Importanti scoperte archeologiche alla stazione di Pomezia: trovato contesto finora ignoto


Alla stazione di Pomezia, durante i lavori per la sistemazione di un cavalcavia ferroviario, sono emerse importanti scoperte archeologiche che appartengono a un contesto finora del tutto ignoto, databile tra il I secolo a.C. e il V secolo d.C.

Importanti scoperte archeologiche alla stazione di Pomezia (Roma), emerse tra gennaio e febbraio (ma la notizia è stata diffusa dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma e Rieti solo negli ultimi giorni) durante i lavori per l’adeguamento di un cavalcavia sulla linea ferroviaria Roma-Formia. La rilevanza di queste scoperte consiste nel fatto che appartengono, fa sapere la soprintendenza, a un contesto finora completamente ignoto, databile tra il I secolo a.C. e il V secolo d.C.

Le indagini condotte da archeologi e operai della società Eos Arc S.r.l., sotto la direzione Scientifica della soprintendenza, nella persona del funzionario archeologo Francesca Licordari, hanno permesso di indagare stratigraficamente una vasta porzione di questo contesto, che si estende ben oltre i limiti dell’area di scavo, in terreni di altre proprietà. Gli elementi più antichi sono un asse viario realizzato direttamente nel banco geologico e chiaramente riconoscibile grazie alla presenza di solchi carrai, e una serie di strutture murarie, di cui si conservano le fondazioni e pochi lacerti di quello che doveva essere l’elevato di incerta funzione, ma probabilmente parte di un complesso ben più grande, forse una villa rustica, che si estendeva nei terreni circostanti. Le strutture sono riferibili a diverse fasi di vita di questi edifici e disegnano chiaramente almeno due ambienti, in un primo momento separati da una grande area aperta, successivamente chiusa da un’altra struttura muraria.

Dopo l’abbandono delle strutture, e forse con l’edificio principale ancora parzialmente in uso, l’area è stata occupata da una necropoli solo parzialmente esplorata, che ha restituito un totale di 17 sepolture. Si tratta di tombe di diversa tipologia che coprono un periodo di circa due secoli, tra il III e il V sec d.C., con la presenza di almeno un inumato di fede cristiana, come testimoniato dal ritrovamento di un anello con cristogramma.

Nell’immagine, una fotografia dall’alto dell’area archeologica appena scoperta.

Importanti scoperte archeologiche alla stazione di Pomezia: trovato contesto finora ignoto
Importanti scoperte archeologiche alla stazione di Pomezia: trovato contesto finora ignoto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Rinvenuta in Puglia una basilica di 1500 anni fa durante lavori per impianto fotovoltaico
Rinvenuta in Puglia una basilica di 1500 anni fa durante lavori per impianto fotovoltaico
Roma, scoperto ponte romano del II secolo a.C. lungo la via Tiburtina
Roma, scoperto ponte romano del II secolo a.C. lungo la via Tiburtina
Indonesia, scoperte quella che potrebbe essere la più antica figura d'animale mai dipinta
Indonesia, scoperte quella che potrebbe essere la più antica figura d'animale mai dipinta
Iraq, scoperta una città di 4.000 anni fa. “Potrebbe essere capitale di un antico regno”
Iraq, scoperta una città di 4.000 anni fa. “Potrebbe essere capitale di un antico regno”
Pompei raccontata in un podcast con voci dell'arte e della cultura
Pompei raccontata in un podcast con voci dell'arte e della cultura
Dopo 83 anni, il più bel ritratto siciliano di Augusto torna a casa, a Centuripe
Dopo 83 anni, il più bel ritratto siciliano di Augusto torna a casa, a Centuripe