Palazzo Albergati - La collezione Gelman

Finestre sull'Arte - Diciottesima puntata

Baccio Bandinelli

Baccio Bandinelli


L'antieroe del Manierismo



Puntata 18 - 16 novembre 2011
Durata: 27'43"



Clicca qui per il download diretto


È di sicuro uno degli artisti più odiati della storia dell'arte: le fonti ce lo descrivono come un uomo ambizioso, litigioso, arrogante, calunniatore, polemico, irrispettoso. E la sua vita fu un continuo subire critiche dai contemporanei per le sue opere d'arte: quando si parla di Baccio Bandinelli (il cui vero nome fu Bartolomeo Brandini) in genere si fa riferimento ai suoi aspri scontri con gli altri grandi artisti dell'epoca, su tutti Benvenuto Cellini, ma anche ai suoi numerosi fallimenti nel realizzare opere che si prefiggevano lo scopo di eguagliare i capolavori di Michelangelo. Ma allora l'arte di Baccio Bandinelli è davvero tutta da buttare, è davvero indegna di essere ricordata? La risposta ovviamente è no, perché furono diverse le opere degne di lode (anche a detta del suo grande rivale Giorgio Vasari!) che realizzò, e con Ilaria e Federico oggi scopriremo perché la figura di Baccio Bandinelli meriterebbe maggior considerazione.

Immagine: Andrea Doria nelle vesti di Nettuno (il "Gigante"), 1529-38 ca.; marmo, h. 350 cm ca.; Carrara, Piazza del Duomo.



Approfondimenti

Bartolomeo Brandini detto Baccio Bandinelli (Firenze, 1488 - 1560)

Biografia


1488Nasce a Firenze il 7 ottobre: il suo vero nome è Bartolomeo Brandini e il padre, Michelangelo, svolgeva il mestiere di orafo.
Inizi del '500Frequenta la bottega di un pittore di nome Girolamo del Buda (la notizia è riportata da Vasari nelle sue Vite).
1508In questo anno Baccio è a scuola da Giovanfrancesco Rustici.
1515Ottiene la prima commissione importante: deve realizzare una statua di san Pietro per il Duomo di Firenze.
1517Compie un viaggio a Roma.
1518-20È documentato a Loreto dove partecipa alle decorazioni del Santuario della Santa Casa.
1519Esegue il gruppo scultoreo Orfeo e Cerbero (su commissione del cardinale Giulio de' Medici) conservato a Firenze a Palazzo Medici-Riccardi.
1520Sempre Giulio de' Medici gli commissiona la realizzazione del Laocoonte da donare a Francesco I di Francia: l'opera viene però terminata nel 1525. Il cardinale decide poi di non donare l'opera al re di Francia, ma di inviarne altre in sostituzione in modo da tenere per sé il Laocoonte.
1525Gli viene commissionato il celeberrimo gruppo Ercole e Caco, terminato solo nel 1534.
1527Durante l'anno del sacco di Roma e della nuova cacciata dei Medici, Bandinelli, che fa parte del partito filomediceo, è costretto ad abbandonare Firenze e a rifugiarsi dapprima a Lucca e poi a Genova.
1529Attorno a quest'anno gli viene commissionato il monumento celebrativo di Andrea Doria dalla Repubblica di Genova: l'opera non sarà mai terminata e questo sarà motivo di scontro con l'ammiraglio.
1530Torna a Firenze in seguito alla restaurazione della signoria medicea. Nello stesso anno, cambia nome in Baccio Bandinelli arrogandosi una falsa discendenza dalla nobile famiglia Bandinelli di Siena per ottenere un cavalierato da parte dell'imperatore Carlo V a cui aveva donato un'opera.
1540Cosimo I gli affida la realizzazione della tomba di Giovanni dalle Bande Nere.
1547Ottiene la commissione delle statue di Adamo ed Eva per il Duomo di Firenze. L'opera non riceverà l'apprezzamento dei colleghi e dei fiorentini e diventerà oggetto di scherno.
Anni '50Esegue alcune sculture per il Giardino di Boboli.
1554-59Esegue il Cristo morto sorretto da Nicodemo, la sua ultima opera, destinata a decorare il suo monumento funebre. Il Nicodemo ha le fattezze di Baccio Bandinelli.
1559Su pressione di Eleonora di Toledo, la Signoria affida a Baccio Bandinelli la realizzazione della Fontana del Nettuno. Lo scultore però non riuscirà a iniziare il lavoro, che verrà affidato, dopo la sua scomparsa, a Bartolomeo Ammannati.
1560Lo scultore si spegne a Firenze nel mese di febbraio.
La biografia dell'artista è disponibile gratuitamente in formato PDF, in modo da poterla scaricare, salvare e stampare! Si tratta di un documento agile e rapido che è possibile scaricare liberamente con il sistema Pay with a tweet: significa che è possibile avere la biografia in cambio di un tweet su Twitter o di un post su Facebook. Per scaricarla clicca sul pulsante qua sotto!
Scarica gratis in cambio di un tweet o di un post su Facebook!
Relazioni


Allievo di: Michelangelo Brandini - Girolamo del Buda - Giovanfrancesco Rustici
Guardò a: Donatello - Verrocchio - Michelangelo
Maestro di: Bartolomeo Ammannati - Francesco Salviati - Clemente Bandinelli - Giovanni Bandini - Santi Gucci
Guardarono a lui: Francesco Camilliani - Iacopino del Conte
Principali mecenati e committenti: Giulio de' Medici (futuro papa Clemente VII) - Andrea Doria - Cosimo I de' Medici - Eleonora di Toledo - Opera del Duomo di Firenze

"La nota" - rubrica a cura di Ambra Grieco


Baccio Bandinelli e le contese tra gli artisti nella Firenze del Cinquecento - fai clic sul titolo per leggere l'articolo!

Immagini


Opere citate durante la trasmissione
Orfeo e Cerbero (1519; Firenze, Palazzo Medici Riccardi)
Laocoonte (1520-25; Firenze, Uffizi)
Ercole e Caco (1525-34; Firenze, Piazza della Signoria)
Andrea Doria nelle vesti di Nettuno o "il Gigante" (1529-38 ca.; Carrara, Piazza del Duomo)
Monumento a Giovanni dalle Bande Nere (1540-54; Firenze, Piazza San Lorenzo)
Busto di Cosimo I (1540; Firenze, Museo del Bargello)
Adamo ed Eva (1547-49; Firenze, Museo del Bargello)
Dio Padre (1547-54 ca.; Firenze, Santa Croce)
Giove (1547-49 ca.; Firenze, Giardini di Boboli)
Apollo (1552-56 ca.; Firenze, Giardini di Boboli)
Cerere (1547-56 ca.; Firenze, Giardini di Boboli)
Cristo morto sorretto da Nicodemo (1554-59; Firenze, Santissima Annunziata)


Altre immagini:
Web Gallery of Arts.

Libri da leggere


Carel Tuyll van Serooskerken (a cura di), Baccio Bandinelli, catalogo della mostra (Parigi, 25 febbraio - 18 maggio 2008), 5 Continents Edition, 2008.
Carlo Francini, Francesco Vossilla, L'Ercole e Caco di Baccio Bandinelli, Alinea, 1999.

Mostre e musei da visitare


- Firenze, Uffizi
- Firenze, Museo Nazionale del Bargello
- Firenze, Palazzo Medici Riccardi
- Firenze, Piazza della Signoria
- Firenze, Piazza San Lorenzo
- Firenze, Santissima Annunziata
- Firenze, Santa Croce
- Firenze, Giardini di Boboli
- Firenze, Duomo di Santa Maria del Fiore
- Carrara, Piazza del Duomo
- Parigi, Louvre
- San Pietroburgo, Hermitage
- Boston, Isabella Stewart Gardner Museum
- New York, Metropolitan Museum





I libri e i musei indicati nella pagina non vogliono fornire un panorama esaustivo sull'artista ma sono indicativi per poter approfondire i contenuti della trasmissione.



Galleria Continua

Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Patrimonio     Politica e beni culturali     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Barocco     Quattrocento     Riforme     Ottocento     Cinquecento     Firenze     Genova     Settecento     Roma    

Strumenti utili