Il colle di San Giusto: per conoscere tutta la storia di Trieste in uno dei suoi luoghi più belli e affascinanti


I nostri viaggi ci portano oggi a Trieste, e per l'esattezza sul colle di San Giusto, il punto più alto della città: qui troveremo alcune meraviglie che ci faranno ripercorrere tutta la storia di Trieste dall'antichità a oggi!

C’è poco da fare: Trieste è una città che ci piace veramente moltissimo. E probabilmente ve ne sarete già accorti: Ilaria, che di Trieste è perdutamente innamorata, ne ha già parlato su Finestre sull’Arte facendoci scoprire il Castello di Miramare e il Museo del Castello di San Giusto. E, riguardo al Castello di Miramare, vi avevamo anche raccontato la romantica storia del suo fondatore. In questo post torniamo di nuovo nel capoluogo del Friuli Venezia Giulia per scoprire uno dei suoi angoli suggestivi: il colle di San Giusto, con tutte le meraviglie che ha da offrire. Sì, perché è proprio qui che troviamo alcuni importanti simboli della città!

Visitare il colle di San Giusto non significa soltanto vedere uno dei luoghi, a nostro avviso, più belli d’Italia. A tal proposito, solo il panorama varrebbe da solo la salita al colle: ci sono dei punti da cui è possibile ammirare tutta la città, che sarà ai vostri piedi, e il vostro sguardo arriverà fino al mare e, seguendo il profilo della costa, con i suoi promontori a picco sul mare, si perderà oltre l’orizzonte. Bene, tornando a noi: visitare il colle di San Giusto significa anche ripercorrere la storia di Trieste, dalle sue origini, che si perdono in tempi remotissimi, fino ai giorni nostri. Insomma: un compendio di storia triestina, tutto a portata di... vista!

Il panorama dal colle di San Giusto a Trieste
Il panorama dal colle di San Giusto a Trieste

Iniziamo dicendo che il colle di San Giusto è il punto più alto di Trieste, e per arrivarci avete due opzioni. La prima, quella più comoda: in auto o con i mezzi pubblici, attraverso i viali che si arrampicano dietro alla collina. La seconda, quella un po’ più faticosa, ma che alla fine vi ripagherà di tutto, perché è quella più affascinante: a piedi attraverso la città vecchia. Noi abbiamo preferito proprio questa opzione, durante il nostro soggiorno a Trieste, e ovviamente la suggeriamo anche a voi! Salendo dal mare, dovrete inerpicarvi per ripidi vicoletti lastricati che si snodano attraverso antichi edifici, trasformandosi a volte in scalinate, finché a un certo punto vi troverete davanti a una strada un po’ più ampia e più lunga, ma sempre lastricata: è la via della Cattedrale e vi condurrà sulla sommità del colle. Il vostro primo “impatto” con il colle, se sceglierete questo percorso, sarà proprio la facciata della Cattedrale: la chiesa è dedicata, come potete ben immaginare, a san Giusto, che è il patrono della città.

Come detto, sul colle di San Giusto si concentrano alcuni dei luoghi simbolo di Trieste. A cominciare dalla splendida cattedrale, la chiesa più importante di Trieste: si presenta massiccia e imponente, con la sua trecentesca facciata a capanna in pietra (ma su cui è stato innestato un rosone per abbellirla) affiancata dal possente e tozzo campanile, che sembra quasi la torre di un castello. Se scendiamo di poco andando verso destra (tenendo la facciata della cattedrale davanti a noi) noteremo una chiesetta più piccola: è San Michele al Carnale, una cappella di epoca gotica, anch’essa in pietra. Si fa notare per il suo campanile a vela un po’ piccolo rispetto al corpo dell’edificio.

Così vi si presenta la cattedrale arrivando dalla città vecchia
Così vi si presenta la cattedrale arrivando dalla città vecchia
La piccola chiesa di San Michele al Carnale
La piccola chiesa di San Michele al Carnale, vicina alla Cattedrale

Ma spostiamoci ora al centro del colle. Qui troveremo le più antiche vestigia della città: possiamo infatti facilmente notare i resti di un edificio antichissimo, di epoca romana (siamo nel secondo secolo avanti Cristo). C’è un basamento in pietra, ci sono delle colonne, alcune delle quali conservano ancora i loro capitelli. Quelli che vediamo lì, al centro della piazza, sono i resti dell’antica basilica, uno degli edifici più importanti delle antiche città romane (non vi abbiamo infatti detto che Trieste, i cui primi insediamenti hanno addirittura origini preistoriche, diventò una importante colonia romana: allora si chiamava Tergeste, nome che deriverebbe forse da antichi dialetti indoeuropei e significherebbe “città del mercato”). La basilica, nell’antica Roma, era il luogo dove si svolgevano gli affari commerciali e dove veniva amministrata la giustizia. Si trovava nel foro, ovvero la piazza principale della città: quello di Trieste era proprio sulla sommità del colle di San Giusto.

I resti della Basilica Romana
I resti della Basilica Romana. Sullo sfondo il castello di San Giusto

Come possiamo ben vedere, dell’antica basilica è rimasto pochissimo. Questo perché il materiale con cui era stata edificata venne reimpiegato per la costruzione del primo nucleo della cattedrale: oggi la vediamo nel suo aspetto trecentesco, ma dovete sapere che sul sito su cui sorge si ergevano degli edifici di culto preesistenti, che furono costruiti usando, appunto, il materiale degli edifici di epoca romana. Un destino comune a tanti monumenti dell’antichità, quello del reimpiego di materiale per costruzioni più moderne. Durante il Medioevo infatti il colle di San Giusto continuò a svolgere un ruolo importante per la città. Vi abbiamo già detto che da quassù si gode di un incredibile panorama. Ora, noi contemporanei lo vediamo come uno scenario per passeggiate romantiche. Ma anticamente il colle era visto piuttosto come un’eccezionale postazione di controllo per verificare che non arrivassero attacchi dal mare, o semplicemente per vedere cosa succedeva sotto. Per questo, il punto più alto del colle ha sempre visto la presenza di castelli, che si sono poi rinnovati e ampliati di epoca in epoca. Il castello come lo vediamo oggi (e che è noto come, ovviamente, castello di San Giusto) fu costruito nel 1470: prima qui si trovava una rocca medievale costruita dai veneziani (e che a sua volta era stata realizzata sul sito di una fortificazione romana, ma che aveva origini preistoriche) che venne in seguito abbattuta per fare spazio al castello attuale, i cui lavori di costruzione terminarono nel 1630. Oggi il castello ospita il Museo del Castello di San Giusto, di cui Ilaria vi ha già parlato qua su Finestre sull’Arte: per chi vuole conoscere in modo approfondito la storia di Trieste, il museo è una tappa irrinunciabile!

Sempre grazie al Castello attraversiamo la storia di Trieste durante il Risorgimento e dunque durante i moti irredentisti, dato che la fortezza fu usata anche come carcere per i prigionieri politici, e arriviamo fino al 1918, anno in cui la città venne annessa all’Italia. Il castello fu ancora usato a scopi militari, fino al 1936, anno in cui si trasformò finalmente in un museo. Gli anni del fascismo ci vengono invece alla mente se passeggiamo nel Parco della Rimembranza: si trova sulle pendici del colle di San Giusto e fu inaugurato proprio agli inizi del Ventennio, nel 1926. Le pietre che troviamo lungo il percorso sono dedicate ai caduti triestini durante le guerre.

Il colle di San Giusto è una passeggiata attraverso la storia, l’arte e la bellezza. Una vista che fa sognare e che vi porta fino al mare, laggiù, in lontananza. Un luogo unico e meraviglioso adatto a tutti: agli innamorati, agli amici, alle intere famigliole che desiderano passare un po’ di tempo in tranquillità, scoprendo una parte fondamentale della splendida città di Trieste. Quindi, se vi troverete a soggiornare a Trieste, dedicate al colle il tempo che merita; non ve ne pentirete :-)


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Gli autori di questo articolo: Federico Giannini e Ilaria Baratta

Gli articoli firmati Finestre sull'Arte sono scritti a quattro mani da Federico Giannini e Ilaria Baratta. Insieme abbiamo fondato Finestre sull'Arte nel 2009. Clicca qui per scoprire chi siamo


Massimiliano e Carlotta: la triste storia degli imperatori innamorati nell'arte del Castello di Miramare
Massimiliano e Carlotta: la triste storia degli imperatori innamorati nell'arte del Castello di Miramare
Trieste, Castello di Miramare
Trieste, Castello di Miramare
Trieste, Museo del Castello di San Giusto
Trieste, Museo del Castello di San Giusto


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. antonio in data 23/10/2014, 10:52:16

Una visita molto interessante. Forse si poteva aggiungere qualche parola sull'Orto Lapidario. Ma è una visione del tutto personale. Quindi complimenti!



2. Finestre sull'Arte in data 23/10/2014, 11:52:13

Davvero molte grazie Antonio! Avevamo metà pomeriggio a disposizione per il colle di San Giusto dunque abbiamo deciso di concentrarci sulla Cattedrale e sul Museo del Castello. Del Museo abbiamo già parlato, della Cattedrale riparleremo quando torneremo a Trieste perché era una giornata buia e grigia (come si vede dalle foto) quindi le foto dentro alla Cattedrale sono venute male, non disponevamo di una strumentazione evoluta :(



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma