Schmidt: spostare il Ratto delle Sabine dentro agli Uffizi


Eike Schmidt, direttore degli Uffizi, propone di spostare il Ratto delle Sabine, capolavoro del Giambologna, dalla Loggia dei Lanzi agli Uffizi.

Spostare il celebre Ratto delle Sabine, capolavoro del Giambologna che si trova sotto la Loggia dei Lanzi a Firenze, dentro gli Uffizi e sostituirlo con una copia: la proposta è stata lanciata oggi da Eike Schmidt, direttore degli Uffizi, durante un’intervista all’Ansa. I motivi? L’esposizione all’inquinamento, agli agenti atmosferici e ai danni arrecati dai turisti, già occorsi in passato. Della proposta si discute già da anni: nel 2000, ad avanzarla, era stato Antonio Paolucci, allora Soprintendente.

“Realizzare una copia, e trasportare l’originale all’interno del museo è una ipotesi oggi molto piu’ economica e praticabile che in passato”, ha spiegato Schmidt, evidenziando che “una soluzione per questa scultura sarebbe opportuna, perchè negli ultimi 15 anni le sue condizioni sono inevitabilmente peggiorate”, nonostante “il continuo monitoraggio e le cure dei restauratori dell’Opificio delle pietre dure”. Il direttore ha poi illustrato l’attività espositiva del 2018: ci sara una retrospettiva dell’artista tedesco contemporaneo Fritz Koenig, con circa 200 opere esposte tra Uffizi e Boboli, e una mostra, dall’8 marzo, sulla pittrice bolognese Elisabetta Sirani. Inoltre è previsto l’ampliamento del museo con un auditorium, intitolato a Giorgio Vasari, che ospiterà incontri, conferenze, concerti e varie attività.

Photo credit

Schmidt: spostare il Ratto delle Sabine dentro agli Uffizi
Schmidt: spostare il Ratto delle Sabine dentro agli Uffizi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER