Roma, restaurato il soffitto seicentesco della basilica di Santa Francesca Romana


A Roma termina l’intervento di messa in sicurezza e restauro sul soffitto ligneo seicentesco della basilica di Santa Francesca Romana, una delle chiese più interessanti del centro della capitale.

A Roma è terminato l’intervento di restauro al soffitto ligneo della Basilica di Santa Francesca Romana, un’operazione condotta in porto dal Fondo Edifici per il Culto, dalla Comunità Benedettina Olivetana e dal Parco archeologico del Colosseo. Il soffitto seicentesco a cassettoni lignei della chiesa è uno dei più interessanti e affascinanti tra quelli del centro storico di Roma. Realizzato su progetto di Carlo Lambardi (Arezzo, 1545 – Roma, 1619) secondo l’iconografia proposta dal cardinale Paolo Emilio Sfrondati (Milano, 1560 – Tivoli, 1618), presenta una ripartizione in lacunari fortemente decorata nella cui fascia centrale spiccano tre gruppi scultorei lignei: quello verso l’altare rappresenta santa Francesca Romana con l’angelo, quello centrale la Vergine con le sante Agnese e Cecilia, quello in prossimità dell’altare san Benedetto. All’ordine dei Benedettini infatti appartengono i monaci della congregazione di Monte Oliveto Maggiore che dal XIV secolo risiedono in questo complesso passato in proprietà al Ministero dell’Interno-Fondo Edifici di Culto.

L’intervento di messa in sicurezza e restauro del sottotetto e del controsoffitto a lacunari è stato avviato nell’estate 2020 dopo la segnalazione di alcuni frammenti pittorici caduti a terra. Le infiltrazioni d’acqua degli anni passati avevano imbibito (impregnato) le strutture lignee compromettendo gli apparati decorativi e il sistema di tenuta. Solo dopo aver assicurato la tenuta della struttura e ripristinato la coesione delle orditure, i restauratori hanno eseguito il restauro delle superfici decorate e dei gruppi scultorei provvedendo alla riadesione della pellicola pittorica e delle dorature in foglia d’oro, colmando le mancanze, riallineando cromaticamente le lacune, nel pieno rispetto dei principi del restauro modernamente inteso: riconoscibilità, reversibilità, minimo intervento, autenticità. Un intervento prezioso anche perché riguarda una delle chiese più interessanti di Roma: la Basilica di Santa Francesca Romana come la vediamo oggi è la trasformazione barocca della chiesa Paleocristiana di Santa Maria Nova fatta erigere da Leone IV nell’ 847 per assegnarle il titolo cardinalizio che era della chiesa di Santa Maria Antiqua distrutta da un terremoto. La chiesa e l’annesso monastero si innestano sul podio del tempio romano di Venere e Roma, il più grande dell’antichità fatto erigere da Adriano nel 135.

L’intervento è arricchito dalla pubblicazione di un volume di studi Santa Francesca Romana. Il restauro della speranza, curato da Alfonsina Russo, Cristina Collettini e Alessandro Lugari ed edito da Gangemi editore. Il volume raccoglie l’esperienza vissuta negli ultimi mesi a contatto con lo straordinario patrimonio storico artistico della basilica dedicata alla santa, co-patrona di Roma, protettrice delle automobili, celebrata il 9 marzo. La chiesa dal 1608 assume il nome di Santa Francesca Romana, proprio a seguito della canonizzazione di Francesca de Ponziani, nobildonna romana che tanto era stata d’aiuto e conforto al popolo romano durante la peste del 1413 e che oggi è anche la santa romana protettrice dalle epidemie. Inoltre, in occasione di questa ricorrenza tanto simbolica, il PArCo propone sul proprio canale Youtube il video-racconto del restauro, con i protagonisti coinvolti nel lavoro.

“Ancora una volta è la Cultura nelle sue declinazioni a restituire la speranza di una ripartenza e rinascita per tutti. Il restauro del soffitto ligneo è uno straordinario esempio di condivisione e collaborazione tra Enti”, dichiara Alfonsina Russo, Direttore del Parco archeologico del Colosseo. “E siamo orgogliosi, grazie alla collaborazione del Fondo Edifici per il Culto e della Comunità Benedettina Olivetana, di essere riusciti a concluderlo in tempo per il giorno intitolato alla Santa”.

Roma, restaurato il soffitto seicentesco della basilica di Santa Francesca Romana
Roma, restaurato il soffitto seicentesco della basilica di Santa Francesca Romana


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Firenze, restaurato il Tabernacolo dei Linaioli in Orsanmichele
Firenze, restaurato il Tabernacolo dei Linaioli in Orsanmichele
50 anni fa comprò un dipinto per 65 sterline: forse è della bottega di Van Dyck
50 anni fa comprò un dipinto per 65 sterline: forse è della bottega di Van Dyck
Venezia, l'Abbazia di San Giorgio acquisisce un raro dipinto di Jan Matsys
Venezia, l'Abbazia di San Giorgio acquisisce un raro dipinto di Jan Matsys
Firenze, via al restauro della Cappella Brancacci. Si potranno vedere gli affreschi sui ponteggi
Firenze, via al restauro della Cappella Brancacci. Si potranno vedere gli affreschi sui ponteggi
Due dipinti attribuiti ad Artemisia Gentileschi risorgono dall'esplosione di Beirut del 2020
Due dipinti attribuiti ad Artemisia Gentileschi risorgono dall'esplosione di Beirut del 2020
Dresda, ritrovato il teschio in marmo che Bernini scolpì per Alessandro VII
Dresda, ritrovato il teschio in marmo che Bernini scolpì per Alessandro VII