Il prezioso trittico di Paolo Veneziano della Pilotta va in trasferta al Getty di Los Angeles


Il trittico su fondo oro di Paolo Veneziano conservato alla Pilotta di Parma è andato in trasferta al Getty Center di Los Angeles per la prima monografica internazionale sul pittore trecentesco.

Il prezioso trittico su fondo oro di Paolo Veneziano che raffigura la Crocifissione e la Madonna con il Bambino, realizzato tra il 1330 e il 1340 e appartenente al Complesso monumentale della Pilotta di Parma, in particolare della collezione della pittura veneziana tra Duecento e Cinquecento, è andato in prestito al Getty Center di Los Angeles per essere esposto alla grande mostra Paolo Veneziano: Art and Devotion in 14th-Century Venice visitabile dal 13 luglio al 3 ottobre.

Il direttore del Complesso della Pilotta Simone Verde ha personalmente accompagnato l’opera verso il Getty Center e ha sottolineato che "il prestito rientra nell’importante rapporto di collaborazione scientifica che intercorre tra il Getty Center e la Nuova Pilotta, favorito anche dal Ministero della Cultura nell’ambito degli scambi culturali tra i vari paesi e i grandi musei internazionali".

L’istituzione statunitense sta sostenendo il restauro di una pala di Girolamo Mazzola Bedoli raffigurante la Sacra famiglia con i santi Caterina e Giovannino. La grande tela, che si trovava in cattive condizioni conservative, dopo una ricerca che ne documenti le vicende storico-critiche e l’intervento di restauro, sarà esposta nelle nuove sale dell’Ala Nord dedicate alla pittura emiliana del Cinquecento e Seicento, in corso di riallestimento, insieme alle altre opere dell’artista parmense della collezione della Pilotta. 

“I prestiti per le mostre temporanee rientrano nei compiti istituzionali dei musei e negli obiettivi della valorizzazione dei beni culturali delle collezioni museali”, continua Verde. “A tal fine il lavoro scientifico che sottende al lavoro museologico si alimenta delle preziose relazioni con le altre istituzioni nazionali ed internazionali, in modo tale da rendere i progetti di ricerca e di scambio uno dei punti di forza della Nuova Pilotta in quanto esempio di complesso museale partecipativo e contemporaneo”.

Quella proposta dal Getty Center è la prima monografica internazionale dedicata all’artista che guidò la prima bottega pittorica nella Venezia tardo medievale, realizzando grandi polittici così come piccoli dipinti destinati alla devozione personale. La mostra del Getty, curata dal Senior Curator of paintings Davide Gasparotto, propone eccezionalmente anche alcune opere del maestro veneziano per la prima volta ricomposte grazie ai prestiti dei diversi musei che ne conservano singole porzioni. Questa mostra tematica riunisce pannelli che originariamente formavano un insieme più grande ma che oggi sono sparsi in diverse collezioni.

Con materiali e tecniche che arrivavano nella sua città natale da Bisanzio, dall’Africa e dall’Asia, Paolo Veneziano ha realizzato elaborate pale d’altare composte da numerosi pannelli dipinti collocate all’interno di cornici intagliate in legno dorato.

Il trittico del Complesso è un’opera di fondamentale importanza per la mostra del Getty, poiché si tratta di una versione completamente integra che consentirà un’occasione di confronto per la ricostruzione di un altro trittico dell’artista, le cui parti frammentate si trovano al Getty, ad Avignone, a Worcester e a Washington.

Immagine: Paolo Veneziano, Crocifissione e Madonna col Bambino (1330 - 1340; tempera e oro su tavola, 72 x 72,5 cm; Parma, Complesso monumentale della Pilotta)

 

Il prezioso trittico di Paolo Veneziano della Pilotta va in trasferta al Getty di Los Angeles
Il prezioso trittico di Paolo Veneziano della Pilotta va in trasferta al Getty di Los Angeles


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma