Padova, l'ex Chiesa di Sant'Agnese diventerà, dopo il restauro, un centro di arte contemporanea


L’ex Chiesa di Sant’Agnese di Padova diventerà sede della Fondazione Alberto Peruzzo e accoglierà arte contemporanea. Intanto ha preso il via il progetto Ante-Poster attraverso cui sei artisti racconteranno il processo di restauro in corso. 

Ha preso il via dall’1 dicembre, con il manifesto dell’artista Ignacio Uriarte, il progetto Ante—Poster che per circa dieci mesi, grazie alle opere di sei artisti (Serena Fineschi, Susanne Kutter, Marc Nagtzaam, Giulia Siviero e Esther Stocker), accompagnerà gli ultimi lavori di restauro della Chiesa di Sant’Agnese di Padova, sostenuti dal 2013 dalla Fondazione Alberto Peruzzo

Sulle vetrine di quelli che saranno gli spazi del bookshop della Fondazione, saranno quindi affissi i manifesti creati dagli artisti al fine di raccontare al pubblico il processo di restauro in corso, che si concluderà nella primavera del 2022. Ogni due mesi circa, verrà affisso un nuovo manifesto pensato ad hoc per il progetto e tutte le opere saranno poi stampate su carta fine art in edizione limitata a 100, di carte d’artista. L’iniziativa intende avviare una relazione diretta con la comunità, in dialogo con l’importante progetto di recupero storico e architettonico della chiesa. 

Il progetto Ante—Poster nasce dalla collaborazione con lo studio di direzione artistica e progettazione grafica Multiplo. L’iniziativa della Fondazione Alberto Peruzzo si inserisce nella sua mission istituzionale, volta al recupero, alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico del territorio, a cui si unisce il contributo alla promozione e diffusione dell’arte contemporanea. 

La chiesa di Sant’Agnese è tra le più antiche di Padova e, al termine dei lavori, sarà restituita al pubblico dalla Fondazione, che ne farà un luogo di cultura e di dialogo con l’arte contemporanea: la navata sarà uno spazio dedicato a installazioni temporanee, mentre la sacrestia diventerà uno spazio espositivo per la collezione permanente della Fondazione, che comprende, tra le altre, opere di Picasso, Balla, De Chirico, Dubuffet, Vedova, Schifano, Haring, Fontana e Warhol. Sotto il piano terra, un’area storica permanente raccoglierà una serie di reperti ritrovati nel corso dei restauri, tra cui frammenti d’affresco del Trecento, e alcuni sepolcri, mentre il terrazzo sopra la sacrestia accoglierà grandi sculture ed eventi.

Padova, l'ex Chiesa di Sant'Agnese diventerà, dopo il restauro, un centro di arte contemporanea
Padova, l'ex Chiesa di Sant'Agnese diventerà, dopo il restauro, un centro di arte contemporanea


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


La Biblioteca Vaticana apre per la prima volta all'arte contemporanea: la mostra di Pietro Ruffo
La Biblioteca Vaticana apre per la prima volta all'arte contemporanea: la mostra di Pietro Ruffo
Libri d'artista in una collettiva diffusa nel modenese sull'Ultraromanticismo
Libri d'artista in una collettiva diffusa nel modenese sull'Ultraromanticismo
A Carrara la collettiva KRU: giovani artisti che si cimentano coi codici del nostro tempo
A Carrara la collettiva KRU: giovani artisti che si cimentano coi codici del nostro tempo
A Milano nasce un murale ispirato a Casa Battló di Gaudì: è “The Vision” di Cheone
A Milano nasce un murale ispirato a Casa Battló di Gaudì: è “The Vision” di Cheone
Milano, sei gallerie fanno squadra per valorizzare il quartiere Monti
Milano, sei gallerie fanno squadra per valorizzare il quartiere Monti
Un'opera di Richard Long, grande artista della Land Art, arriva all'Acropoli di Atene
Un'opera di Richard Long, grande artista della Land Art, arriva all'Acropoli di Atene