Riallestire le camere degli ospiti di Villa Medici: l'Accademia di Francia a Roma lancia un bando


L’Accademia di Francia a Roma - Villa Medici lancia un bando per progetti volti a riallestire e arredare le camere degli ospiti dello storico edificio. 

Un bando per progetti volti a riallestire e arredare le camere degli ospiti dello storico edificio di Villa Medici. L’Accademia di Francia a Roma - Villa Medici si associa al Mobilier national, con il sostegno e la guida della Fondazione Bettencourt Schueller, per promuovere la creazione contemporanea nel campo dell’artigianato e del design, attraverso un bando di concorso sostenuto anche dalla Fondazione Banque Populaire e dalla Maison Tréca. Questo coinvolgerà designer, architetti e artisti contemporanei che lavoreranno in team con artigiani per dare una nuova identità alle camere di Villa Medici.

Al termine di un periodo di candidatura di due mesi, i progetti verranno selezionati da una giuria composta da Alberto Cavalli, direttore esecutivo della Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship e curatore generale di Homo Faber Event, Hedwige Gronier, responsabile del mecenatismo culturale della Fondazione Bettencourt Schueller, Hervé Lemoine, presidente del Mobilier national, Christine Macel, direttrice del musée des Arts décoratifs, India Mahdavi, architetto, designer e scenografo, Isabelle de Ponfilly, presidente del consiglio di amministrazione dell’École nationale supérieure des Arts décoratifs, e presieduta da Sam Stourdzé, direttore dell’Accademia di Francia a Roma - Villa Medici.

Il bando prevede il riallestimento di tre camere entro il 2023 e seguiranno poi altri due bandi nei prossimi mesi per il riallestimento di nove camere totali. Il bando di concorso rientra in un ambizioso progetto di riallestimento per il 2025 intitolato Restituire l’incanto a Villa Medici, basato su una partnership inedita con il Mobilier national, con l’obiettivo di far dialogare il design,l’architettura, l’interior design, la tappezzeria e le arti della tavola.

L’impegno della Fondazione Bettencourt Schueller a fianco di Villa Medici rientra nel comune intento di promuovere la creazione contemporanea nel campo dell’artigianato artistico. Per questo l’Accademia di Francia a Roma - Villa Medici e la Fondazione Bettencourt Schueller lanciano quest’anno un programma di residenza dedicato all’artigianato. In questo contesto, due progetti artistici di artigianato saranno ospitati ogni anno in residenza a Villa Medici. I primi due residenti selezionati sono la tornitrice di metallo Mylinh Nguyen e il duo di designer Caterina e Marc Aurel.

Con lo stesso obiettivo, la Fondazione Bettencourt Schueller sostiene anche il programma pedagogico Residenza Pro di Villa Medici per rafforzare la sensibilizzazione ai mestieri d’arte. Questo programma educativo per gli studenti delle scuole superiori professionali e agricole delle regioni francesi, avviato nel 2021 dall’Accademia di Francia a Roma - Villa Medici, si propone di lavorare ogni anno su un’abilità collegata ai campi di eccellenza delle correnti professionali per esplorare tutte le espressioni tecniche, sociali, artigianali e artistiche. Nel 2023 seicento studenti saranno accolti a Villa Medici provenienti dalle regioni Grand-Est e Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

Per partecipare al bando: https://villamedici.it/attualita/bando-di-concorso-per-la-riqualificazione-delle-camere-di-villa-medici/

Immagine: Vista aerea di Villa Medici © M3 Studio

Riallestire le camere degli ospiti di Villa Medici: l'Accademia di Francia a Roma lancia un bando
Riallestire le camere degli ospiti di Villa Medici: l'Accademia di Francia a Roma lancia un bando


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


La prima volta dell'Uganda: il Padiglione del paese africano alla Biennale di Venezia
La prima volta dell'Uganda: il Padiglione del paese africano alla Biennale di Venezia
L'artista ghanese Ibrahim Mahama vince la XXIII edizione del Premio Pino Pascali
L'artista ghanese Ibrahim Mahama vince la XXIII edizione del Premio Pino Pascali
Un'opera di Richard Long, grande artista della Land Art, arriva all'Acropoli di Atene
Un'opera di Richard Long, grande artista della Land Art, arriva all'Acropoli di Atene
Roma, performance trasforma le farmacie dell'Esquilino in discoteche: si balla sotto le insegne
Roma, performance trasforma le farmacie dell'Esquilino in discoteche: si balla sotto le insegne
Il Recovery Fund diventa un'opera di street art: succede a Roma
Il Recovery Fund diventa un'opera di street art: succede a Roma
Giulio Di Sturco, ovvero la fotografia per capire come sarà il futuro
Giulio Di Sturco, ovvero la fotografia per capire come sarà il futuro