Villae Film Festival, Adrian Paci vince il premio Metamorphosis dedicato alla videoarte


Adrian Paci vince il premio Metamorphosis, primo appuntamento dedicato alla videoarte di Villae Film Festival, con Centro di permanenza temporanea (2007). Opera di grande attualità anche se realizzata quindici anni fa.

Con Centro di permanenza temporanea (2007), Adrian Paci vince il premio Metamorphosis, primo appuntamento dedicato alla videoarte di Villae Film Festival, organizzato dall’Istituto Villa Adriana e Villa d’Este – Villae e dall’Associazione Culturale Seven. Il riconoscimento consiste nella possibilità da parte dell’artista di girare un suo cortometraggio all’interno delle Villae.

Ad annunciare il vincitore è Andrea Bruciati, storico dell’arte e direttore dell’Istituto tiburtino, nell’ultima serata della quarta edizione della rassegna cinematografica Villae Film Festival.

Dodici le opere esaminate: Yuri Ancarani, Baal, 2007; Elisabetta Benassi, You’ll never walk alone, 2000; Simone Berti, Luce, 1993; Alex Cecchetti e Christian Frosi, Attraversamento del ponte di Millau, 2005; Paolo Chiasera, Lo scoglio alto, 2005; Michael Fliri, Come out and play with me, 2003; Marzia Migliora, Efi, 2003; Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini, Hurt so good, 1999; Adrian Paci, Centro di permanenza temporanea, 2007; Alessandra Spranzi, Il viaggio, 2004; Nico Vascellari, Nico & The Vascellaris, 2005; Italo Zuffi, Perimetro, 2000.

Le opere in concorso sono visibili fino al 13 novembre 2022 nello spazio multimediale Kaleidoscope di Villa Adriana nell’ambito del terzo episodio espositivo di Vita Nova: arte in Italia alla luce del nuovo millennio, che prevede una ricognizione sull’arte italiana in via di storicizzazione dal 1990 al 2010.

"Risulta di certo la grande attualità di un’opera che, seppur realizzata quindici anni fa, rimane purtroppo ancora oggi di cogente interesse, perché scava all’interno del senso di colpa di noi occidentali. Di certo la riflessione si estende alle radici intese non solo come un’esperienza privata drammatica, ma come condizione esistenziale condivisa da un’umanità instabile, senza più saldi vincoli di appartenenza, dove discriminatorio resta da che parte del mondo si nasce. Crudo nella tragica semplicità del suo linguaggio, risulta un’opera classica per l’immediatezza comunicativa e l’essenzialità formale con cui è concepita", ha dichiarato Andrea Bruciati.

Aeroporto di San Jose, California: un gruppo di migranti va in fila verso la scala di un aereo. La telecamera si avvicina ai loro volti scrutando i loro sguardi persi all’orizzonte, le rughe della pelle, i dettagli del loro abbigliamento quasi fosse l’occhio di un’autorità sovrannaturale o semplicemente doganale che li ispeziona. A poco a poco la scala si riempie di persone che si ammassano sempre più; unico piccolo problema: non c’è alcun aereo. I migranti rimangono bloccati sulla scala isolata al centro dell’aeroporto: non sono più dove erano, ma non hanno destinazione, sono in un limbo. La loro condizione esistenziale è quella di restare sospesi, in un luogo indefinito, immobili comparse di un destino impossibile mentre dietro di loro atterrano e arrivano aerei, ignari del dramma che si sta perpetuando.

Adrian Paci è nato nel 1969 in Albania e vive e lavora a Milano. Ha studiato pittura all’Accademia delle Arti di Tirana e suo insegnante è stato Edi Rama. Nei suoi lavori Adrian Paci usa diversi linguaggi realizzando dipinti, sculture e video. Una sua serie è costituita da quadri realizzati a partire da fotogrammi de Il Vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini, poi confluiti nell’istallazione Cappella Pasolini. I temi dell’esilio, della lontananza, del distacco ricorrono in molte sue opere. Ha esposto c i suoi lavori in tutto il mondo, da Milano a Zurigo, da Los Angeles a Stoccolma, Tel Aviv, Amsterdam, Istanbul, Londra, New York.

Immagine: Adrian Paci, Centro di permanenza temporanea (2007; video, 4’32”, 16/9)

Villae Film Festival, Adrian Paci vince il premio Metamorphosis dedicato alla videoarte
Villae Film Festival, Adrian Paci vince il premio Metamorphosis dedicato alla videoarte


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE