Art influencer e critici d'arte: tra esibizionismi nuovi e antichi, tra voglia di apparire e voglia di raccontare


Chi sono gli art influencer? Va bene accanirsi contro di loro? Come si può leggere la loro attività? Una risposta all'ultimo articolo di Luca Beatrice sul “Giornale”.

Sono trascorsi quindici anni da quando la critica d’arte del Chicago Tribune, Lori Waxman, ha cominciato a girare per musei, gallerie e sedi espositive varie con una sua performance ormai famosa, 60 wrd/min art critic, dal meccanismo molto semplice: nello spazio scelto per ospitare l’azione, viene ricreato un ufficio, e lei siede davanti allo schermo d’un computer, ricevendo uno alla volta, come nello studio d’un medico o d’uno psicologo, gli artisti che vogliono sottoporle i loro lavori. Finito d’ascoltare l’artista ed esaminate le sue opere, Lori Waxman si prende qualche minuto per redigere una recensione all’istante, che viene poi messa nero su bianco con una stampante, e quindi appesa a una bacheca: gli articoli, sistemati uno vicino all’altro, finiscono per comporre una sorta di rivista d’arte prodotta in tempo reale, lungo la durata della singola performance.

Potrebbero sussistere almeno due validi motivi per ritenere 60 wrd/min art critic un lavoro particolarmente brillante. Da un lato, nel suo aspetto forse più romantico e al contempo più didascalico, la performance dà corpo alle varie fasi del lavoro del critico d’arte: osservare le opere, parlare con l’artista, studiare, pensare, scrivere, pubblicare (e non è detto che l’articolo debba per forza esser positivo). Dall’altro, si potrebbe leggere il lavoro di Lori Waxman come un efficace ritratto di ciò ch’è diventata, per molti, la professione di critico d’arte, o come una lente d’ingrandimento che scorre sui problemi che affliggono la critica d’arte, costretta a ritmi sempre più incalzanti (che inevitabilmente incidono sulla qualità dei contenuti), a doversi orientare tra una quantità enorme d’artisti (forse mai come in questo periodo storico la produzione artistica è stata tanto diffusa), a confrontarsi con la crescente irrilevanza cui molti che professano questo mestiere sembrano esser condannati (lo diceva già Jerry Saltz in tempi non sospetti, e i fatti han dimostrato che aveva ragione: così, alla figura del critico è andata progressivamente sostituendosi quella del curatore che spesso non fa altro che scrivere contenuti on demand per gli artisti, felici di spendere laute cifre per questa attività perché sanno che potranno trarne giovamento per le loro mostre o per i loro curricula).

Lori Waxman durante la sua performance 60 wrd/min art critic
Lori Waxman durante la sua performance 60 wrd/min art critic

Se è vero che Lori Waxman, con la sua performance, in un certo senso racconta, non senza una certa ironia, la crisi della critica d’arte, è altrettanto vero che il web, in questo processo, non ha avuto un ruolo così determinante: la crisi è partita prima che il web arrivasse a modificare in maniera sostanziale il modo di fare critica d’arte, prima ancora che nascessero i social network (o, quanto meno, prima che diventassero popolari), e naturalmente di gran lunga prima che sorgessero nuove figure che, con maggiore o minor merito, raccontano l’arte tra le pieghe della rete. Forse ha ragione Luca Beatrice quando, nel suo ultimo articolo sul Giornale, scrive che “nessun critico d’arte o curatore è nato sul web”, ma è anche certo che sono gli stessi “strumenti tradizionali del sapere” (in una parola: l’accademia) ad aver ricoperto un ruolo non secondario nella crisi della critica d’arte. Di “ghettizzazione” della critica si parlava già negli anni Novanta, non ci sono serviti Facebook o Instagram per maturare la consapevolezza del fatto che i critici scrivano molto spesso per altri critici, né serve aver letto il D’Annunzio della Tribuna per comprendere che molti critici non sanno catturare l’attenzione di chi li legge, s’esprimono con piattezza e sciatteria, ignorano l’uso e l’importanza delle figure retoriche, e tutto questo non dipende dal web.

