Il segreto nello sguardo - di Valentina Casarotto


Recensione del libro Il segreto nello sguardo. Memorie di Rosalba Carriera prima pittrice d'Europa, di Valentina Casarotto, Angelo Colla Editore (2012)

Il libro di cui vi parlo oggi mi è stato consigliato da un diverse persone, tra cui una delle migliori amiche di Finestre sull’Arte, ovvero Grazia, il cui consiglio è stato determinante... ! Si intitola Il segreto nello sguardo, sottotitolo Memorie di Rosalba Carriera prima pittrice d’Europa (edito da Angelo Colla Editore) ed è scritto da Valentina Casarotto, di professione storico dell’arte (ha lavorato anche alle Gallerie dell’Accademia di Venezia e, si legge sul sito web del libro, proprio di fronte ai pastelli di Rosalba Carriera è nata l’idea del libro) e insegnante di liceo a Cittadella, in provincia di Padova.

Il segreto nello sguardo di Valentina Casarotto
Il segreto nello sguardo di Valentina Casarotto

Di cosa parla il libro? È niente meno che un romanzo storico che ha per protagonista la grande artista Rosalba Carriera, a cui noi abbiamo anche dedicato un podcast. Nella fattispecie, Rosalba Carriera, che viene fatta parlare dall’autrice in prima persona, ripercorre, con un lungo flashback, tutta la sua vita, dall’infanzia fino al successo europeo, raccontandoci i suoi incontri con diversi personaggi, tra i quali prestigiosi committenti, illustri mecenati, colleghi pittori. L’opera di Valentina Casarotto è ambientata nella Venezia del Settecento, anche se la parte centrale del romanzo (e probabilmente anche quella più intensa) si svolge a Parigi dove Rosalba Carriera soggiornò tra il 1720 e il 1721.

Dopo aver letto le prime pagine, probabilmente vi verrà voglia di terminare anzitempo la lettura, dato che l’inizio non è dei più originali: dopo che Rosalba Carriera, ormai alla fine della sua vita, dichiara l’intento di voler raccontare le sue memorie, veniamo riportati al 1683. La famiglia di Rosalba dà ospitalità a una cartomante che per sdebitarsi legge i tarocchi alla stessa Rosalba e alle due sorelle predicendo, ovviamente, il roseo e glorioso futuro della bambina. Ma fin dai capitoli successivi, la storia prosegue con episodi curiosi, vicende stimolanti e alcune trovate veramente interessanti che spingeranno il lettore a voler sempre conoscere il prosieguo della narrazione: anche chi già conosce la storia di Rosalba Carriera sarà sorpreso da alcuni espedienti pensati da Valentina Casarotto per vivacizzare il susseguirsi degli eventi. Un esempio su tutti, tra quelli che maggiormente vi colpiranno, è il dialogo tra Rosalba Carriera e il re Federico IV di Danimarca durante il quale veniamo a sapere perché il sovrano, nel ritratto eseguito dall’artista e oggi conservato a Frederiksborg, è raffigurato con quell’espressione malinconica. Certo, c’è da dire che si tratta di un espediente narrativo, ma bisogna anche sottolineare che tutte le vicende narrate sono plausibili in quanto Valentina Casarotto non dimentica mai, nel suo romanzo, il rigore di una accurata ricostruzione storica e storico-artistica degli ambienti, dei tempi, dei luoghi.

Durante il romanzo avremo modo di familiarizzare poi con alcuni dei protagonisti della vita culturale e artistica del Settecento, come Antoine Watteau, che ha un ruolo centrale nella storia, oppure Anton Maria Zanetti il Giovane che è un altro dei protagonisti principali, passando poi per diversi degli artisti del tempo che pur relegati a ruoli marginali intervengono spesso durante le vicende: è il caso per esempio di uno dei principali pittori dell’epoca, Marco Ricci, con il quale Rosalba a un certo punto della narrazione ha un vivace dialogo a proposito di una commissione da parte di Joseph Smith, il famoso collezionista d’arte che fu anche mecenate del Canaletto (il grande pittore vedutista viene spesso citato nel racconto ed è oggetto di dialoghi, ma non appare mai nelle vicende).

Ciò che maggiormente sorprende leggendo Il segreto nello sguardo è la straordinaria raffinatezza della prosa: a mio avviso, difficilmente al giorno d’oggi si trovano in giro romanzi che riescano a superare questo in termini di una finezza che si nota ovunque... nei dialoghi, nelle descrizioni di luoghi, oggetti e opere d’arte, nella ricostruzione di eventi storici. Si percepisce quindi non solo un serissimo lavoro di ricerca storico-artistica alle spalle del libro, ma anche una grandissima accuratezza insieme a grande passione nella stesura del testo. E benché Valentina Casarotto sia all’esordio narrativo, si rivela, oltre che un’attenta storica dell’arte, anche un’autrice ricca di fantasia, di sicuro talento e di grande raffinatezza. Anche per il fatto che è necessario talento narrativo per ricavare un avvincente romanzo, quale è Il segreto nello sguardo, dalla poco movimentata biografia di un’artista come Rosalba Carriera.

È infine un libro che non richiede conoscenze pregresse di storia dell’arte: chiunque può leggerlo e avvicinarsi alla pittura di Rosalba Carriera. L’unico svantaggio consiste nel fatto che non tutti i dipinti citati nel romanzo hanno l’immagine nell’appendice (il sopraccitato ritratto di Federico IV di Danimarca, per esempio, è assente), e la cosa spesso rende la lettura più scomoda se si vuole aver presente l’opera mentre si legge la storia.

Sono stato quindi soddisfatto di aver seguito i consigli e di aver letto Il segreto nello sguardo di Valentina Casarotto, e quindi a mia volta rivolgo il consiglio a chi legge questa recensione: un romanzo raffinato e a suo modo anche avvincente, che contribuirà anche a renderci familiare e vicina la figura di Rosalba Carriera che magari può apparirci un po’ distante se osserviamo i suoi pastelli dal vivo, ma un altro dei meriti di Valentina Casarotto consiste nell’aver colmato questa distanza con una storia appassionata che vi piacerà e vi coinvolgerà di sicuro.

Il segreto nello sguardo
di Valentina Casarotto
Angelo Colla Editore, 2012
325 pagine
16,50 €
www.ilsegretonellosguardo.it


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



Nessun commento dal sito per questo articolo.





Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana