Finestre sull'Arte - Settima puntata

Domenico Fiasella

Domenico Fiasella


Classicismo e naturalismo nella Liguria del Seicento



Puntata 7 - 9 maggio 2011
Durata: 30'09"



Clicca qui per il download diretto


Domenico Fiasella è stato uno dei pittori più innovativi del diciassettesimo secolo. Nato a Sarzana nel 1589, si formò a Genova presso le botteghe di Aurelio Lomi e di Giovan Battista Paggi, ma andò ben presto a Roma, dove soggiornò diversi anni, per aggiornarsi sugli esiti della pittura classicista di Domenichino e Guido Reni da una parte, e del naturalismo dei caravaggeschi dall'altra. Ne risulta una pittura che fondendo insieme classicismo e naturalismo dà luogo a risultati originali e inaspettati. Molto attivo a Genova, diventò uno dei pittori più in vista della Repubblica e si guadagnò importanti committenze da parte degli istituti religiosi, delle famiglie della nobiltà genovese e incarichi ufficiali da parte della repubblica, ma fu anche molto legato alla sua città natale, dove si trovano molte delle sue opere. Ilaria e Federico ci portano alla scoperta di questo grande artista!

Immagine: San Lazzaro chiede alla Madonna la protezione per la città di Sarzana, 1616; olio su tela, 213 x 149 cm; Sarzana, San Lazzaro.



Approfondimenti

Domenico Fiasella, detto anche "il Sarzana" (Sarzana, 1589 - Genova, 1669)

Biografia


1589Nasce a Sarzana nel mese di agosto da Giovanni (orefice) e Chiara Locatelli.
1600È allievo di Giovanni Battista Paggi a Genova. Forse fu prima allievo di Aurelio Lomi ma non lo sappiamo con certezza.
1607Compie un soggiorno a Roma e probabilmente è qui che conosce Orazio Gentileschi diventando suo amico.
1610 ca.Dipinge la Cena in casa del fariseo, una delle sue prime opere note.
1615Torna a Sarzana dove l'anno seguente viene incaricato da parte dell'Opera di Santa Maria di eseguire la pala raffigurante San Lazzaro che chiede alla Madonna protezione per la città di Sarzana destinata alla chiesa di San Lazzaro.
1617Domenico torna a Genova dove Giacomo Lomellini, futuro doge di Genova, gli affida l'incarico di decorare con affreschi Palazzo Lomellini.
1622Dipinge il Martirio di santa Barbara per la chiesa genovese di San Marco al Molo.
1625 ca.Da parte della Repubblica ottiene, insieme ad altri artisti (Giovanni Andrea De Ferrari e Andrea Ansaldo), l'incarico di eseguire alcune figure del ciclo delle Virtù cardinaliper Palazzo Ducale. Domenico dipinge la Prudenza.
Anni '30Diventa il pittore più in vista di Genova ottenendo numerosi incarichi da parte di patrizi e di confraternite, oltre ad alcuni prestigiosi incarichi pubblici.
1633Partecipa alla realizzazione di un arco di trionfo per Ferdinando d'Asburgo, infante di Spagna.
1635Esegue alcune opere per Carlo I Gonzaga-Nevers, duca di Mantova.
1637Inizia a intraprendere l'attività di mercante d'arte. Parallelamente inizia anche il rapporto di Domenico con la corte del Ducato di Massa e Carrara (all'epoca ancora principato): Carlo I Cybo Malaspina gli commissiona la realizzazione della Madonna col Bambino e santi per la chiesa della Misericordia di Massa.
Anni '40Domenico torna a Sarzana dove esegue diversi dipinti per palazzi e chiese locali.
1648Dipinge la Vestizione di santa Chiara.
1653L'Opera di Santa Maria di Sarzana gli affida la realizzazione dei lunettoni per la cattedrale della cittadina ligure.
1662Inizia a lavorare per il nuovo principe di Massa e Carrara, Alberico II, diventato poi duca nel 1664: i due diventano anche buoni amici.
1667Esegue la sua ultima opera nota, Santa Chiara scaccia i Saraceni, conservata nella chiesa di San Giovanni Battista di Montoggio.
1669Scompare a Genova il 19 ottobre.
La biografia dell'artista è disponibile gratuitamente in formato PDF, in modo da poterla scaricare, salvare e stampare! Si tratta di un documento agile e rapido che è possibile scaricare liberamente con il sistema Pay with a tweet: significa che è possibile avere la biografia in cambio di un tweet su Twitter o di un post su Facebook. Per scaricarla clicca sul pulsante qua sotto!
Scarica gratis in cambio di un tweet o di un post su Facebook!
Relazioni


Allievo di: Giovanni Battista Paggi
Guardò a: Aurelio Lomi - Orazio Gentileschi - Cigoli - Federico Zuccari - Domenichino
Maestro di: Valerio Castello - Giovanni Battista Casoni
Guardarono a lui: Giovanni Battista Carlone - Giovanni Andrea De Ferrari
Principali mecenati e committenti: Giacomo Lomellini - Carlo I Cybo Malaspina - Alberico II Cybo Malaspina

"La nota" - rubrica a cura di Ambra Grieco


Domenico Fiasella, eclettico pittore sarzanese - fai clic sul titolo per leggere l'articolo!

