Svizzera, scoperta importante necropoli preistorica nel Canton Vallese


Importante scoperta archeologica in Svizzera, nel Canton Vallese: nel territorio della cittadina di Savièse è infatti emersa una necropoli preistorica, dell’età del Bronzo.

Importante scoperta archeologica in Svizzera: nel Canton Vallese, e in particolare nel territorio comunale di Savièse, in località Mouresses, è stata scoperta una necropoli preistorica dell’età del bronzo (databile all’incirca al 2000 a.C.). La necropoli è stata rinvenuta a seguito di alcuni rilievi effettuati dall’Ufficio Archeologico Cantonale. Nel territorio del Canton Vallese erano già stati segnalati altri ritrovamenti della prima età del bronzo, questa è la prima volta in cui si può studiare una necropoli, a testimonianza dell’importanza di questo ritrovamento.

Si tratta, nello specifico, di tombe a cista, ovvero sepolture in posizione ripiegata all’interno di piccole casse realizzate con lastre di pietra. Questa scoperta ha comportato l’organizzazione di un ulteriore scavo, della durata di tre settimane, che si concluderà a metà agosto. Gli scavi hanno rivelato la presenza di almeno diciotto tombe. L’architettura funeraria, il tipo di sepoltura e gli arredi (un diadema in bronzo) rinvenuti nella prima tomba scavata permettono di attribuire la necropoli all’inizio dell’età del bronzo, intorno al 2000 a.C.

Siti funerari di questo tipo sono già ben noti nel Canton Vallese, ma risalgono tutti al neolitico. Con la scoperta della necropoli di Savièse, è la prima volta che si può analizzare un tale insieme della prima età del bronzo. I documenti menzionano scoperte simili, specialmente nel XIX secolo, ma si è trattato sempre di ritrovamenti incompleti. Lo studio di questo sito mostra che la tradizione della sepoltura a cista si protrasse fino all’inizio del II millennio a.C., prima che la sepoltura in posizione coricata sul dorso si imponesse in tutta la regione.

Le prime tracce dell’insediamento di una comunità sul territorio di Savièse sono state rinvenute al castello della Soie e risalgono al 4800 a.C. Questa presenza umana in quest’area sembra continua poiché le testimonianze archeologiche risalgono alla costruzione del sito fortificato. Alcuni siti archeologici sono stati trovati anche a Chandolin, Drône, La Muraz, Sanetsch (riparo roccioso a 2090 m), e testimoniano l’insediamento nel territorio comunale durante i periodi dell’età del bronzo e dell’età del ferro. La storia e le risorse naturali comunali sono riunite nel nuovo libro Savièse, pubblicato nel novembre 2021.

Necropoli di Savièse
Necropoli di Savièse
Necropoli di Savièse
Necropoli di Savièse

Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Fondi (Latina), importante scoperta archeologica: riemerge porzione di anfiteatro romano
Fondi (Latina), importante scoperta archeologica: riemerge porzione di anfiteatro romano
Va per funghi e torna con una spada dell'età del bronzo: è successo in Repubblica Ceca
Va per funghi e torna con una spada dell'età del bronzo: è successo in Repubblica Ceca
Scoperto nel senese un grande santuario dedicato al dio Apollo della Roma imperiale
Scoperto nel senese un grande santuario dedicato al dio Apollo della Roma imperiale
Importante scoperta archeologica nelle Marche: rinvenuto un guerriero di età picena
Importante scoperta archeologica nelle Marche: rinvenuto un guerriero di età picena
Udine, emergono resti di una capanna protostorica dai lavori di restauro di un Palazzo
Udine, emergono resti di una capanna protostorica dai lavori di restauro di un Palazzo
Pompei raccontata in un podcast con voci dell'arte e della cultura
Pompei raccontata in un podcast con voci dell'arte e della cultura