Street art contro i poliziotti che picchiano gli studenti. L'opera di Cristina Donati Meyer


Si intitola “Acculturateli!” l’ultima opera della street artist Cristina Donati Meyer: l’artista si schiera dalla parte degli studenti che protestano contro l’alternanza scuola-lavoro e che in alcuni casi sono stati picchiati selvaggiamente dalla polizia.

Non si arresteranno le proteste degli studenti che sono già scesi a migliaia nelle piazze di decine di città italiane in questo fine settimana e annunciano che sarà un febbraio caldo: gli studenti chiedono infatti di rivedere il modello di formazione che si è imposto negli ultimi anni, partendo da una revisione della formula dell’esame di maturità dopo due anni di pandemia, didattica a distanza e lockdown, e dall’abolizione dell’alternanza scuola-lavoro, ovvero il percorso introdotto dal governo Renzi che obbliga gli studenti a svolgere tirocini entro realtà lavorative. L’alternanza è stata messa sotto dura accusa soprattutto dopo la morte di Lorenzo Parelli, morto durante il suo ultimo giorno di stage presso un’azienda di Udine: si contesta il fatto che tolga ore utili alla formazione e il fatto che spesso le aziende non seguano i protocolli di sicurezza.

Alla protesta degli studenti adesso si unisce anche la street art di Cristina Donati Meyer, artista milanese classe 1985 che è solita esprimersi attraverso poster e manifesti che, con un linguaggio molto diretto, sottolineano tutte le storture della società. La sua nuova opera, Acculturateli!, si riferisce in particolare a quanto successo durante alcune manifestazioni, quando i poliziotti, in tenuta antisommossa, si sono accaniti contro gli studenti, picchiandoli a volte anche selvaggiamente.

Con la sua opera, che rappresenta una bambina intenta a lanciare libri in direzione di un agente in tenuta antisommossa, Cristina Donati Meyer, che ama definirsi “artivista”, intende manifestare la piena solidarietà al movimento studentesco e alle ragazze e ragazzi picchiati la scorsa settimana, durante le cariche della Polizia. “La risposta non può essere la violenza”, dichiara l’artista, “ma una valanga di libri che seppellisca politici e poliziotti, affinché si acculturino e imparino a dare risposte e a dialogare (non a picchiare con i manganelli) con studentesse e studenti che rappresentano il futuro di questo Paese”.

Street art contro i poliziotti che picchiano gli studenti. L'opera di Cristina Donati Meyer
Street art contro i poliziotti che picchiano gli studenti. L'opera di Cristina Donati Meyer


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il Recovery Fund diventa un'opera di street art: succede a Roma
Il Recovery Fund diventa un'opera di street art: succede a Roma
Cinema chiusi per Covid? In Puglia, le loro bacheche ospitano opere d'arte in una mostra diffusa
Cinema chiusi per Covid? In Puglia, le loro bacheche ospitano opere d'arte in una mostra diffusa
Una scultura femminista sta facendo impazzire il Brasile: è un'enorme vulva rossa in un parco
Una scultura femminista sta facendo impazzire il Brasile: è un'enorme vulva rossa in un parco
Mark Bradford presenta online i suoi nuovi dipinti: i “Quarantine Paintings”
Mark Bradford presenta online i suoi nuovi dipinti: i “Quarantine Paintings”
Milano, una grande opera di Jeff Koons alle Gallerie d'Italia di piazza Scala
Milano, una grande opera di Jeff Koons alle Gallerie d'Italia di piazza Scala
Corsi e ricorsi storici: l'aereo di Cattelan e quello di Ico Parisi
Corsi e ricorsi storici: l'aereo di Cattelan e quello di Ico Parisi