Immagini


Opere citate durante la trasmissione
Cena in casa del fariseo (1610-1613 ca.; Genova, Palazzo Reale)
Cristo risana il cieco (1615 ca.; Sarasota, Ringling Museum of Art)
Cristo fa risorgere il figlio della vedova di Naim (1615 ca.; Sarasota, Ringling Museum of Art)
San Lazzaro chiede alla Madonna la protezione per la città di Sarzana (1616; Sarzana, San Lazzaro)
Barca di san Pietro (1621; Sestri Ponente, Santa Maria Assunta)
Martirio di santa Barbara (1622; Genova, San Marco al Molo)
La Prudenza (1625-30 ca.; Genova, Palazzo Tursi)
Madonna col Bambino e i santi Caterina d'Alessandria e Giovanni Battista (1634; Camogli, Santa Maria Assunta)
Madonna con Bambino e santi (1638-1642 ca.; Lerici, Pugliola, Santa Lucia)
Diana ed Endimione - particolare (1636; collezione privata)
Rinaldo e Armida (1642; Genova, Galleria Nazionale di Palazzo Spinola)
Vestizione di santa Chiara (1648; Sarzana, Museo Diocesano)
Visitazione (1618-22 ca.; Sarzana, Cattedrale)
Madonna con bambino e santi (1637; Massa, Chiesa della Misericordia)
Martirio di sant'Andrea (1653-55; Sarzana, Cattedrale)
Strage degli innocenti (1653-55; Sarzana, Cattedrale)
Madonna col Bambino e i santi Bernardino e Francesco (1659; Lerici, San Francesco)
Santa Chiara scaccia i Saraceni (1667; Montoggio, San Giovanni Battista)



Libri da leggere


Piero Donati (a cura di), Domenico Fiasella 1589-1669, catalogo della mostra (Sarzana e La Spezia, 6 dicembre 2008 - 22 febbraio 2009), Fondazione Cassa di Risparmio di La Spezia, 2008 (malgrado sia recente, è un libro molto difficile da reperire in commercio: consigliamo pertanto di consultare il sito www.opac.sbn.it per vedere qual è la più vicina biblioteca che lo possiede).
Piero Donati (a cura di), Domenico Fiasella, catalogo della mostra (Genova, 9 giugno - 5 agosto 1990), Sagep Editrice, 1990.


Mostre e musei da visitare


- Sarzana (SP), Museo Diocesano
- Sarzana (SP), Cattedrale di Santa Maria Assunta
- Sarzana (SP), San Lazzaro
- Sarzana (SP), Sant'Andrea
- Sarzana (SP), San Francesco
- Genova, Palazzo Bianco
- Genova, Palazzo Tursi
- Genova, Galleria Nazionale di Palazzo Spinola
- Genova, Galleria di Palazzo Reale
- Genova, San Marco al Molo
- Genova, Museo dell'Accademia Ligustica
- Genova, Santissima Annunziata del Vastato
- Genova, San Siro
- Genova, San Francesco d'Albaro
- Genova - Sestri Ponente, Santa Maria Assunta
- Massa, Chiesa della Misericordia
- Massa, Museo Diocesano
- Lerici (SP), Santa Lucia
- Lerici (SP), San Francesco
- Camogli (GE), Santa Maria Assunta
- Montoggio (GE), San Giovanni Battista
- Sanremo (IM), Santuario di Nostra Signora della Costa
- Milano, Museo Diocesano
- Novara, Museo Civico
- Napoli, Chiesa dei Turchini
- Piacenza, Museo Civico
- Ascoli Piceno, Pinacoteca Civica
- Voltaggio (AL), Chiesa dei Cappuccini
- Goito (MN), San Pietro
- Roccasecca dei Volsci (LT), Santa Maria Assunta
- Sarasota, John and Mable Ringling Museum of Art





I libri e i musei indicati nella pagina non vogliono fornire un panorama esaustivo sull'artista ma sono indicativi per poter approfondire i contenuti della trasmissione.




Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Seicento     Rinascimento     Barocco     Ottocento     Cinquecento     Firenze     Novecento     Quattrocento     Genova     Roma     Riforme    

Strumenti utili