Uffizi, per la prima volta una tela del '500 restaurata con gli oli essenziali


Per la prima volta al mondo una tela del ’500 è stata restaurata con un mix di oli essenziali. Succede grazie a una collaborazione tra Uffizi e Policlinico Gemelli. Il dipinto è il “Silenzio” di Jacopo Zucchi.

Per la prima volta al mondo, una tela del Cinquecento viene restaurata con l’ausilio di oli essenziali di origine vegetale. Ovvero con materiali totalmente green, si potrebbe dire. L’opera in questione è il Silenzio di Jacopo Zucchi (Firenze, 1542 circa - Roma, 1596 circa), conservato agli Uffizi nel Terrazzo della Carte Geografiche, e l’intervento è frutto di una collaborazione tra il museo di Firenze e il Policlinico Gemelli di Roma. L’impresa è stata condotta nei laboratori dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze che hanno collaborato con i tecnici del laboratorio di Microbiologia del Policlinico A. Gemelli IRCCS: spetta proprio ai microbici dell’Università Cattolica - Fondazione Policlinico Agostino Gemelli IRCCS la messa a punto del mix di di idrolato di arancia amara e di olio essenziale di corteccia di cannella che ha consentito il restauro del dipinto, che fa parte di un ciclo di nove dipinti che orna il soffitto ligneo del Terrazzo, di recente riaperto al pubblico. Delle nove tele, provenienti da Palazzo Firenze a Roma e fatte trasportare a Firenze per volere di Ferdinando I nel 1588, solo ‘Il Silenzio’ è stata sottoposta a questa speciale tecnica green durante una fase del suo restauro. E i risultati di questo studio sono stati pubblicati su ‘Journal of Fungi’, prestigiosa rivista scientifica internazionale

L’idea nasce da una constatazione: molte delle sostanze chimiche utilizzate per i restauri sono potenzialmente pericolose sia per le opere d’arte che per la salute dell’uomo. Per questo motivo, da qualche anno sono in corso degli studi per individuare tecniche di restauro alternative, efficaci ma allo stesso tempo meno aggressive. Preziose da questo punto di vista sono le ricerche incentrate su alcuni oli essenziali e idrolati, prodotti di origine naturale noti per la loro spiccata azione anti-batterica e anti-fungina.

“Il Silenzio”, spiega la microbiologa Maura Di Vito, ricercatrice in Microbiologia e Microbiologia clinica presso l’Università Cattolica, campus di Roma, “presentava una colonizzazione da biodeteriogeni fungini sulla parte posteriore della tela. Con la dottoressa Debora Minotti, restauratrice, la dottoressa Daphne De Luca, restauratrice e docente a contratto dell’Università di Urbino e la professoressa Francesca Bugli, mia collega, stiamo portando avanti da anni delle ricerche sull’impiego degli oli essenziali e degli idrolati nei restauri. Avendo già completato tutta la sperimentazione in vitro e verificato l’efficacia di queste sostanze su alcune tele dipinte antiche, abbiamo chiesto le opportune autorizzazioni alla Direzione degli Uffizi per utilizzare questo ‘trattamento’ sul ‘Silenzio’, una tela del 1572 dipinta da Jacopo Zucchi, pupillo di Giorgio Vasari. La proposta di restauro ‘green’ è stata accolta positivamente, così siamo partite con un lavoro in tandem tra Roma e Firenze”.

Per tipizzare a livello diagnostico i patogeni, i microbiologi del Gemelli hanno chiesto alla direzione tecnica del restauro (affidata all’Opificio delle Pietre Dure) di prelevare, in modo non invasivo, dei campioni sia dal retro che dalla parte anteriore della tela. Così, i campioni sono stati raccolti dalla dottoressa Debora Minotti (che si è laureata nell’istituto fiorentino di restauro e con esso collabora di frequente), passando dei tamponi sulla parte colonizzata e utilizzando, solo sul retro, del fungi-tape, uno speciale ‘scotch’ che viene delicatamente tamponato sulle opere d’arte per raccogliere i microrganismi contaminanti. Questi campioni sono stati quindi spediti a Roma, presso il Laboratorio di Microbiologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS diretto dal professor Maurizio Sanguinetti, Ordinario di Microbiologia all’Università Cattolica, campus di Roma, dove sono stati messi in coltura e tipizzati. “Questo ci ha permesso”, spiega il professor Sanguinetti, “di isolare i due ceppi fungini che colonizzavano l’opera e di testarli in vitro con i nostri oli essenziali e idrolati per verificarne l’efficacia. I funghi contaminanti sono risultati sensibili al mix di nostra formulazione caratterizzato da idrolato di arancia amara (Citrus aurantium var. amara) e una piccolissima quantità di olio essenziale di corteccia di cannella (Cinnamomun zeylanicum)”.