Il web è uno strumento, è diventato indispensabile in epoca di declino dell’editoria tradizionale (lo stesso articolo di Luca Beatrice, del resto, è stato pubblicato sulla versione online del quotidiano che l’ha dapprima proposto in formato cartaceo, e probabilmente avrà raggiunto un pubblico più ampio grazie alla sua messa in rete), ha ampliato le possibilità di formarsi, dal momento che una recensione di un importante storico dell’arte o di un importante critico d’arte ha lo stesso valore sia che esca su di un cartaceo, sia che venga pubblicata su di una rivista online (le leggi in materia di giornalismo equiparano in tutto e per tutto le testate di carta a quelle digitali, ma lo stesso ragionamento vale anche per le riviste scientifiche: sfido chiunque a dimostrare che Studi di Memofonte o Engramma abbiano meno valore di altre riviste solo perché interamente pubblicate in rete), ha reso più agevole la ricerca (si pensi a portali come JSTOR o Academia). Un conto, dunque, è parlare di web in senso lato, e altra cosa è limitarsi a prendere in esame la figura dell’influencer, che del web non è che uno dei tanti abitanti. Probabilmente s’annovera tra i frequentatori della rete più chiassosi e à la page, ma non per questo c’è da confonder le acque, mescolando nella stessa pentola l’attività degli influencer e quella di chi utilizza il web per mille altri scopi e sostenuto da mille altre ragioni.

Che cos’è dunque l’influencer? C’è da sottolineare che ci muoviamo su di un terreno fumoso, dal momento che non esistono definizioni stabilite e uniche: secondo un’accezione più allargata, è influencer chiunque contribuisca a creare opinione attraverso un social network. Anche Bonami, per intenderci, potrebbe essere considerato un influencer, dal momento che usa Instagram con gran disinvoltura e ha un certo seguito: certo, non esistono soglie al di sopra delle quali si è influencer, né esiste qualcuno che certifichi l’avvenuto ingresso nel mondo degli influencer da parte di chi ha raggiunto un certo numero di follower, ma è comunque pacifico che, per esser considerati tali, occorra avere seguaci nell’ordine delle migliaia (e che siano naturali, ovvero persone reali che seguono l’influencer perché realmente interessate a ciò che fa o scrive). C’è poi chi intende la figura dell’influencer in maniera più restrittiva: il Cambrige Dictionary, per esempio, la definisce come “una persona pagata da un’azienda per mostrare e descrivere i suoi prodotti sui social media, incoraggiando altre persone a comperarli”. Nel mezzo, si collocano forse altre figure (penso sia il caso dei nostri art influencer) che, ad attività retribuite da musei o gallerie desiderosi di pubblicizzarsi attraverso i loro canali, alternano post in cui forniscono consigli dettati dai loro reali interessi, oppure semplicemente amano mostrare al pubblico alcuni momenti della loro quotidianità. Stando così le cose, non ha più senso domandarsi se l’influencer sia in grado di “inventare l’Arte Povera o la Transavanguardia e di ottenerne risultati sul mercato”: se riteniamo influencer chiunque faccia opinione, allora questi potrà tranquillamente inventarsi un movimento artistico credibile e destinato a rimanere nella storia dell’arte indipendentemente dalla sua presenza sui social. Se invece l’influencer è da intendersi nell’altra accezione, allora probabilmente al nostro neppure interesserà diventare il nuovo Celant o il nuovo Bonito Oliva, perché non è questo il suo mestiere.

L'art influencer Elena Soboleva davanti all'Incoronazione della Vergine di Rubens ai Musées Royaux des Beaux-Arts di Bruxelles
L’art influencer Elena Soboleva davanti all’Incoronazione della Vergine di Rubens ai Musées Royaux des Beaux-Arts di Bruxelles

Che poi il mondo degli influencer sia governato da una diffusa superficialità, penso sia un dato di fatto sul quale però credo valga poco la pena soffermarsi: ne ha parlato Massimiliano Parente a inizio anno, e sempre sul Giornale (che evidentemente, per qualche motivo che francamente mi sfugge, ha sviluppato una certa idiosincrasia verso gli influencer), in un articolo sui book influencer, colpevoli di produrre contenuti vuoti, frivoli e sempre uguali (pensiamo all’onnipresente tovaglietta colorata con libro, cornetto e tazzina di caffè, il tutto ripreso dall’alto: forse tutti i book influencer leggono mentre fanno la prima colazione). Siamo tutti d’accordo sul fatto che ci sia una parte del mondo degli influencer (forse saranno anche la maggioranza, ma al momento non ritengo d’essere in grado di stilare una statistica) che svilisce e mortifica i prodotti che vengono caldeggiati (e magari spesso neanche conosce bene la materia di cui parla): tuttavia, spandere inchiostro sui book influencer che scattano la solita fotografia all’ultimo bestseller vicino a una brioche col cappuccino, o sull’art influencer che si fa il solito selfie davanti a un quadro di Klimt o di Frida Kahlo (come se certi critici d’arte old school non fossero altrettanto esibizionisti: tanti di loro sono ugualmente vanesî, ma s’esprimono in altri modi e con altri canali), è un esercizio molto facile, che magari ripaga nell’immediato (ci sarà sempre una nutrita platea che applaude chi s’attarda a berteggiare gli influencer), ma che lascia poco, perché poco aggiunge alla discussione (ormai penso sia chiaro a tutti quali siano i comportamenti più diffusi tra gli influencer: forse, però, sono meno chiare le ragioni che dettano i loro atteggiamenti).

E allora, per chi fa critica o giornalismo con gli strumenti tradizionali, forse ha più pregio interrogarsi non sulle velleità critiche degli influencer o sui loro business model (che mi paiono peraltro abbastanza chiari), ma sulla composizione e sulle aspettative del loro pubblico (perché mi sembra evidente che, se gli influencer hanno un seguito tanto ampio, evidentemente è perché sono in grado di rispondere in maniera efficace a una domanda che proviene dal basso), sul loro rapporto con chi fornisce loro i contenuti (se un museo o una galleria decidono d’affidarsi a un influencer è perché forse c’è una larghissima porzione del pubblico che, per informarsi su ciò che accade nel mondo dell’arte, preferisce adoperare i social), sul perché le loro modalità di comunicazione esercitino una certa attrazione su molti, sull’eventualità che forse parte del pubblico possa coltivare una certa curiosità nei confronti dell’arte, che la critica tradizionale non riesce a soddisfare e che, al contrario, gli influencer sono in grado di solleticare. Beatrice, nel suo articolo, ipotizza che la figura dell’art influencer si stia diffondendo “per combattere il consolidato elitarismo” del “mondo dell’arte”. Di fronte all’“elitarismo del mondo dell’arte”, credo che le opzioni siano due: assumere un atteggiamento reazionario (del tutto legittimo), ma che forse potrebbe farci proseguire sulla via dell’irrilevanza, oppure prendere atto che mondo e società sono cambiati, che c’è una domanda di cultura che cresce (penso che i dati sull’affluenza ai musei siano una buona dimostrazione), che l’invettiva forse non è il genere più adatto con cui rispondere alla superficialità dilagante, e che la comunicazione dell’arte non può fare a meno del web.


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Lisa Fabriano in data 05/03/2020, 19:51:44

Se per professionista che ''influenza'' s'intende un critico, uno storico, un giornalista, un artista, un gallerista con titoli, pubblicazioni, attività curatoriali, mostre, esperienza sul campo, etc., il discorso potrebbe avere un senso. (ma qui si tratta di figura grottesche, o sbaglio?) Il fatto è che Luca Beatrice - critico d'arte di indiscutibile importanza, verificare mostre curate, pubblicazioni, artisti con cui ha collaborato - ''critica'', con lucidità e vaga ironia, un sistema fatto di gente improvvisata (con rare eccezioni). ORATORI nella maggior parte dei casi non professionisti. ''Saputelli'' senza alcun Curriculum degno di nota.



2. artemisia130558 in data 09/03/2020, 09:15:35

interessante argomento, condivido pienamente la conclusione. L'art influencer così illustrato è sia una richiesta di cultura "spiccia" dal basso, sia un mezzo per l'influencer più modaiolo di darsi una veste di serietà e impegno culturale. D'altronde il pubblico è vario e siamo nel mondo del web, come lei dice. Altra cosa il lavoro di Lori Waxman, che mi sembra esperimento e provocazione.
grazie



3. Tiziana Ferrari in data 09/03/2020, 13:37:08

Complimenti come sempre ...i suoi articoli di grande interesse, sono attenti ai grandi cambiamenti del nostro tempo,
pochi anni fa per gioco, mio figlio nelle fiere d'arte internazionali aveva iniziato a fotografarmi con il suo iphone, vicino a opere che trovava divertenti , il risultato fu esilarante...
un inconsapevole art influencer ?
cordialità
Tiziana Ferrari



4. Zippo in data 10/03/2020, 04:58:19

Troppa sacralità... l’arte non è diversa dal suo mercato, dalla sua epoca, dalla sua fruizione in fiere e mostre evento curate appunto da grandi influencer ... più la platea si allarga più variano i punti di riferimento, a partire dalle occasioni di incontro con le opere d’arte.



5. Stefania Caporalini in data 10/03/2020, 08:16:13

Sono d'accordo. Se una persona segue l'arte per essere di più"a' la Page" lo farà solo sui social ma non rimarrà granché mentre un innamorato d'arte, è innanzitutto uno che sa guardare e segue chi lo aiuta a vedere







Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana