi del Macro”.

Il trentottenne Luca Lo Pinto, commenta l’artista Cesare Pietroiusti che è anche presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo, “è una personalità di comprovata esperienza nel settore della curatela di mostre e organizzazione di attività culturali con numerose e qualificate collaborazioni con istituzioni e organizzazioni in Italia e all’estero, che ha presentato un progetto culturale che corrisponde pienamente alle linee di indirizzo richieste dal bando. Contestualmente alla nomina di Lo Pinto, non posso esimermi dal rivolgere un grande ringraziamento a Giorgio de Finis, per lo straordinario lavoro che, insieme a tutto lo staff di Macro Asilo, ha svolto e sta svolgendo”.

Nella foto: Luca Lo Pinto

Roma, il giovane Luca Lo Pinto è il nuovo direttore del MACRO. Succede a Giorgio de Finis
Roma, il giovane Luca Lo Pinto è il nuovo direttore del MACRO. Succede a Giorgio de Finis


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Palazzo Barberini lancia la nuova rubrica #fictionBarberini
Palazzo Barberini lancia la nuova rubrica #fictionBarberini
Arriva il dispositivo indossabile per mantenere la distanza di sicurezza. L'Opera di Santa Maria del Fiore sarà la prima a utilizzarlo
Arriva il dispositivo indossabile per mantenere la distanza di sicurezza. L'Opera di Santa Maria del Fiore sarà la prima a utilizzarlo
Museo Nazionale di Rio, si lavora per la sicurezza e si prova a ripartire dai bambini. Non si esclude ipotesi di incendio doloso
Museo Nazionale di Rio, si lavora per la sicurezza e si prova a ripartire dai bambini. Non si esclude ipotesi di incendio doloso
Firenze, al Museo del Novecento la grande Valie Export ospite per la giornata contro la violenza sulle donne
Firenze, al Museo del Novecento la grande Valie Export ospite per la giornata contro la violenza sulle donne
Firenze, il Museo del Novecento porta le sue opere d'arte in scuole, penitenziari, ospedali e case private
Firenze, il Museo del Novecento porta le sue opere d'arte in scuole, penitenziari, ospedali e case private
Il Madre di Napoli porta il museo... porta a porta, con un progetto digitale di arte “a domicilio”
Il Madre di Napoli porta il museo... porta a porta, con un progetto digitale di arte “a domicilio”