A questo punto, tutto era pronto per l’intervento. Per trattare l’importante paziente è stata approntata una speciale “camera”, all’interno della quale alloggiare il dipinto durante il trattamento. Dopo aver spruzzato il mix sul retro della tela e avervi posizionato sopra un foglio di carta assorbente imbevuto dello stesso mix, il quadro è stato alloggiato dentro la “camera”, una sorta di grande busta di Melinex (un film in poliestere monosiliconato utilizzato in alcune fasi di restauro). La tela così preparata è stata adagiata su una tavola riscaldante e aspirante per le prime ore; poi è stata lasciata tutta la notte nell’ambiente chiuso della “camera” a tavola spenta. Il riscaldamento è servito a far entrare i funghi nella fase di replicazione, che rappresenta il loro tallone d’Achille, e permettere al trattamento di agire al meglio neutralizzando i biodeteriogeni. Il giorno successivo è stato rimosso tutto e la tela è stata fatta asciugare.

La dottoressa Di Vito è stata in continuo contatto visivo e audio (via Whatsapp) per 24 ore con la dottoressa Minotti, comunicando i punti delicati del nuovo trattamento microbiologico ed individuando con loro il miglior metodo applicativo. Al termine del restauro sono stati quindi ripetuti i tamponi per inviarli a Roma, ripetere le colture e verificare se i funghi fossero ancora presenti. Dalle colture non si è visualizzata alcuna crescita fungina. “Si è così concluso un interessante lavoro di squadra”, aggiunge il professor Sanguinetti. “La ‘missione green’ è andata a buon fine e Silenzio è stato quindi restituito al soffitto della Sala delle Carte Geografiche. Si è trattato di un approccio pionieristico nel campo del restauro di opere antiche con l’uso degli oli essenziali e degli idrolati. Questo studio può aprire la strada a future nuove applicazioni sulle molteplici opere d’arte patrimonio dell’umanità che siano contestualmente efficaci sull’opera e sicure per l’operatore”.

“Le Gallerie degli Uffizi”, conclude il direttore del museo Eike Schmidt, “sono orgogliose di lavorare sui fronti più all’avanguardia della ricerca scientifica”.

Immagine: Jacopo Zucchi, Il Silenzio (1572; olio su tela, 135 x 151 cm; Firenze, Gallerie degli Uffizi, Terrazzo delle Carte Geografiche). Prima e dopo il restauro

Uffizi, per la prima volta una tela del '500 restaurata con gli oli essenziali
Uffizi, per la prima volta una tela del '500 restaurata con gli oli essenziali


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Torna a Firenze il Leone X di Raffaello. E ci sono importanti scoperte dopo il restauro
Torna a Firenze il Leone X di Raffaello. E ci sono importanti scoperte dopo il restauro
Critiche all'Olanda per l'acquisto del Rembrandt da 175 milioni di euro
Critiche all'Olanda per l'acquisto del Rembrandt da 175 milioni di euro
Torna a Ravenna dopo 160 anni la statua che proteggeva il sarcofago di Dante
Torna a Ravenna dopo 160 anni la statua che proteggeva il sarcofago di Dante
Spagna, il Museo de Bellas Artes de Asturias acquisisce sei opere legate a Lorenzo Tiepolo
Spagna, il Museo de Bellas Artes de Asturias acquisisce sei opere legate a Lorenzo Tiepolo
Il V&A di Londra sostiene di aver trovato l'impronta digitale di Michelangelo su una scultura
Il V&A di Londra sostiene di aver trovato l'impronta digitale di Michelangelo su una scultura
Ferrara, nuovo allestimento per la Madonna della Melagrana, capolavoro di Jacopo della Quercia
Ferrara, nuovo allestimento per la Madonna della Melagrana, capolavoro di Jacopo della Quercia