Porto Torres: scoperto un antico spogliatoio termale mosaicato nella Domus dei mosaici marini


Nella Domus dei mosaici marini a Porto Torres è stato rinvenuto un nuovo ambiente rivestito da un ampio mosaico pavimentale: sembra corrispondere a uno spogliatoio funzionale all’impianto termale. 

Durante i primi quattro mesi di scavi nel complesso noto come la Domus dei mosaici marini a Porto Torres, indagini compiute sulla zona di collegamento tra due aree della Domus già emerse nella precedente campagna di scavo e sulle condutture di scarico del settore termale dell’impianto, è stato rinvenuto un nuovo ambiente a pianta irregolare rivestito da un ampio mosaico pavimentale a motivo geometrico e tessere policrome. L’originario utilizzo di questo spazio, caratterizzato da una serie di sedili su tutti i lati, sembra corrispondere a uno spogliatoio (apodyterium) funzionale all’impianto termale.

Da questo vano si ipotizzava di trovare una via di accesso all’ambiente riscaldato posto al piano superiore e già messo in luce nella precedente campagna del 2004, ma non si è ritrovato alcun collegamento tra questo livello e il piano dello spogliatoio, come ad esempio delle scale in muratura, eccetto una piccola apertura, chiusa in antico, a circa un metro e mezzo di altezza dal pavimento. Un interrogativo da risolvere durante la prosecuzione dei lavori.

Sono stati rinvenuti diversi tipi di interessanti reperti: oltre a materiali riferibili ai crolli delle murature e del tetto, si contano numerosi resti di intonaco decorato, con colori anche molto vivaci e a motivi architettonici, vegetali e antropomorfi. Saranno oggetto di studio anche i numerosi resti archeozoologici, in particolare quelli di volatili e pesci, al fine di comprendere la natura del loro consumo, che poteva essere alimentare, ma anche legata a determinati rituali.

Tra gli obiettivi della campagna di scavo è quello di realizzare, o ripristinare dove esistente, un sistema di smaltimento delle acque piovane. In direzione del rio Mannu sono state trovate le antiche condutture, che al momento sembrano pertinenti a una fase tarda.

Interessante è stato il rinvenimento di un altro vano che termina con una parete semicircolare e che presenta caratteristiche che confermano l’ipotesi che l’edificio abbia vissuto almeno due periodi di utilizzo, uno databile al III secolo d.C. e uno finale del IV - V secolo d.C.
Anche le ceramiche e le monete ritrovate finora risultano quasi tutte riferibili a un periodo compreso tra la seconda metà del IV e gli inizi del V secolo d.C.

Porto Torres: scoperto un antico spogliatoio termale mosaicato nella Domus dei mosaici marini
Porto Torres: scoperto un antico spogliatoio termale mosaicato nella Domus dei mosaici marini


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Dopo anni di scavo, rinvenuta testa della dea Astarte sull'isola di Mothia, nei pressi di un tempio a lei dedicato
Dopo anni di scavo, rinvenuta testa della dea Astarte sull'isola di Mothia, nei pressi di un tempio a lei dedicato
Scoperta a Pompei: ritrovata tomba di un liberto, decorata, e con i resti del defunto
Scoperta a Pompei: ritrovata tomba di un liberto, decorata, e con i resti del defunto
Siponto, via alla prima campagna di scavi archeologici. “Riserverà molte sorprese”
Siponto, via alla prima campagna di scavi archeologici. “Riserverà molte sorprese”
Importanti scoperte archeologiche alla stazione di Pomezia: trovato contesto finora ignoto
Importanti scoperte archeologiche alla stazione di Pomezia: trovato contesto finora ignoto
Gerusalemme, scoperto un... water privato di 2700 anni fa. “Una rarità, era un lusso”
Gerusalemme, scoperto un... water privato di 2700 anni fa. “Una rarità, era un lusso”
Nuova straordinaria scoperta a Saqqara: sarcofagi risalenti a 3000 anni fa
Nuova straordinaria scoperta a Saqqara: sarcofagi risalenti a 3000 anni fa